Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2019

Dalian Atkinson: solo contro tutti

| Simone Tommasi | La storia di Dalian Atkinson, protagonista di una delle immagini più iconiche della Premier League

Il Marashiallo

| Gianluca Losito | Marash Kumbulla é uno dei giovani difensori più peculiari della Serie A.

Squadre che sanno di esserlo

| Paolo Brescia | Dopo quattordici turni ci sono alcune squadre che sanno di esserlo, altre no, o fanno finta di no. E saper essere squadra vale più dei punti in classifica, ma poi arrivano anche quelli.

Basta poco per avere tanto

| Paolo Brescia | E' la Serie A: ti basta poco, alle volte, per fare tanto. Bastano secondi tempi, bastano 10 minuti, basta un gol, basta che sbaglino le altre: ognuno ha il suo motivo per gioire o, ovviamente, per recriminare.

Come funziona il Lipsia di Nagelsmann?

| Simone Maloni | Prima analisi di uno dei progetti più interessanti del panorama europeo.

(Non) c'è spazio per tutte

| Paolo Brescia | Sono troppe e non c'è spazio per tutte, ma in fondo lo sappiamo che c'è, perché abbiamo ancora mesi di emozioni davanti a noi. Con questa idea la Serie A va in pausa.

Prospettive, limiti e peculiarità di Gaetano Castrovilli

| Gianluca Losito | Che giocatore è Gaetano Castrovilli?

Chi ci prova ci riesce

| Paolo Brescia | E' dimostrabile: quando ci provi riesci a prendere il bottino pieno, quando tentenni ti assaltano le altre. E' capitato in particolare a Juve, Inter, Roma, Lazio e Cagliari. 5 vittorie per 5 posti, tutte gare di intensità.

Quali equilibri per la Serie A?

| Paolo Brescia | Equilibrio probabilmente già strutturato in Serie A. 

Thiago Motta, il predestinato

Gianluca Losito Focus su Thiago Motta, nuovo allenatore del Genoa, vittima di fraintendimento.

Il vento capitolino

| Mattia Brogno | Cos'è la Roma di Fonseca, oggi?

Senza troppi scrupoli

| Paolo Brescia | Dopo otto turni esce fuori chi è senza troppi fronzoli, o scrupoli se vogliamo, e chi invece ha la riserva perennemente attiva. E deve cambiare, partendo proprio da una sfida-verità.

Verso la sfida verità con l'Europa in mezzo

| Paolo Brescia | È già Inter - Juve, è già il confronto che può decidere mezza o più della stagione appena partita. Di mezzo c'è l'Europa, e nella testa una grande voglia di fuga. 

Napoli, colpi di qualità

| Emanuele Onofri | Sempre secondo questa linea Aurelio De Laurentiis ed il DS Giuntoli sono intervenuti sul mercato per migliorare il Napoli che ora sembra essere arrivato all’apice di questo ciclo.

Cercano lo sprint

| Paolo Brescia | Alcune cercano lo sprint. E' di tutta evidenza.

Una nuovissima Inter

| Alessio Sirna | Conclusasi ufficialmente la prima sessione di mercato con Marotta e Conte al ponte di comando, è giunto il momento di tirare le somme dopo le primissime partite stagionali.

Prime certezze

| Paolo Brescia | Al terzo giro in archivio (aspettando Torino-Lecce stasera) si può mettere ordine sulla situazione in Serie A riassumendo le nove gare in certezze e timori. D'altronde sono paure e sicurezze a dare forma al mondo, la Serie A non è da meno.

Profiling Mkhitaryan e Sanchez

| Federico Sborchia | Il 22 gennaio 2018 Arsenal e Manchester United annunciavano il completamento dello scambio tra Alexis Sanchez ed Henrikh Mkhitaryan. Diciotto mesi dopo i due si troveranno a giocare in Serie A rispettivamente con Inter e Roma dopo che United e Arsenal hanno reputato non più utile la loro permanenza.  L'arrivo di Sanchez ai Red Devils è stato oggetto di una lunga telenovela di mercato in cui il cileno, prossimo alla scadenza di contratto con l'Arsenal, aveva quasi ultimato il passaggio al Manchester City in due occasioni: la prima nell'estate 2017 e la seconda proprio nel gennaio 2018. Allettato dalla ricchissima proposta dei Red Devils - da 350mila sterline a settimana - e incerto sullo spazio che avrebbe potuto trovare nell'affollatissimo reparto offensivo del City, il cileno ha alla fine scelto di andare alla corte di Mou. Le aspettative sul Niño Maravilla erano altissime visti i numeri strabilianti avuti all'Arsenal - 80 gol e

Cardiopalma, da subito

| Paolo Brescia | L'umidità, forse è questa la spiegazione razionale, gioca brutti scherzi e capita di trovarsi a vivere un derby di Roma che non è reale, è oltre il reale. E "regala" sofferenze, condendo un turno già acceso dal big match del sabato, Juve-Napoli terminato come solo uno juvenapoli sa fare. L'Inter rafforza la vetta. E ora una pausa utilissima per capire dove puntare la bussola.

