Passa ai contenuti principali

Tra rimpianti, successi ed addii si chiude la serie A

Un grande campione che non verrà mai dimenticato: Alex Del Piero, dopo 19 anni di Juve, lascia la squadra e forse il calcio. Il campionato si chiude quindi con tanti addii perché anche al Milan si è chiuso un ciclo, un ciclo di grandi campioni che avevano portato il Milan sul tetto d'Europa e d'Italia per parecchi anni. Ieri hanno salutato Nesta, Van Bommel, Zambrotta, Inzaghi, Roma e Gattuso, con Seedorf ancora indeciso. Questi saluti non solo sanciscono la fine di un era speciale per il calcio italiano, culminata con la vittoria mondiale nel 2006, ma impongono al Milan un mercato estivo importante, che serve per tornare a vincere. Dall'altra parte però, al primo posto, c'è la Juve, che ha visto un solo addio, e che deve solamente rinforzarsi un po' in vista della Champions. La Juve, a mio avviso, può aprire un ciclo, fare un filotto di vittorie, e rivitalizzare l'orgoglio juventino. Molto passa, paradosso, dalla Coppa Italia, che può confermare l'imbattibilità ed aumentare le aspettative della prossima stagione. Gran parte di quello che di buono ha fatto la Juve lo deve però a due interpreti, Conte e Pirlo, e ad un lungimirante uomo come Marotta, che ci ha visto lungo nel prendere due uomini così, un misto di bravura, grinta e tecnica che da soli hanno portato mezzo scudetto. Insomma la giornata per le due squadre che più di tutte hanno dato spettacolo si può riassumere cosi: lacrime e gioia da una parte(Torino), lacrime e delusione dall'altra. Ieri però hanno vinto, per quel poco che contavano, i rispettivi impegni: 3-1 della Juve con l'Atalanta e 2-1 Milan col Novara. Ironia della sorte hanno segnato Del Piero(2-0) e Pippo Inzaghi(2-1 decisivo, ovviamente nell'altra gara). Lasciano con gol due dei più
grandi campioni degli ultimi anni. Alle 15 anche Cagliari-Fiorentina(0-0), una gara che non dice niente, in una giornata che serve solo da conferma della insufficienza della viola in stagione. Alle 18 va in scena il primo, grande rimpianto della stagione: la Roma. La partita è a dir poco non degna di commento alcuno(2-3 contro il Cesena, retrocesso col Novara), ma il dato evidenziato ieri è lampante: non solo non è partito alcun progetto, ma non si è formata proprio l'idea voluta da Luis Enrique e sostenuta dalla società. Enrique lascia e la Roma adesso deve ripartire, dopo aver subito l'onta dei due derby persi in stagione e di non essersi qualificata ad alcuna competizione europea( colpo di grazia: i top player vogliono giocare queste competizioni...). Ottima la prova del Parma che nel derby col Bologna vince 1-0 e va a pari con la Roma al settimo posto. Ma alle 20.45 si gioca la Champions, e qui si consumano i veri rimpianti. Partiamo però da una favola: l'Udinese di Guidolin e Di Natale, che per il secondo anno consecutivo arrivano ai preliminari di Champions, confermando l'ottimo lavoro della famiglia Pozzo e del tecnico veneto. Anche avendo perso grandi giocatori la squadra friulana si è riconfermata. L'arrivo al terzo posto è stato sancito da una grande vittoria al Massimino di Catania (0-2). Chi invece rimpiange molto la stagione è la Lazio, che con un secco 3-1 all'Inter evita, se la Juve vincerà la coppa italia, di dover iniziare prestissimo la stagione. Almeno l'Europa League è arrivata, sì, ma questa squadra se non fosse stata falcidiata dagli infortuni avrebbe potuto fare ancor meglio. Invece all'Inter tutto sommato va bene così, visto come era iniziata la stagione, sesto posto e pre-preliminari di coppa uefa. Altra delusa è il Napoli, 2-1 al Siena e Chamions sfumata. Ora tutto su Coppa Italia e caso Lavezzi: va via? può partire un grande Napoli senza di lui?. Infine salvezza striminzita del Genoa, con Preziosi che giustamente si dice solo sollevato e non felice. Un facile 2-0 al Palermo, senza anima e motivazioni. Salvezza raggiunta anche grazie allla vittoria Chievo contro il Lecce di Cosmi, che va in B con onore.
Questo campionato è finito, ma gli appassionati non devono disperare: "Non solo calciomercato", la nuova rubrica vi terrà aggiornati sull'andamento di Europei, di Olimpiadi e, ovviamente il Calciomercato. Su "il calcio visto da me" il calcio non si ferma, voi continuate a seguirmi.

