Passa ai contenuti principali

Tra rimpianti, successi ed addii si chiude la serie A

Un grande campione che non verrà mai dimenticato: Alex Del Piero, dopo 19 anni di Juve, lascia la squadra e forse il calcio. Il campionato si chiude quindi con tanti addii perché anche al Milan si è chiuso un ciclo, un ciclo di grandi campioni che avevano portato il Milan sul tetto d'Europa e d'Italia per parecchi anni. Ieri hanno salutato Nesta, Van Bommel, Zambrotta, Inzaghi, Roma e Gattuso, con Seedorf ancora indeciso. Questi saluti non solo sanciscono la fine di un era speciale per il calcio italiano, culminata con la vittoria mondiale nel 2006, ma impongono al Milan un mercato estivo importante, che serve per tornare a vincere. Dall'altra parte però, al primo posto, c'è la Juve, che ha visto un solo addio, e che deve solamente rinforzarsi un po' in vista della Champions. La Juve, a mio avviso, può aprire un ciclo, fare un filotto di vittorie, e rivitalizzare l'orgoglio juventino. Molto passa, paradosso, dalla Coppa Italia, che può confermare l'imbattibilità ed aumentare le aspettative della prossima stagione. Gran parte di quello che di buono ha fatto la Juve lo deve però a due interpreti, Conte e Pirlo, e ad un lungimirante uomo come Marotta, che ci ha visto lungo nel prendere due uomini così, un misto di bravura, grinta e tecnica che da soli hanno portato mezzo scudetto. Insomma la giornata per le due squadre che più di tutte hanno dato spettacolo si può riassumere cosi: lacrime e gioia da una parte(Torino), lacrime e delusione dall'altra. Ieri però hanno vinto, per quel poco che contavano, i rispettivi impegni: 3-1 della Juve con l'Atalanta e 2-1 Milan col Novara. Ironia della sorte hanno segnato Del Piero(2-0) e Pippo Inzaghi(2-1 decisivo, ovviamente nell'altra gara). Lasciano con gol due dei più
grandi campioni degli ultimi anni. Alle 15 anche Cagliari-Fiorentina(0-0), una gara che non dice niente, in una giornata che serve solo da conferma della insufficienza della viola in stagione. Alle 18 va in scena il primo, grande rimpianto della stagione: la Roma. La partita è a dir poco non degna di commento alcuno(2-3 contro il Cesena, retrocesso col Novara), ma il dato evidenziato ieri è lampante: non solo non è partito alcun progetto, ma non si è formata proprio l'idea voluta da Luis Enrique e sostenuta dalla società. Enrique lascia e la Roma adesso deve ripartire, dopo aver subito l'onta dei due derby persi in stagione e di non essersi qualificata ad alcuna competizione europea( colpo di grazia: i top player vogliono giocare queste competizioni...). Ottima la prova del Parma che nel derby col Bologna vince 1-0 e va a pari con la Roma al settimo posto. Ma alle 20.45 si gioca la Champions, e qui si consumano i veri rimpianti. Partiamo però da una favola: l'Udinese di Guidolin e Di Natale, che per il secondo anno consecutivo arrivano ai preliminari di Champions, confermando l'ottimo lavoro della famiglia Pozzo e del tecnico veneto. Anche avendo perso grandi giocatori la squadra friulana si è riconfermata. L'arrivo al terzo posto è stato sancito da una grande vittoria al Massimino di Catania (0-2). Chi invece rimpiange molto la stagione è la Lazio, che con un secco 3-1 all'Inter evita, se la Juve vincerà la coppa italia, di dover iniziare prestissimo la stagione. Almeno l'Europa League è arrivata, sì, ma questa squadra se non fosse stata falcidiata dagli infortuni avrebbe potuto fare ancor meglio. Invece all'Inter tutto sommato va bene così, visto come era iniziata la stagione, sesto posto e pre-preliminari di coppa uefa. Altra delusa è il Napoli, 2-1 al Siena e Chamions sfumata. Ora tutto su Coppa Italia e caso Lavezzi: va via? può partire un grande Napoli senza di lui?. Infine salvezza striminzita del Genoa, con Preziosi che giustamente si dice solo sollevato e non felice. Un facile 2-0 al Palermo, senza anima e motivazioni. Salvezza raggiunta anche grazie allla vittoria Chievo contro il Lecce di Cosmi, che va in B con onore.
Questo campionato è finito, ma gli appassionati non devono disperare: "Non solo calciomercato", la nuova rubrica vi terrà aggiornati sull'andamento di Europei, di Olimpiadi e, ovviamente il Calciomercato. Su "il calcio visto da me" il calcio non si ferma, voi continuate a seguirmi.

Popolari

Le coerenti convocazioni di Mancini

| Luca Balbinetti |
Mancini sta interpretando il ruolo di commissario tecnico dell’Italia con grande coerenza, e questo è già un ottimo punto di partenza. L’Italia tornerà a giocare, lo farà dopo aver convinto nelle ultime due uscite.  Il 4-3-3 deve essere la vita da percorrere, tutti ne stanno giovando e soprattutto a differenza delle annate precedenti, la sensazione è che davanti si sia trovata la quadra. Insigne, Chiesa e Bernardeschi, qualità in campo. 

Eddie Howe e il suo Bournemouth

| Federico Sborchia |
Nuova stagione, nuova sorpresa: un anno fa si parlava del Burnley nelle zone europee della classifica ma quest'anno la squadra di Dyche ha avuto un inizio zoppicante e il suo posto è stato preso dal Bournemouth, attualmente sesto in classifica. Se il punto di forza dei Clarets edizione 17/18 si poteva individuare nella solidità difensiva, le Cherries puntano su un sistema di gioco che si è consolidato negli ultimi anni, meno ancorato ai singoli interpreti ma in grado di produrre un gioco molto piacevole.

Non c'è gioia senza gol

| Paolo Brescia |
Di Italie più brutte ne abbiamo viste e tante. La strada di una ripresa è ripartita, è evidente ma deve essere oliata da uomini migliori. Questo sì, eppure le gioie passano dai gol e di gol gli Azzurri non ne fanno. Chi dovrebbe, men che meno. Secondi in Nations League, può essere anche uno spunto per un recupero futuro di slancio e rivalsa. Attualmente, però, ci certifica una stagnazione nella linea dei 16 metri che ha del preoccupante.

Super-Superclasico, pareggio prima della tempesta

| rio_alve |
Cosa è successo nell'andata del Superclasico più importante di sempre?