Passa ai contenuti principali

Top 11: Liga


Il campionato è finito da un po' e la testa di tanti appassionati è già pronta ad immaginare come sarà la prossima stagione, ma noi de "Il Calcio visto da me" abbiamo pensato di stilare una Top11 coi migliori giocatori di questa stagione schierandoli col 3-4-3. Per rendere il tutto più interessante però, abbiamo deciso di non considerare i "soliti noti", cercando di scegliere quei giocatori che possono essere considerati "umani".




JAN OBLAK


  Se quella dell'Atletico è la miglior difesa del campionato, il merito è anche suo. 27 reti subite in 38 gare non sono praticamente nulla. Oblak è un portiere con grandissimi riflessi e grandissimo senso della posizione in grado di parare in qualsiasi modo. Con lui in campo i gol subiti sono appena 20 in 28 partite e le parate effettuate sono state 63, anche se ben lontane dalle 122 e 82 dei colleghi Ter Stegen e Keylor Navas. La rimonta per la zona Champions è passata anche per le sue mani ed i suoi interventi decisivi. 

MATEO MUSACCHIO

La difesa del Villareal è stata la seconda miglior difesa della Liga alle spalle di quella dell'Atletico Madrid e gran parte del merito va dato anche alla coppia di centrali composta da Musacchio e Victor Ruiz. Potente fisicamente, l'argentino ama duellare con la punta avversaria mettendola proprio sul piano fisico e cercando spesso il takle ( ne effettua di media due a partita ).

AYMERIK LAPORTE

Classe 1994, macino, regista difensivo cercato da mezza europa. Queste le principali caratteristiche di uno dei migliori talenti in circolazione e tra i migliori recupera palloni del campionato ( quasi 11 a partita ). Ha tutto per diventare tra i migliori centrali in circolazione: stazza, abilità nell'intercetto e nei duelli aerei e capacità di scelta del tempo giusto per andare in takle. Lo mettiamo al centro della  difesa a 3 e sarà il nostro leader difensivo.

INIGO MARTINEZ

  Uno degli uomini cardine della cavalcata del Real Sociedad verso l'Europa League è stato Inigo Martinez. Centrale difensivo mancino abile nell'impostazione con buonissimo senso dell'anticipo ( 1.8 intercetti a partita ) ma che non si tira indietro se c'è da usare le maniere forti. Già al centro di numerosissime voci di mercato è probabile che in estate emigri altrove. 

YANNICK FERREIRA CARRASCO

Nel 4-4-2 dell'Atletico Madrid occupa in modo indifferente il ruolo di esterno destro e sinistro del centrocampo. Nella nostra top11 gli affidiamo un ruolo leggermente più probante come quello di esterno tutta fascia, ma state ben sicuri che il talento belga ha tutte le caratteristiche per ricoprire questo ruolo. I suoi numeri ( 10 gol e 4 assist in Liga ) non rendono bene le qualità di questo giocatore abilissimo nel dribbling e nel tiro dalla distanza ma in grado anche di creare occasioni per i compagni così come di mettersi in proprio per creare il panico nelle difese avversarie. 

BRUNO SORIANO

A centrocampo non potevamo non schierare Bruno Soriano, capitano ed anima del Villareal. L'esperto centrocampista spagnolo ha giocato probabilmente quella che è la sua miglior stagione in carriera ed ha trascinato il "sottomarino giallo" alla qualificazione diretta per la prossima Europa League. Centrocampista intelligentissimo dotato di buonissima visione di gioco sarà il nostro regista ma avrà anche compiti di copertura e potrà mettere in mostra le sue capacità in tema di intercetti. 

MARCOS LLORENTE

Al fianco di Soriano mettiamo il giovanissimo Marcos Llorente. Sotto la lente d'ingrandimento di mezza Europa, ha trascinato l'Alaves in finale di Copa del Rey e ad un buonissimo nono posto in campionato. E' in grado di svolgere qualsiasi ruolo al centro del campo: è in grado di recuperare tantissimi palloni ( più di 10 a partita con 3 intercetti a gara ) ma anche di renderli giocabili per i propri compagni sia con passaggi brevi che con passaggi lunghi. Insomma un centrocampista completo che può anche cercare l'azione personale col tiro dalla distanza. 