Tecnica, polemica, qualità

| Paolo Brescia | Prime sensazioni in Serie A, primi sguardi ad un campionato che deve già trovare l'antidoto alle polemiche.

C'è la Serie A, tranquilli

| Paolo Brescia | Finalmente. La Serie A riapre il suo consueto forno, con il calcio visto da me all'ottavo (!) giro di boa insieme a voi. Pronti a commentare il campionato degli italiani con la sorpresa di sempre, l'aspettativa di ogni volta e la passione che non cambia. Tanti interrogativi sulle 38 giornate che partono oggi, ma anche un buon numero di punti fermi.

Ones to watch - Premier League

| Federico Sborchia | Premier al via, le nostre impressioni su chi puntare, ai blocchi di partenza.

Rivoluzionare il Calcio con 5 cose americane

| Simone Maloni | Quando guardi Pirlo e vedi Brady ti vengono in mente queste provocazioni.

De Ligt, il giovane leader

| Simone Maloni | "Esiste un colpo più esaltante di De Ligt?"

Cosa è successo al Mondiale femminile?

| rio_alve | Negli anni dispari si rubano vicendevolmente la scena molte manifestazioni internazionali. Di solito il calendario calcistico è schiacciato su mondiali ed europei in un ritmo biennale consolidato da decenni, lasciando così gli anni dispari alle restanti manifestazioni. Il mese di giugno del 2019, in virtù di questa salda organizzazione, è andata in scena l’ottava edizione del Campionato mondiale di calcio femminile.

Under 21: Analisi della sconfitta

| Luca Balbinetti | Analizzare la nostra Under 21 non è mai cosa semplice per diverse ragioni; prima fra tutte, la concezione che si ha delle nazionali minori nel nostro paese. 

Sarri bianconero

| Alessio Sirna | È una notizia che sa di rivoluzione, ma anche di rischio; la scelta di Maurizio Sarri, infatti, mette inevitabilmente in evidenza la voglia da parte della dirigenza bianconera di un cambio di rotta, di un cambio radicale del modo di pensare juventino: vincere è sì l’unica cosa che conta, ma giocando un calcio soddisfacente e divertente. La stagione della Juventus sarà determinante, se non addirittura decisiva. Con l’investimento fatto l’anno scorso, la tanto agognata Champions non è arrivata e Cristiano Ronaldo ha un’età per la quale la prossima stagione diventa probabilmente l’ultimo proiettile per centrare il bersaglio. L’unica cosa veramente certa, è che il tecnico napoletano sia profondamente diverso da Massimiliano Allegri. 

Fonseca giallorosso

| Michele Mazzella | A Roma continua la rivoluzione permanente: inizia un nuovo corso con in panchina il portoghese Paulo Fonseca.

Conte nerazzurro

| Alessio Sirna | Ad Appiano Gentile con l'arrivo di Antonio Conte si respira aria di decisivo passo avanti. Conosciamo tutti l’impronta tattica che il tecnico leccese è solito imprimere alle proprie squadre: un 3-5-2 polivalente e camaleontico, in grado di adattarsi a ogni sistema di gioco e che all’occorrenza si può trasformare in 3-4-3. Probabilmente Conte vorrà riproporre la stessa impostazione anche a Milano, con la speranza di ottenere lo stesso risultato ottenuto a Londra due stagioni fa. Innanzitutto, Conte, come suo solito, farà molto affidamento sul pacchetto difensivo, che mai come quest’anno può offrire grandi garanzie, soprattutto grazie all’imminente arrivo di Diego Godin, che può fornire esperienza e carisma alla causa nerazzurra. Nonostante ciò, nel gioco di Conte hanno rivestito un’importanza fondamentale la presenza di David Luiz, impiegato talvolta come centrale di difesa e talvolta come mediano di centrocampo, e di Bonucci, il compito dei qual

Viola a stelle e strisce

| rio_alve | La stagione, partita timida e fresca, si è ormai consegnata al sole e alle temperature calde. E’ giunta l’ormai l’estate astronomica ma il sole che brucia la pelle ha fretta di annunciarla. Nel calcio, l’estate, è sinonimo di calciomercato, di trattative, di ingaggi e di immancabili sogni. La stagione corrente non ha ancora regalato colpi da far vibrare i polsi ai tifosi, in compenso, la vera novità, è il passaggio di mano della Fiorentina dai fratelli Della Valle all’italo americano Rocco Commisso.

Rinascita con Mancini?

| Alessio Sirna | Un anno di Mancini commissario tecnico: cosa è cambiato?

