Passa ai contenuti principali

#Cacciateli: Garcia e Pioli toccano il fondo!


di Paolo Brescia

Mai editoriale fu più incompleto. Ecco perché, domani, avremo la "parte 2", con i verdetti dei campi di stasera (Mapei e San Paolo). Due belle gare, a completamento di un turno tragicomico.

Intanto, #cacciateli. La colpa non può essere solo loro, sicuramente non sarà così. Ma la scossa va data. Da un lato la seria candidata al titolo, all'ennesimo suicidio, dall'altro una buona squadra (incompleta), distrutta da un non gioco: -11 dall'Inter, con una partita in più. Un disastro.
Le società probabilmente non faranno altro che dare tempo, fiducia e sostegno a entrambi, ma che errore. Se Pioli ha le attenuanti (ieri altro grosso errore arbitrale), chi proprio non sta gestendo la squadra è Garcia, primo artefice delle figuraccia europee e nostrane di questa Roma. Vi lascio almeno 3 motivi per cui mandarlo via:
-La comunicazione: Garcia sta sbagliando completamente le strategie in conferenza e nel pre gara. I giocatori ne risentono e sembrano non più uniti al francese.

-La crescita zero: Il percorso di maturazione della Roma si è arrestato inesorabilmente, o non è mai partito, sia in campionato che in Champions. Eccezion fatta delle due qualificazioni ai gironi, la Roma non ha mai "strappato" nulla con Garcia in panchina.

-Le dèbacles: la faccio facile: 19 gare in stagione, 31 gol subiti, 10 solo nelle ultime 3 (3 fatti). Troppo, davvero troppo. Qui Sabatini direbbe: "noi facciamo gioco, ci scopriamo per segnare, è naturale". Bene, guardate il grafico: manca l'equilibrio, non è pensabile fare 515 passaggi e 36 cross, ma perdere 0-2, su due mezzi contropiedi bergamaschi (per due errori dei singoli, per di più).



Insomma, un disastro. La Roma si allontana dal vertice, nell'anno della verità. Dopo Destro, esulta un altro che sembrava sepolto da tempo: Denis (con Reja che gongola). #cacciatelo.
A completare il turno c'è la Juve, vittoriosa (0-3) a Palermo, con Madzukic (gol irregolare), Sturaro e Zaza. Non poca sofferenza, zero gioco, ma la Juve è di nuovo ai vertici. Torna su anche il Milan, finalmente convincente contro la Samp (4-1, tracollo Montella). Convince Niang, ma fa bene Mihajlovic ha parlare di profilo basso e lavoro, ancora non c'è un ritmo fantastico, e la Champions non aspetta. 
Infine, bei colpi di Frosinone, Carpi e Udinese: la salvezza è possibile. Per il Toro rilancio europeo.

Popolari

Sansone e Soriano per salvare il Bologna

| rio_alve |
Classifica di Serie A alla mano, appare evidente che la lotta per la salvezza potrebbe coinvolgere squadre che alla vigilia avrebbero potuto puntare comodamente alla permanenza nella massima serie. Il Bologna, ad esempio non sta mantenendo le aspettative e questa breve sessione di mercato, incastrata tra la sosta invernale e l’inizio del girone di ritorno, è l’occasione da sfruttare per portare nomi nuovi a vestire la casacca felsinea. Dopo l’incoraggiante prova contro il Napoli, nell’ultimo turno di campionato prima della sosta, la società ha confermato la fiducia all’allenatore, quel mister Inzaghi che lo scorso anno aveva portato il neopromosso Venezia nei playoff di serie B, dando forza a questa sua scelta con l’innesto di due arrivi preziosi. Il Bologna ha infatti ufficializzato l’ingaggio di due pedine già note al campionato italiano, Roberto Soriano e Nicola Sansone, in prestito fino al 30 giugno, entrambi provenienti dal Villareal.

Roberto Soriano, già ingaggiato in a…

Sull'addio di Marekiaro Hamsik

| rio_alve |
La letteratura romantica ha già visto scrivere pagine e pagine sugli addii tra amati. Stazioni ferroviarie con immancabili e ottocenteschi sibili di vapore, porti del nord Europa con grandi transatlantici e poi fermate d’autobus, ascensori, pianerottoli e traslochi. La nostra storia invece parte da un campo di calcio e dal suo epilogo: Marek Hamsik non è più un giocatore del Napoli.

La Champions della freschezza

| Paolo Brescia |
Si chiude il primo blocco di ottavi Champions, che danno il la alle ultime 4 sfide attese per la prossima settimana. Si chiude la due giorni e il report ci racconta di due vittorie casalinghe e due corsare, fondamentali vittorie esterne.


Gerarchie emergenti e polemiche inutili

| Emanuele Ciccarese
La zona Champions inizia ad essere una questione per due, si riscalda la lotta per la salvezza.