JOHNATAN VIERA

7 gol e 7 assist in campionato per il giocatore del Las Palmas che ha dimostrato di avere interessantissime doti tecniche e che dall'esterno del centrocampo può stringersi per creare il panico tra le linee avversarie. Dotato di un ottimo tiro dalla distanza è in grado di giocare il pallone con la qualità e la visione di un centrocampista centrale sia nel breve che nel lungo. 

ISCO

Il suo talento e le sue qualità erano note a tutti da molto tempo ma poche volte aveva avuto l'opportunità di metterle in mostra soprattutto a causa della concorrenza in casa "Blanca". Questa stagione però l'esterno spagnolo ha giocato con molta più continuità ed ha dimostrato a tutti di non essere un bluff: capacità offensive elevatissime e tecnica sopraffina,continua ricerca del dribbling per saltare l'avversario ( 1.8 a partita ) per poi cercare l'assist ( 8 in stagione con 1.2 passaggi chiave a partita ) o l'azione personale ( 10 i gol in campionato ). Dai numeri però non si possono riassumere le qualità di un calciatore che ha tutto per diventare un crack mondiale e che in stagione ha più volte illuminato le partite con giocate clamorose

ARITZ ADURIZ

  E' difficile restare tanto tempo al top se sei un attaccante ed è ancora più difficile restarci all'età di 36 anni quando ormai il fisico comincia ad abbandonarti ma questa non è la storia dell'eterno Aduriz, capace ancora di andare oltre la doppia cifra in campionato. L'attaccante del Bilbao è un giocatore completo ma che ovviamente, come tutte le prime punte del mondo, ama segnare ed Aduriz è veramente bravo nel farlo: letale di fronte la porta e fortissimo di testa, se fossi un portiere non vorrei mai trovarmelo di fronte.

IAGO ASPAS

I numeri parlano di lui come del "Pichichi" di questa Liga 2016/2017 se non avesse avuto la sfortuna di incrociare i vari Messi, Suarez e Ronaldo. Meno assist-man ma più realizzatore può risultare letale sia dentro che fuori l'area. La grande stagione del Celta Vigo, soprattutto in ambito europeo, è passata dai suoi piedi e di questo glie ne va dato merito.


Popolari

Altri ottavi pazzeschi

| rio_alve | Sugli ottavi di finale di questa sorprendente edizione di Champions League è, infine, calato il sipario. Alla sua riapertura, a metà aprile, troveremo soltanto otto squadre, il meglio del calcio europeo in questo momento: Manchester City, Juventus, Manchester Utd, Tottenham, Barcellona, Porto, Ajax e Liverpool.

Nel secondo blocco di gare si è confermata la tendenza già evidenziata la scorsa settimana. In molti campi infatti ha dominato il tema della rimonta. La Juventus, ad esempio, si trovava davanti uno scoglio enorme: ribaltare il 2-0 subito al Wanda Metropolitano tre settimane fa contro una delle squadre, l’Atletico Madrid, considerate tra le più coriacee nel panorama europeo. Già dalle primissime battute di gioco si era però capito il canovaccio che la gara avrebbe preso. Forza fisica, tattica e testa hanno dato alla Juve la linfa necessaria per superare nettamente l’Atletico. Il 3-0 serviva ed il 3-0 è arrivato con una prova di forza che raramente avevamo visto. L’Atl…

L'utilizzo dei blocchi nel calcio

| Francesco Lalopa |
L'interscambio di idee e soluzioni tra uno sport ed un altro (ovviamente dove possibile) consente l'arricchimento del ventaglio di soluzioni a disposizione di un allenatore, rendendo sempre imprevedibile l'approccio della propria squadra alle varie situazioni di gioco. In questa sede andremo a parlare dei blocchi: soluzione che il calcio ha preso in "prestito" dalla pallacanestro per un loro utilizzo del tutto particolare.

Lottare per non rimpiangere

| Paolo Brescia |
Quando mancano solo due turni alla fine l'unica ambizione deve essere quella della lotta.  La lotta non ti fa rimpiangere nulla: lo sa chi lotta per ogni forma di Europa, lo sa l'Atalanta alla prova della gara finale di coppa Italia con la Lazio (che potrebbe fare lo stesso discorso, ma che per blasone poniamo un momento davanti alla Dea almeno nel diretto confronto di mercoledì), lo sanno in parte le milanesi e la Roma (che con la Juve ha mostrato ancora la sua anima: l'anima di complessità, l'anima di ribellione al destino), e lo sa l'Empoli che guarda dal fondo.

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa |
Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League. 

Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro.

Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo calcoli, con entr…