Passa ai contenuti principali

Ritornare grandi: Ernesto Valverde


Conclusosi il triennio di Luis Enrique sulla panchina blaugrana, l'uomo scelto per riportare ai vertici il Barcellona è Ernesto Valverde. L'ex attaccante di Bilbao e Barcellona giunge al Camp Nou come allenatore dopo un quadriennio ricco di soddisfazioni in terra basca. A lui sarà affidato l'arduo compito di far dimenticare al popolo catalano le delusioni dell'ultimo anno e mezzo.

La carriera di Valverde si è divisa fondamentalmente tra due regioni caratterialmente molto forti ed identitarie: i Paesi Baschi e la Catalogna. Dai loro popoli di certo avrà appreso qualcosa.

Non è la prima volta che Ernesto Valverde vive un'esperienza in catalogna: infatti nel biennio '88-'90 ha giocato a Barcellona sotto la guida di Johan Cruijff, allenatore che ha influenzato le generazioni calcistiche successive e che ha creato un vero e proprio modo di vivere ed interpretare il calcio, prima che Guardiola lo perfezionasse. Di Cruijff lui, come tanti altri, ne è un allievo e dal suo modo di vedere il calcio ha preso gli elementi più interessanti e li ha sviluppati a proprio piacimento per applicarli sul campo da gioco. 

  Proprio il suo maestro Cruijff parlava di lui così :«Da giocatore era molto intelligente, ed è sempre stato molto interessato all’apprendimento. Da allenatore, è uno dei più preparati e promettenti di Spagna». Insomma un endorsment di tutto rispetto.

Ma di certo, la sua esperienza calcistica più importante è stata quella di Bilbao, città in cui è stato accolto prima come calciatore e poi come allenatore. Sulla panchina dell'Athletic ha vissuto due distinte esperienze: la prima è stata una lunga trafila, partendo dalle giovanili sino alla prima squadra, durata ben sei anni mentre la seconda è stata quella del ritorno dal 2013 al 2017 per sostituire l'esonerato Mauricio Pellegrino, portando la squadra alle soglie della Champions League sin dalla prima stagione e garantendo ogni anno la partecipazione ad una coppa europea. 
Non si può di certo dire che abbia conquistato numerosi trofei sulla panchina del Bilbao, ma di certo ha trascinato una piazza dalle profondità del calcio spagnolo sino alle sue vette, lottando sempre per le zone nobili e togliendosi più di qualche soddisfazione come la Supercoppa di Spagna in cui ha strapazzato il Barcellona per 4-0 nella sfida d'andata.

Questo il punto più alto della carriera di Valverde come allenatore. Sarà in grado di fare di meglio ?

Tatticamente l'Athletic Bilbao di Valverde aveva un'identità ben precisa che prendeva come modulo di base il 4-2-3-1 e da li si evolveva in modo fluido a seconda delle fasi di attacco, nelle quali diventava un 3-3-4 od un 2-4-4 decisamente molto offensivo, o delle fasi di difesa nelle quali si schierava con un compatto 4-4-2. 
Da degno allievo di Cruijff quale è, Valverde si fa promotore di un calcio propositivo e dinamico, spesso in ricerca della verticalità e che prova sempre a stanare gli avversari nella loro area con un pressing feroce. 
E' tutto da scoprire come riuscirà a portare le sue idee di calcio al Camp Nou. Soprattutto sarà interessante scoprire chi dovrà cambiare: difficilmente negli ultimi anni si è visto il Barcellona sfruttare le corsie laterali per andare sul fondo e crossare per la prima punta ( Aduriz a Bilbao era la punta ideale per questo tipo di gioco, Suarez ha tante altre qualità ma il colpo di testa non è la migliore ) ed ancora più difficilmente si è visto il Barcellona cambiare impianto di gioco. Solo quest'anno con Luis Enrique abbiamo assistito ad un passaggio in maniera quasi definitiva dal 4-3-3 al 3-4-3. Riuscirà il tecnico spagnolo ad costruire una squadra attorno al suo amato 4-2-3-1 o si accomoderà sul modulo "di casa" e da li getterà le fondamenta di un nuovo Barcellona ? Il futuro dei catalani passa per il suo ingegno.


Popolari

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa |
Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League. 

Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro.

Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo calcoli, con entr…

Prime certezze

| Paolo Brescia |
Al terzo giro in archivio (aspettando Torino-Lecce stasera) si può mettere ordine sulla situazione in Serie A riassumendo le nove gare in certezze e timori. D'altronde sono paure e sicurezze a dare forma al mondo, la Serie A non è da meno.

Il Grande Torino

| Francesco Zamboni |
Lo scorso 4 maggio li abbiamo ricordati, ora riviamo nella memoria le loro gesta.
Erano considerati gli Invincibili di quel periodo, erano e sono una delle squadre più forti che l'Italia e l'Europa abbiano mai conosciuto nell'arco del 1900. Ma quel 4 Maggio del 1949 quella squadra ha lasciato per sempre questo mondo. Nella Tragedia di Superga l'intera squadra perse la vita.

Era una squadra che in un periodo di 8 anni aveva conquistato quasi tutto quello che c'era da vincere in Italia: 5 scudetti consecutivi e una Coppa Italia.
La nascita del Grande Torino può essere datata nell'estate del 1939, quando l'imprenditore Ferruccio Novo assunse la presidenza dell'A.C. Torino, e iniziò a lavorare prendendo spunto dalla politica sportivo-imprenditoriale di Edoardo Agnelli nella Juventus nella prima metà degli anni '30.
Nonostante l'inizio del Secondo Conflitto Mondiale, i giocatori rimasero in patria e permisero alla società grana…

Lottare per non rimpiangere

| Paolo Brescia |
Quando mancano solo due turni alla fine l'unica ambizione deve essere quella della lotta.  La lotta non ti fa rimpiangere nulla: lo sa chi lotta per ogni forma di Europa, lo sa l'Atalanta alla prova della gara finale di coppa Italia con la Lazio (che potrebbe fare lo stesso discorso, ma che per blasone poniamo un momento davanti alla Dea almeno nel diretto confronto di mercoledì), lo sanno in parte le milanesi e la Roma (che con la Juve ha mostrato ancora la sua anima: l'anima di complessità, l'anima di ribellione al destino), e lo sa l'Empoli che guarda dal fondo.