Popolari

Miracoli, disastri: la A cala il sipario

| Paolo Brescia |
Rinascere da una partita. E' possibile quando è l'epilogo della Serie A, quando tutto è proteso verso direzioni oscure, quando le emozioni stanno per terminare. L'Inter strappa il pass Champions ad una Lazio che piomba nella disperazione. L'unica squadra della A insieme alla Juve praticamente sempre sul pezzo, cade con errori indifendibili, di maturità, mentalità e ragionevolezza. L'Inter torna a respirare la Champions, come compete a chi questo trofeo è l'ultima ad averlo vinto delle nostre. I verdetti della A, ai saluti.

Atletico campione, nel segno di Simeone e Griezmann

| Andrea Piana | 
Alla fine è andata secondo le previsioni. L'Atletico Madrid, battendo con un netto 3-0 il Marsiglia, si è portato a casa la terza Europa League della sua storia, la seconda da quando Simeone siede sulla panchina biancorossa. Non è bastato un Marsiglia coraggioso (e forse anche un po' sfortunato) a colmare il netto divario tra le due squadre, ma comunque bisogna riconoscere l'ottimo percorso compiuto dalla squadra di Garcia in questo torneo, che per i francesi resta un sogno: ieri è arrivata la terza sconfitta su tre finali disputate.

Il protagonista assoluto della partita è stato Griezmann, autore dei primi due gol: con il primo ha indirizzato la gara in favore degli spagnoli dopo un avvio abbastanza complicato, in cui il Marsiglia aveva anche sfiorato il gol; con il secondo, a inizio ripresa, ha praticamente eliminato ogni speranza di rimonta da parte dei francesi, chiudendo di fatto la partita. Il terzo gol dell'Atletico, arrivato nel finale, porta la …

Ultime lotte

| Emanuele Onofri |
Questo weekend si chiuderanno ufficialmente gli ultimi campionati maggiori ancora in corso e i riflettori mediatici si sposteranno sull’imminente Mondiale, al via il 14 giugno. Ci sono però ancora alcuni verdetti da scrivere per la prossima stagione, che riguardano qualificazione a competizioni europee o rischio di retrocessione in categorie cadette, fino ad arrivare a finali di coppe nazionali.

Il tortuoso percorso verso la A

| rio_vela |
Nello sport esiste una particolare difficoltà nel perseguire la vittoria che nel tennis trova la sua rappresentazione più alta e che, proprio in questa disciplina, viene chiamato “braccino”. Nella settimana degli Internazionali d’Italia che si sono appena conclusi, il richiamo appare quanto meno appropriato. Già perché mentre nella Capitale si disputava la semifinale del singolare tra Cilic e Zverev a pochi chilometri di distanza si consumava un piccolo dramma sportivo: il Frosinone, ad un passo dalla serie A, vedeva soffiarsi la promozione a vantaggio del Parma.
La contemporaneità dell’ultimo turno della stagione regolare di B ci ha regalato 90 minuti intensi ed emozionanti. Al Frosinone serviva un successo contro il tranquillo Foggia, già salvo e matematicamente fuori dal discorso playoff ed invece si è ritrovato a rincorrere una squadra che, evidentemente giocando senza l’assillo del risultato, ha sfoggiato (mai termine più indovinato) un’ottima performance. Vantaggio de…