Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2018

Ricordi dal 2018 per il futuro

Cosa ricorderemo del 2018?

Reggere mentalmente

| Paolo Brescia |
Mentre scriviamo, arriva la notizia della morte del tifoso rimasto ferito ieri negli scontri di Inter-Napoli. Il morto: non sentivamo questa parola associata al calcio da più di tre anni, allora, a Roma, si moriva prima della finale di Coppa Italia. Tornano le notizie che non vorremmo, tornano le riflessioni che siamo chiamati a compiere: che questa volta non siano sterili, che non producano le solite e già più volte contestate soluzioni-tampone.  Ed è difficile parlare di calcio ora, ma bisogna farlo seppur in forma breve anche perché la 18esima ha dato importanti dati a questo campionato.

Si poteva fare di più

| Paolo Brescia |
E' natale, e a natale si può fare di più. Una sempreverde canzone di natale applicabile anche al 17esimo di A.
La giornata di Natale della Serie A regala alcune continuità, un verdetto tra i più scontati ed almeno un paio di cocenti delusioni.

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Un weekend pre natalizio più che intenso.

Bundesliga spalancata

| Emanuele Ciccarese |
In Germania si prevede una volata scudetto piuttosto accesa.

Giochi aperti, tra accenni e impressioni

| Lele Aglietti |
Le svolte, in concreto, sono ancora poche. Ci sono invece accenni, ed impressioni che hanno ragion d'esistere. Liverpool e City certamente accennano l'allungo; dietro, chi insegue dà l'impressione di tenere stretto il coltello in mezzo ai denti. La realtà di alta classifica gioca molto, finora, sugli scontri diretti e ne sa qualcosa l'Arsenal, che prima dello scivolone dell'ultima giornata, nonostante il quinto posto il classifica, non conosceva sconfitta fin da inizio campionato e, se dovesse riuscire a riprendere continuità, prima o poi potrebbe veder crescere buoni frutti.  Davanti precedono Chelsea e Tottenham, che in realtà hanno poco da rammaricarsi: vuoi per demerito o vuoi per sfortuna, nell'arco della stagione esiste anche la parola "sconfitta". Servirà rubare lezioni di cinismo dal Liverpool e, indubbiamente, affidarsi una volta in più alla buona sorte. Tutto ciò che non è mancato ai Reds e l'unica cosa che, almeno finora, f…

L'equilibrio regna sovrano

| Francesco Lalopa |
Si sa, ogni campionato è storia a sè ed ogni stagione cambia lo spartito suonato dalle varie compagini. Il campionato spagnolo non è di certo esente ed anche questa stagione sta prendendo una piega diversa da quella passata, ma con un punto in comune rispetto all'anno passato: il Barcellona è sempre al comando. 

Si, i catalani non accennano a mollare neanche di un centimetro ed anche in questa stagione si sono portati al comando del campionato nonostante un avvio decisamente meno brillante rispetto all'anno passato, basti pensare che le sconfitte fino ad ora sono ben 2, mentre nella passata stagione la prima ed unica sconfitta arrivò a fine campionato contro il Levante. La profondità della rosa sta permettendo ad Ernesto Valverde di poter far ruotare uomini in qualsiasi reparto, consentendo alla rosa di preservare le energie per la parte più complicata della stagione, quella in cui si alterneranno le Coppe ed il campionato, obiettivi in cui il Barcellona…

Senza rimpianti

| Paolo Brescia |
Giocare un campionato senza rimpianti non è semplice per chi deve inseguire e stare ad un passo folle, ad una velocità esagerata. E' possibile solo capendo come giocarsi ogni singola gara, è possibile assumendo un atteggiamento di calma anche di fronte alle settimane nere, ai momenti no e ai momenti di sconforto per lo sforzo non ripagato. Ma per giocarsi un campionato senza rimpianti bisogna avere una squadra all'altezza. 
Napoli ed Inter: due squadre, con relative e notevoli differenze, che sono all'altezza.

Gironi grigi

| Michele Mazzella | Questa settimana nera per il calcio italiano in Europa si conclude nel peggiore dei modi nella giornata di ieri, sconfitta per la Lazio e clamorosa eliminazione del Milan ad Atene sul campo dell’Olympiacos. I rossoneri avevano ben 3 risultati disponibili in quanto potevano anche permettersi di perdere ma con un solo gol di scarto, una gara affrontata con grande superficialità e decisioni arbitrali molto discutibili si rivelano fatali per gli uomini di Gattuso che rimediano una sconfitta che porterà con sé conseguenze notevoli dal punto di vista psicologico.

Proposte per il WeekEnd

| Max Strati |
Il derby della mole e due big match in Premier.

Amaro in bocca

| Lele Aglietti |
Un "Arrivederci" con l'amaro in bocca. Il 2018 delle italiane in Champions ha l'epilogo forse peggiore, tra gli innumerevoli ed ipotizzabili: Inter e Napoli beffardamente fatte fuori, Roma e Juventus cadono, seppur con il pass degli ottavi tra i denti.

