Passa ai contenuti principali

Perchè l'Inter ha preso Skriniar


L'Inter sembra intenzionata a puntare sul giovane centrale Milan Skriniar e l'affare andrà in porto per una cifra molto importante. Perchè i nerazzurri lo vogliono così tanto?



Lo slovacco classe '95 era stato acquistato dalla Samp a gennaio 2016 dallo Zilina (squadra campione di Slovacchia) per una cifra intorno al milione di Euro. I blucerchiati sotto la direzione di Pradè (in carica, ufficialmente, dal 2016) hanno inziato uno scouting mirato a cercare giovani in giro per l'Europa con caratteristiche tecniche e tattiche stuzzicanti, vedi i vari colpi come Torreira, Praet, Schick e Linetty. Skriniar rientra fra questi.


La sua caratteristica che salta subito all'occhio è la possanza fisica: è alto 187 cm e pesa 86 kg, ottimi numeri per un difensore centrale. La cosa che sa fare meglio (nell'uno contro uno risulta evidente) è aspettare con astuzia e pazienza l'avversario che lo punta, per poi agire con agilità e forza nel momento in cui questo non protegge il pallone e fugge verso la porta oppure quando rallenta. Skriniar oltre a possedere un ottimo fisico è anche bravo a prevedere i movimenti avversari e a posizionarsi nella maniera giusta. Questo grazie al tutoraggio di Giampaolo, dato che ad inizio stagione spesso sbagliava in fase di copertura.


Spalletti ha dimostrato più volte nel corso della sua carriera di preferire i difensori bravi ad impostare o intensi nel lavoro difensivo più che i difensori d'istinto. Skriniar, oltre alle qualità appena elencate, è dotato di una forte intelligenza tattica e a volte, dopo aver vinto i contrasti nella maniera descritta prima, esce subito con la palla al piede per facilitare il lavoro di impostazione offensiva dei centrocampisti. Per il gioco dell'Inter sarà fondamentale un giocatore del genere, e data la nota abilità del tecnico di Certaldo di lavorare singolarmente sui giocatori, lo slovacco può fare bene. Qualsiasi sia il suo prezzo.



Popolari

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa |
Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League. 

Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro.

Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo calcoli, con entr…

Prime certezze

| Paolo Brescia |
Al terzo giro in archivio (aspettando Torino-Lecce stasera) si può mettere ordine sulla situazione in Serie A riassumendo le nove gare in certezze e timori. D'altronde sono paure e sicurezze a dare forma al mondo, la Serie A non è da meno.

Lottare per non rimpiangere

| Paolo Brescia |
Quando mancano solo due turni alla fine l'unica ambizione deve essere quella della lotta.  La lotta non ti fa rimpiangere nulla: lo sa chi lotta per ogni forma di Europa, lo sa l'Atalanta alla prova della gara finale di coppa Italia con la Lazio (che potrebbe fare lo stesso discorso, ma che per blasone poniamo un momento davanti alla Dea almeno nel diretto confronto di mercoledì), lo sanno in parte le milanesi e la Roma (che con la Juve ha mostrato ancora la sua anima: l'anima di complessità, l'anima di ribellione al destino), e lo sa l'Empoli che guarda dal fondo.

Il Grande Torino

| Francesco Zamboni |
Lo scorso 4 maggio li abbiamo ricordati, ora riviamo nella memoria le loro gesta.
Erano considerati gli Invincibili di quel periodo, erano e sono una delle squadre più forti che l'Italia e l'Europa abbiano mai conosciuto nell'arco del 1900. Ma quel 4 Maggio del 1949 quella squadra ha lasciato per sempre questo mondo. Nella Tragedia di Superga l'intera squadra perse la vita.

Era una squadra che in un periodo di 8 anni aveva conquistato quasi tutto quello che c'era da vincere in Italia: 5 scudetti consecutivi e una Coppa Italia.
La nascita del Grande Torino può essere datata nell'estate del 1939, quando l'imprenditore Ferruccio Novo assunse la presidenza dell'A.C. Torino, e iniziò a lavorare prendendo spunto dalla politica sportivo-imprenditoriale di Edoardo Agnelli nella Juventus nella prima metà degli anni '30.
Nonostante l'inizio del Secondo Conflitto Mondiale, i giocatori rimasero in patria e permisero alla società grana…