Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2019

Dalian Atkinson: solo contro tutti

| Simone Tommasi | La storia di Dalian Atkinson, protagonista di una delle immagini più iconiche della Premier League

E rimasero in quattro

| Francesco Lalopa | La più importante competizione continentale sta per giungere al termine. Dopo degli emozionantissimi quarti di finale, in grado di regalarci anche importanti sorprese, ora è il turno delle semifinali, con due sfide che promettono di regalare scintille.

Da dove deve ripartire la Juventus?

| Luca Balbinetti | La squadra di Allegri proprio nell’anno in cui, a detta di molti, era quasi obbligata a fare il triplete, per la prima volta durante la gestione del tecnico livornese torna a casa “solamente” con lo scudetto in mano.

Finale inaspettata ma meritata

| Emanuele Onofri | Sarà Lazio - Atalanta la finale di Coppa Italia che andrà in scena il 15 maggio allo Stadio Olimpico, una sfida che non ci si aspettava ad inizio stagione, ma che le due squadre hann o meritato nel corso della competizione, soprattutto per le due semifinali giocate: due sfide ad alta tensione ma molto diverse sul piano tattico come si può notare dai risultati totali scaturiti, ma andiamo per ordine. Mercoledi sera la Lazio si è presentata a San Siro forte della rete inviolata in casa ma con l’obbligo di dover segnare almeno una rete all’ottima difesa rossonera per poter sperare nel passaggio del turno dopo lo 0-0 dell’andata. Come se non bastasse il clima di una semifinale la sfida è stata ulteriormente caricata di tensione dopo il recente Milan-Lazio di campionato, partita importantissima in zona Champions e finita 1-0 per i rossoneri con tanto di polemica per il comportamento antisportivo di Bakayoko e Kessie. La partita è stata come ci si aspet

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa | Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League.  Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro. Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo

Fra colpi ed esclusioni

Colpi importanti, esclusioni importanti.

Tanto orgoglio, zero concretezza

| Lele Aglietti | Bisogna dirlo, l'orgoglio stavolta non manca. Anche il Napoli vede chiudersi le porte dell'Europa ma è giusto dire che lo faccia chiedendo un rispetto oggettivamente dovuto.

Certezze che crollano

| Paolo Brescia , Emanuele Ciccarese | La Champions è una competizione senza ragione eppure con le sue giuste ragioni. Il palcoscenico della Coppa campioni annienta certezze e crea squadroni, consegna la gloria e delude i potenti. La grande qualità di ciò che ci si gioca, poi, crea aspettative che se deluse portano alla disperazione, che è un sentimento che solo i grandissimi club sanno governare.

A che punto è la Serie B?

| rio_alve | Lo scorso turno di Serie A ha già emesso il primo inesorabile verdetto. Il Chievo, dopo un decennio di campionati consecutivi nella massima serie, è ufficialmente retrocesso in Serie B. Nella serie cadetta, invece, a meno di 500 minuti dalla conclusione del torneo, non è stata emessa alcuna sentenza, tanto in testa quanto in coda. L’anomalo campionato a 19 squadre ha infatti compattato la classifica lasciando poco spazio a fughe inesorabili o a crolli verticali: la classifica ci appare infatti spezzettata in ben quattro blocchi di squadre: la lotta per la promozione diretta, il treno play off, la tranquillità, la bagarre salvezza. Partiamo proprio da qui. Sei squadre si contendono la salvezza: di queste tre retrocederanno direttamente, due passeranno attraverso il play out ed una sarà tranquillamente salva. Mentre Padova e Carpi, con i loro 25 punti appaiono piuttosto attardate sul fondo della classifica, molto equilibrato appare il blocco dal 14° al 17° posto: il

Eurosfidanti al ritorno: Ajax

| Francesco Lalopa | Reduci dal pareggio della sfida d'andata, Juventus ed Ajax si giocheranno l'accesso alla semifinale di Champions League questa sera allo "Stadium" nei restanti 90 minuti di questo avvincentissimo accoppiamento. Quali saranno gli accorgimenti che dovrà prendere Massimiliano Allegri per l'impegno di serata ?   Anche in questo turno i bianconeri arrivano alla sfida di ritorno con a qualificazione ancora tutta da conquistare. A differenza del sorteggio con l'Atletico Madrid però, non saranno chiamati a compiere un'impresa, dato che il pareggio conquistato ad Amsterdam è un risultato che risulta utilissimo alla squadra di Allegri, permettendo di poter impostare la partita in modo anche più accorto, quasi speculativo. Di certo l'Ajax invece, avrà quasi l'obbligo di impostare una partita aggressiva ed offensiva, come già fatto tra l'altro nel doppio scontro col Real Madrid nel turno precedente, quando hanno regalato a

Zampate importanti

| Emanuele Ciccarese | In alto e in basso.

Proposte per il weekend

| Francesco Zamboni | Poche le partite di cartello in questo weekend, ma resta il fascino per intensità e importanza in vista della fine della stagione.

Rimpianto Napoli, in attesa del ritorno

| rio_alve | Il sorteggio di Nyon aveva consegnato al Napoli uno degli avversari più temibili del lotto degli sfidanti e la partita di ieri ne ha dato ampia conferma. L’Arsenal ha dominato a lunghi tratti la gara, suggellando, con un secco 2-0, una vittoria che già da ora profuma di semifinale.