Superclasico: tra goduria e amarezza

| rio_alve |
In Italia abbiamo visto da vicino Juan Ferdinando Quintero per una stagione intera, diciassette presenze ed un gol, contro il Bologna, nella stagione 2012/13. Lo abbiamo visto con la maglia a strisce azzurre verticali del Pescara indossata un tempo da giocatori come Gasperini, Junior, Allegri e Rebonato. Ma se nel 2013 la sua presenza nelle fila degli abruzzesi non ha evitato la retrocessione in Serie B, domenica sera, un suo gol nel pieno dei tempi supplementari, ha spianato la conquista della quarta Copa Libertadores al River Plate in quello che è stato il derby infinito contro il Boca Juniors.

Eurosfidanti al ritorno: PSV Eindhoven

| Emanuele Onofri |
Per l'Inter è la partita decisiva: il passaggio del turno è a portata di mano, a frapporsi solamente la sfida col PSV, squadra che all'andata creò qualche preoccupazione ai nerazzurri. Ma la testa non è concentrata solo su questa sfida, perchè a Barcellona si gioca un'altra partita fondamentale per la qualificazione. 

Stasera l'Inter a San Siro ha l'obbligo di vincere contro il PSV e sperare che al Camp Nou il Barcellona non perda contro il Tottenham, in modo da assicurarsi il passaggio del turno e l'approdo agli ottavi di finale di Champions League.  Prima di guardare però a quello che avverrà in Spagna, l'Inter dovrà svolgere alla perfezione il suo compito, perchè sebbene gli sfidanti contino solamente un punto in classifica, le partite giocate contro gli "Spurs" hanno dimostrato quanto possa risultare insidioso affrontarli: gli uomini di Pochettino infatti sono stati fermati con un pareggio ad Eindhoven mentre sono riuscit…

Eurosfidanti al ritorno: Liverpool

| Emanuele Ciccarese |
Napoli: come fare risultato ad Anfield?

Crolli e conferme

| Paolo Brescia |
Conferme che sono valori, conferme che sono crolli: è una giornata - pazza - ma di conferme: servono a delineare prospettive di classifica, a ormai pochi turni dalla fine d'anno e girone d'Andata. E quindi al prezioso giro di boa in Serie A.

Zaniolo alla conquista di Roma

| Francesco Lalopa |

Arrivato in estate nella Capitale come parziale contropartita tecnica nell'affare che ha visto il trasferimento di Radja Nainggolan all'Inter, Nicolò Zaniolo si sta lentamente trasformando da oggetto misterioso a certezza all'interno delle gerarchie giallorosse. Ma cerchiamo di comprendere meglio chi è Zaniolo e cosa può dare alla Roma. 

Per chi segue il calcio anche a livelli meno "nobili" come le categorie primavera o la serie inferiori, il cognome Zaniolo non suonerà nuovo. Figlio d'arte di Igor Zaniolo, attaccante che ha militato molto tra Serie B e serie C, il giovane Nicolò ha accumulato nel corso della sua giovane carriera esperienze importantissime come quelle nei settori giovanili di Fiorentina ed Inter, oltre che con la Virtus Entella, con cui ha militato sia tra le giovanili che tra il gruppo in Serie B. Ma la vera svolta della sua carriera è giunta al momento del passaggio tra le fila nerazzurre, dove ha conosciuto Stefano V…

Proposte per il WeekEnd

| Emanuele Ciccarese |
Un fine settimana calcistico scoppiettante.

Premier League: vecchie certezze, nuovi dubbi

| Lele Aglietti |
Difficile capire se il vento stia cambiando e, se sì, di quanto possa arrivare a cambiare. L'unica certezza, per ora, è che l'ultimo turno di Premier intacchi di poco le dinamiche della classifica, ma che porti con sé vecchie certezze e, d'improvviso, nuovi dubbi. Complicato affrettare sentenze perché, effettivamente, il vento forse cambia, ma soltanto per qualcuno; perché se il City continua a navigare nel mare calmo, più dietro, a tratti, forse si inizia a navigare leggermente controvento.

Il sacrosanto Pallone d'Oro di Modrić

| Luca Balbinetti |
Il pallone d’oro 2018 va a Luka Modrić ed è giusto così.

Serie B: primo bilancio

| rio_vela |
Avevamo lasciato la Serie B nell’impasse d’inizio stagione con la querelle girone a 22 squadre si o no: ebbene, la ritroviamo tre mesi più tardi con un campionato a 19 squadre ma qualche certezza in più. Quelle del campo.


LE RETROCESSE DALLA A
Con un terzo di campionato alle spalle, Verona, Benevento e Crotone non hanno ancora trovato il ritmo giusto per provare l’immediato ritorno in prima divisione. Il Benevento, riaffacciatosi in zona play off, manca della continuità per stabilirsi definitivamente nelle primissime posizioni. Due sconfitte e due pareggi nelle ultime 5 gare sono una zavorra troppo pesante per cercare di contendere la vetta della classifica al Palermo. Stesso ruolino di marcia per i gialloblu del Verona, fluttuante nella terra di nessuno tra i due blocchi playoff e playout. Ancor più deludente il Crotone: in lizza fino a campionato iniziato per prendere il posto del Chievo in serie A, viaggia ora con ritmi bassissimi pur avendo mantenuto l’ossatura della sco…

Il vuoto che aumenta

| Paolo Brescia |
C'è vita oltre la Juve? La juve-vittoria del Franchi certifica un dominio scritto e del quale riparlare ogni settimana assume, ormai, sempre meno significato e interesse. Che non significa non dare il giusto peso.