Passa ai contenuti principali

Fermarsi sul più bello

| Valerio Frezza |

Rischia di trasformarsi in un colpo pesante quello subito nel secondo turno della fase a gironi degli Europei per gli azzurrini di mister Gigi Di Biagio. 




La Repubblica Ceca si è imposta sui nostri per 3-1 sfoggiando una compattezza degna della migliore tradizione delle squadre centro-europee ma anche una freschezza ed una velocità nelle ripartenze che hanno messo in assoluta difficoltà gli azzurrini.
I ragazzi di Gigi Di Biagio dal canto loro hanno peccato in rapidità ma non si sono risparmiati in quanto ad azioni da gol. Bernardeschi, Petagna e Berardi (suo il gol del momentaneo pareggio) hanno avuto sui piedi occasioni spettacolari che per sfortuna e imprecisione non hanno regalato marcature. I cechi invece hanno punto con la loro arma migliore in apertura ossia la velocità di Patrick Schick che, complice uno scivolone di Rugani, ha potuto servire l’indisturbato Travnik. Dopo il pareggio di Berardi la Repubblica Ceca ha trovato il nuovo vantaggio con la percussione centrale di Havlik per poi finire a cinque dalla fine con una bordata di Luftner sulla quale Donnarumma non è stato prontissimo.



In virtù di un format ridisegnato per avere alla fase finale dodici squadre invece di otto, la situazione per l’Italia si complica inevitabilmente. Sabato la gara decisiva sarà contro la Germania: i tedeschi già forti di sei punti in classifica dovranno semplicemente non perdere per non farsi agganciare proprio dall’Italia. Eh sì perché per assurdo potrebbe verificarsi un arrivo a pari punti tra Germania, Italia e Repubblica Ceca visto che questi ultimi potrebbero avere vita facile contro una Danimarca ormai irrimediabilmente esclusa dalle semifinali.



L’Italia dovrà riuscire nell’impresa eroica di battere la Germania con un risultato talmente rotondo da terminare comunque il girone in vetta ma con una differenza reti più importante di quella delle altre due formazioni in gioco. Ci sarebbe anche la possibilità di terminare come secondi per venir ripescati come migliori di questa fascia ma al momento la migliore seconda è la Slovacchia con sei punti e una differenza reti in attivo di tre gol. L’impresa è veramente complicata. Complicata ma non impossibile.


Popolari

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa |
Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League. 

Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro.

Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo calcoli, con entr…

Prime certezze

| Paolo Brescia |
Al terzo giro in archivio (aspettando Torino-Lecce stasera) si può mettere ordine sulla situazione in Serie A riassumendo le nove gare in certezze e timori. D'altronde sono paure e sicurezze a dare forma al mondo, la Serie A non è da meno.

Il Grande Torino

| Francesco Zamboni |
Lo scorso 4 maggio li abbiamo ricordati, ora riviamo nella memoria le loro gesta.
Erano considerati gli Invincibili di quel periodo, erano e sono una delle squadre più forti che l'Italia e l'Europa abbiano mai conosciuto nell'arco del 1900. Ma quel 4 Maggio del 1949 quella squadra ha lasciato per sempre questo mondo. Nella Tragedia di Superga l'intera squadra perse la vita.

Era una squadra che in un periodo di 8 anni aveva conquistato quasi tutto quello che c'era da vincere in Italia: 5 scudetti consecutivi e una Coppa Italia.
La nascita del Grande Torino può essere datata nell'estate del 1939, quando l'imprenditore Ferruccio Novo assunse la presidenza dell'A.C. Torino, e iniziò a lavorare prendendo spunto dalla politica sportivo-imprenditoriale di Edoardo Agnelli nella Juventus nella prima metà degli anni '30.
Nonostante l'inizio del Secondo Conflitto Mondiale, i giocatori rimasero in patria e permisero alla società grana…

Lottare per non rimpiangere

| Paolo Brescia |
Quando mancano solo due turni alla fine l'unica ambizione deve essere quella della lotta.  La lotta non ti fa rimpiangere nulla: lo sa chi lotta per ogni forma di Europa, lo sa l'Atalanta alla prova della gara finale di coppa Italia con la Lazio (che potrebbe fare lo stesso discorso, ma che per blasone poniamo un momento davanti alla Dea almeno nel diretto confronto di mercoledì), lo sanno in parte le milanesi e la Roma (che con la Juve ha mostrato ancora la sua anima: l'anima di complessità, l'anima di ribellione al destino), e lo sa l'Empoli che guarda dal fondo.