La Top 11 vista da noi

| Redazione | La Top XI della Serie A appena conclusa, votata dalla redazione, come ogni anno. REPARTO DIFENSIVO Tra i pali troviamo Salvatore Sirigu, protagonista della quinta miglior difesa della Serie A: solo 37 le reti subite dal Torino. E se il Torino ha avuto un ritmo da Europa League (non raggiunta perché la Lazio, arrivata ottava, ha vinto la Coppa Italia, ndr) è stato sicuramente merito di Armando Izzo (il difensore più votato): per il centrale di Scampia il 64% di contrasti riusciti e ben 4 reti, solo un errore difensivo decisivo in ben 37 presenze su 38. Poi troviamo Kalidou Koulibaly, autore di un'altra stagione strepitosa: è l'unico giocatore che troviamo anche nella Top XI della scorsa stagione . Poi un suo prossimo compagno di squadra (appena acquistato dal Napoli per 8 milioni di euro più bonus) una delle rivelazioni di quest'anno: Giovanni Di Lorenzo. Il terzino destro dell'Empoli di Andreazzoli è stato autore di una stagione

La notte dei campioni

| Francesco Lalopa | Una finale di Champions League un po' scarna e povera di emozioni regala agli annali il Liverpool come vincitrice di questo ambito trofeo, in un derby inglese ( il secondo in pochi giorni ), inaspettato ed impronosticabile a settembre.  La stagione "europea" delle due finaliste non era iniziata nel migliore dei modi: entrambe sorteggiate in gironi ostici, hanno douto lottare fino all'ultima giornata ed all'ultimo minuto di gioco per potersi garantire l'accesso alla fase successiva della competizione, col Liverpool che ha avuto la meglio sul Napoli nello scontro diretto ed il Tottenham che invece ha scalzato l'Inter grazie ad un fortunoso intreccio di risultati.  Ma nessuna delle due squadre rivelatesi poi finaliste sembrava poter ripetere, almeno nella prima parte della competizione, il percorso della stagione passata: i "reds" non erano più la squadra divertente ed aggressiva che aveva raggiunto la finale d

Verona-Cittadella: Un ritorno ancora aperto

| rio_alve | Mentre il Palermo si salva dalla serie C grazie ad una sentenza della corte d’Appello Federale, i playoff sono sul punto di svelare la terza squadra che il prossimo anno farà compagnia a Brescia e Lecce in serie A.

Tottenham-Liverpool: la finale inedita

| Emanuele Ciccarese | Stasera al Wanda Metropolitano di Madrid va in scena una finale inedita.

Tra le stelle

| Francesco Lalopa | Riuscire ad imporsi come realtà credibile nel calcio non è mai facile, specie senza un progetto serio alle spalle. La programmazione è tutto e l'Atalanta è la squadra che meglio lo sta dimostrando nelle ultime stagioni. Quest'anno, a coronare il lavoro della società nerazzurra, è giunta una meritatissima qualificazione in Champions League. 

La vittoria di Sarri

| Emanuele Ciccarese | Trionfa il Chelsea, trionfa il Chelsea di Sarri.

Il London Derby dei London Derby

| Emanuele Onofri | Ci siamo, questa sera a Baku si giocherà Chelsea-Arsenal, il centonovantottesimo incontro tra le due squadre, solo il terzo in ambito europeo, e varrà per la conquista dell’Europa League.

Fine di una Premier favolosa

| Federico Sborchia | Per quello che ci ha mostrato lungo questi nove mesi, quella appena conclusa potrebbe passare alla storia come una delle stagioni di Premier League più belle di sempre, con un carico di emozioni incredibile e una qualità di calcio sempre fenomenale. Ad aggiudicarsi la coppa è stato, per il secondo anno di fila, il Manchester City ma oltre a questo ci sono stati tanti altri verdetti importanti.

Sipario e lacrime

| Paolo Brescia | La Serie A ci saluta, le squadre piangono i loro giocatori che lasciano il campo, l'ultimo passaggio è compiuto, i verdetti finali giungono: è il classico, anche se condito da emozioni esageratamente forti, finale di stagione. 

Vignato, il talentino italo-brasiliano

| Emanuele Onofri | Una delle piacevoli sorprese di questo finale di stagione è sicuramente Emanuel Vignato, attaccante italo-brasiliano classe 2000 in forza al Chievo. 

Con un occhio al presente ed uno al futuro

| Francesco Lalopa | Giunti finalmente alla conclusione di questa annata calcistica, in Spagna si possono iniziare a tirare le prime conclusioni, pensando agli errori commessi ed alle possibili soluzioni in vista della prossima stagione.  Per il secondo anno consecutivo il Barcellona ha conquistato il titolo di Campione di Spagna. Non ci sarebbe nulla di anormale se non fosse che anche quest'anno il titolo è stato messo in cascina ben prima della fine del campionato, con la vetta conquistata sin dalle prime giornate e mantenuta per tutto l'arco del torneo. Ben poche le critiche che si possono muovere a questa società sui risultati raggiunti nei propri confini, diversamente da quanto fatto vedere in Europa con la clamorosa eliminazione di Anfield. Di certo però i catalani comunque non resteranno fermi ed infatti già hanno iniziato a muoversi sul mercato con l'arrivo di De Jong dall'Ajax. E questo sembra non essere l'unico arrivo di una estate che si pro