Passa ai contenuti principali

Mancio, che intenzioni hai?


di Paolo Brescia

Dietro, precisi. Davanti, perfetti. Così l'Inter, segnando finalmente tanto (4-0), si porta al vertice solitario di una Serie A sempre più bella e incerta, dove almeno 5 squadre danno l'impressione di poter lottare fino alla 38° per il titolo: l'Inter, con la miglior difesa; il Napoli, col gioco più bello; la Roma, col miglior attacco e con più tecnica; la Fiorentina, col genio Sousa, ed anche la Juve, con le armi Dybala-Pogba. Una lotta così, non la vedevamo da almeno 15 anni, che bello averla ritrovata.

L'Inter, su tutte. 30 punti, qualche volta senza merito ma con cinismo, altre volte dominando, spegnendo l'avversario. Ieri, con serenità, senza grandi rischi, complice un Frosinone non all'altezza. Vetta, miglior difesa, sicurezza difensiva e offensiva...Mancio, che intenzioni hai?
E poi il Napoli, ok a Verona, altra squadra da retrocessione diretta. I partenopei nel primo tempo ci provano col 73% di possesso palla, un assedio, che nei secondi 45' diventa più preciso: in gol, con due azioni magistrali, Insigne e Higuain, 17 gol in A in due. Dietro, imbattuti da tempo, molto tempo: a Napoli così pochi gol non li avevano mai subìti.



La Roma si blocca e perde il treno (senza drammi) a Bologna, nel diluvio e guardando gli errori di Rocchi, il più grave permettere che si giochi un match così (dopo Perugia-Juve chi li rinvia più...). Sulla gara, pochi commenti: non è stato calcio, semmai calci, calci di rigore e ansie difensive. Tanto lavoro, tanti infortuni, tanta sfortuna. La Roma è 4°, occasione persa, l'ennesima.

C'è anche la Viola, comunque, a reggere e incollare la classifica in pochi punti. Un pareggio nel derby, che si era messo molto male, complice un Empoli ancora una volta miracoloso (Giampaolo ci sa fare, non l'avremmo mai detto). Nel secondo tempo ecco Kalinic a risolvere le ansie, a tenere sempre lì una Viola che in poco tempo ha messo su una squadra da Champions. Per il titolo, tentare è gratis, il livello è un gradino sotto.

Rientra anche la Juve, con l'1-0 targato Dybala nello spentissimo match contro il Milan. Una partitaccia, 90' tra due squadre che hanno problemi di impostazione di gioco. Servono sempre, però, i punti, più di tutte le analisi. Intanto, Juve a 21, sono 9 dalla vetta. Insomma, ci sono anche i bianconeri. Milan, invece, pessimo, senza idee, stanco, demotivato, rivedibile.

Si allontana, inesorabilmente, la Lazio, col pareggio interno contro il Palermo. 1-1 con rigore, senza gioco e con errori nei fondamentali di gioco: Pioli non va più, rientrare diventa difficile.
Nelle zone alte, cade il Sassuolo nei famosi minuti di recupero del Genoa di Gasperini, che risale. Cade anche, più in fondo, la nuova Samp di Montella. Crollo Carpi, vittoria Toro sull'Atalanta.


Popolari

Sansone e Soriano per salvare il Bologna

| rio_alve |
Classifica di Serie A alla mano, appare evidente che la lotta per la salvezza potrebbe coinvolgere squadre che alla vigilia avrebbero potuto puntare comodamente alla permanenza nella massima serie. Il Bologna, ad esempio non sta mantenendo le aspettative e questa breve sessione di mercato, incastrata tra la sosta invernale e l’inizio del girone di ritorno, è l’occasione da sfruttare per portare nomi nuovi a vestire la casacca felsinea. Dopo l’incoraggiante prova contro il Napoli, nell’ultimo turno di campionato prima della sosta, la società ha confermato la fiducia all’allenatore, quel mister Inzaghi che lo scorso anno aveva portato il neopromosso Venezia nei playoff di serie B, dando forza a questa sua scelta con l’innesto di due arrivi preziosi. Il Bologna ha infatti ufficializzato l’ingaggio di due pedine già note al campionato italiano, Roberto Soriano e Nicola Sansone, in prestito fino al 30 giugno, entrambi provenienti dal Villareal.

Roberto Soriano, già ingaggiato in a…

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Due partite di cartello in Italia, una in Inghilterra e poi il derby di Barcellona.

La notte dei campioni

| Francesco Lalopa |
Una finale di Champions League un po' scarna e povera di emozioni regala agli annali il Liverpool come vincitrice di questo ambito trofeo, in un derby inglese ( il secondo in pochi giorni ), inaspettato ed impronosticabile a settembre. 

La stagione "europea" delle due finaliste non era iniziata nel migliore dei modi: entrambe sorteggiate in gironi ostici, hanno douto lottare fino all'ultima giornata ed all'ultimo minuto di gioco per potersi garantire l'accesso alla fase successiva della competizione, col Liverpool che ha avuto la meglio sul Napoli nello scontro diretto ed il Tottenham che invece ha scalzato l'Inter grazie ad un fortunoso intreccio di risultati.  Ma nessuna delle due squadre rivelatesi poi finaliste sembrava poter ripetere, almeno nella prima parte della competizione, il percorso della stagione passata: i "reds" non erano più la squadra divertente ed aggressiva che aveva raggiunto la finale di Kiev persa poi…

Capolavoro e costanza

| Emanuele Ciccarese |
Il capolavoro di Messi, l'inaspettata costanza dell'Ajax.