Eurosfidanti: Arsenal

| Federico Sborchia | Dall'ultimo confronto tra Arsenal e Napoli sono passati cinque anni e mezzo e sono cambiate veramente tante cose: i Gunners hanno alzato tre FA Cup e salutato il più grande allenatore della loro storia mentre il Napoli sta vivendo il miglior momento della sua storia recente, consolidando il suo status di big del calcio italiano.

Stravolgimenti improbabili

| Emanuele Ciccarese | Le andate dei quarti di Champions ci lasciano con due partite chiuse e due aperte, ma dall'improbabile stravolgimento di forze.

Bundes: lotta continua

| Paolo Grimaldi | A sei giornate dalla fine del campionato tedesco è più agguerrito che mai lo scontro al vertice tra Borussia e Bayern. Nel weekend i gialloneri hanno ricevuto una vera e propria lezione di calcio in casa dei bavaresi subendo un pesantissimo 5-0 con allegato sorpasso in vetta. Il Bayern ha così ultimato la rimonta ed ora deve evitare passi falsi per regalare ai propri tifosi il settimo titolo consecutivo.

Eurosfidanti: Ajax

| Francesco Lalopa | Dopo l'ostacolo Atletico Madrid, superato grazie all'impresa dello Juventus Stadium, i bianconeri dall'urna di Nyon hanno pescato l'Ajax, una tra le avversarie meno quotate sulla carta, nonostante gli olandesi abbiano già fatto una vittima eccellente nel turno precedente: il Real Madrid. L'Ajax ha concluso il suo girone di Champions League secondo alle spalle del Bayern Monaco, dopo aver conquistato 3 vittorie e 3 pareggi, segnando 11 reti ma subendone solo 5. Ad aver frenato la corsa della giovane squadra olandese al primo posto del girone è stato proprio il pareggio coi tedeschi nell'ultima giornata.  Nel proprio campionato invece i lancieri conducono in classifica a parimerito con un'altra storica del calcio olandese come il PSV,  nonostante sia netta la differenza rispetto alle altre avversarie, rimarcata da i numeri che la collocano come miglior attacco della lega ( ben 100 le marcature siglate fino ad ora ) e come s

Punti pesanti

| Paolo Brescia | Sono tutti punti pesanti quelli in palio da qui all'immediato, anche solo da qui a Pasqua. Sono punti che usciranno da scontri diretti europei, con possibilità di fughe e residui barlumi di accorciare il tabellone in pochi metri. Intanto, dal turno del weekend, quello che certifica quasi con la matematica l'incredibile corsa della Juve, esce bene la Roma, vittoriosa a Marassi col gol spazza-guai di De Rossi. Le altre faticano.

Proposte per il weekend

| Francesco Zamboni | Un weekend primaverile niente male.

Fragili equilibri

| Francesco Lalopa | E' una Serie A fatta di equilibri molto fragili quella che stiamo vivendo in questa stagione. E se questo discorso può esser fatto escludendo la Juventus, autentica schiacciasassi, le altre 19 della competizione ci stanno mostrando ampiamente come una stagione possa vivere alti e bassi clamorosi.  Non è fragile la Juventus, assolutamente ingiocabile per chiunque. E se nella sfida di sabato con l'Empoli c'è stato qualche affanno, il Cagliari, di solito molto ostico tra le mura casalinghe, è stato un avversario molto più abbordabile. Al netto però di qualche "ululato" e dichiarazione che poco c'entravano con la manifestazione sportiva, dimostrando ancora una volta quanto indietro siamo rispetto a queste tematiche nel nostro paese. Vanno a fasi alterne Napoli ed Inter. I partenopei dopo la schiacciante vittoria di domenica all'Olimpico contro una disastratissima Roma, si perdono in un bicchier d'acqua al cospetto di

La Serie A femminile a 180' dalla fine

| rio_alve |   La nazionale femminile di calcio continua il suo percorso di avvicinamento ai mondiali di Francia apprestandosi a scendere in campo in due amichevoli rispettivamente contro Polonia e Irlanda. La serie A concede a sé stessa quindi un turno di riposo e a noi l'occasione per fare una fotografia del campionato fin qui giocato.

11 rivelazioni di Premier

| Federico Sborchia | A 7 giornate dalla fine arriva il momento di tirare qualche somma su questa stagione che sta imboccando l'ultima curva prima del traguardo. Ecco quindi le 11 rivelazioni di questa Premier League. 

Di male in peggio

 | Paolo Brescia | Se può andare male, sicuramente può anche andare peggio di male. L'impressione che giunge dalle tre squadre teoricamente più attrezzate per i posti Champions è quella di un affannoso incedere che aspetta soltanto la fine della stagione, quabdo i giochi saranno chiusi e si tirerà una linea col passato. Linea che per la Roma sarà di demarcazione tra quello che è oggi, una stagione infernale, e quello che sarà domani, una costante incertezza tecnica e gestionale, linee un attimo più nitide per le milanesi. Col cavillo Icardi, la "fiction" su cui noi, almeno, non abbiamo intenzione di pasteggiare.