Passa ai contenuti principali

Mancio, che intenzioni hai?


di Paolo Brescia

Dietro, precisi. Davanti, perfetti. Così l'Inter, segnando finalmente tanto (4-0), si porta al vertice solitario di una Serie A sempre più bella e incerta, dove almeno 5 squadre danno l'impressione di poter lottare fino alla 38° per il titolo: l'Inter, con la miglior difesa; il Napoli, col gioco più bello; la Roma, col miglior attacco e con più tecnica; la Fiorentina, col genio Sousa, ed anche la Juve, con le armi Dybala-Pogba. Una lotta così, non la vedevamo da almeno 15 anni, che bello averla ritrovata.

L'Inter, su tutte. 30 punti, qualche volta senza merito ma con cinismo, altre volte dominando, spegnendo l'avversario. Ieri, con serenità, senza grandi rischi, complice un Frosinone non all'altezza. Vetta, miglior difesa, sicurezza difensiva e offensiva...Mancio, che intenzioni hai?
E poi il Napoli, ok a Verona, altra squadra da retrocessione diretta. I partenopei nel primo tempo ci provano col 73% di possesso palla, un assedio, che nei secondi 45' diventa più preciso: in gol, con due azioni magistrali, Insigne e Higuain, 17 gol in A in due. Dietro, imbattuti da tempo, molto tempo: a Napoli così pochi gol non li avevano mai subìti.



La Roma si blocca e perde il treno (senza drammi) a Bologna, nel diluvio e guardando gli errori di Rocchi, il più grave permettere che si giochi un match così (dopo Perugia-Juve chi li rinvia più...). Sulla gara, pochi commenti: non è stato calcio, semmai calci, calci di rigore e ansie difensive. Tanto lavoro, tanti infortuni, tanta sfortuna. La Roma è 4°, occasione persa, l'ennesima.

C'è anche la Viola, comunque, a reggere e incollare la classifica in pochi punti. Un pareggio nel derby, che si era messo molto male, complice un Empoli ancora una volta miracoloso (Giampaolo ci sa fare, non l'avremmo mai detto). Nel secondo tempo ecco Kalinic a risolvere le ansie, a tenere sempre lì una Viola che in poco tempo ha messo su una squadra da Champions. Per il titolo, tentare è gratis, il livello è un gradino sotto.

Rientra anche la Juve, con l'1-0 targato Dybala nello spentissimo match contro il Milan. Una partitaccia, 90' tra due squadre che hanno problemi di impostazione di gioco. Servono sempre, però, i punti, più di tutte le analisi. Intanto, Juve a 21, sono 9 dalla vetta. Insomma, ci sono anche i bianconeri. Milan, invece, pessimo, senza idee, stanco, demotivato, rivedibile.

Si allontana, inesorabilmente, la Lazio, col pareggio interno contro il Palermo. 1-1 con rigore, senza gioco e con errori nei fondamentali di gioco: Pioli non va più, rientrare diventa difficile.
Nelle zone alte, cade il Sassuolo nei famosi minuti di recupero del Genoa di Gasperini, che risale. Cade anche, più in fondo, la nuova Samp di Montella. Crollo Carpi, vittoria Toro sull'Atalanta.


Popolari

Altri ottavi pazzeschi

| rio_alve | Sugli ottavi di finale di questa sorprendente edizione di Champions League è, infine, calato il sipario. Alla sua riapertura, a metà aprile, troveremo soltanto otto squadre, il meglio del calcio europeo in questo momento: Manchester City, Juventus, Manchester Utd, Tottenham, Barcellona, Porto, Ajax e Liverpool.

Nel secondo blocco di gare si è confermata la tendenza già evidenziata la scorsa settimana. In molti campi infatti ha dominato il tema della rimonta. La Juventus, ad esempio, si trovava davanti uno scoglio enorme: ribaltare il 2-0 subito al Wanda Metropolitano tre settimane fa contro una delle squadre, l’Atletico Madrid, considerate tra le più coriacee nel panorama europeo. Già dalle primissime battute di gioco si era però capito il canovaccio che la gara avrebbe preso. Forza fisica, tattica e testa hanno dato alla Juve la linfa necessaria per superare nettamente l’Atletico. Il 3-0 serviva ed il 3-0 è arrivato con una prova di forza che raramente avevamo visto. L’Atl…

L'utilizzo dei blocchi nel calcio

| Francesco Lalopa |
L'interscambio di idee e soluzioni tra uno sport ed un altro (ovviamente dove possibile) consente l'arricchimento del ventaglio di soluzioni a disposizione di un allenatore, rendendo sempre imprevedibile l'approccio della propria squadra alle varie situazioni di gioco. In questa sede andremo a parlare dei blocchi: soluzione che il calcio ha preso in "prestito" dalla pallacanestro per un loro utilizzo del tutto particolare.

Lottare per non rimpiangere

| Paolo Brescia |
Quando mancano solo due turni alla fine l'unica ambizione deve essere quella della lotta.  La lotta non ti fa rimpiangere nulla: lo sa chi lotta per ogni forma di Europa, lo sa l'Atalanta alla prova della gara finale di coppa Italia con la Lazio (che potrebbe fare lo stesso discorso, ma che per blasone poniamo un momento davanti alla Dea almeno nel diretto confronto di mercoledì), lo sanno in parte le milanesi e la Roma (che con la Juve ha mostrato ancora la sua anima: l'anima di complessità, l'anima di ribellione al destino), e lo sa l'Empoli che guarda dal fondo.

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa |
Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League. 

Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro.

Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo calcoli, con entr…