Passa ai contenuti principali

Riviviamo il martedì di #UCL


di Max Strati
beffa juve, è secondo posto...

Al termine della prima parte di gare che chiudono la fase a gironi della Champions League sono tanti i verdetti che fanno riflettere. Come prima cosa è necessario analizzare la partita della squadra italiana scesa in campo nella serata di ieri, la Juventus. Alla squadra di Allegri, di scena a Siviglia, bastava un punto per qualificarsi come prima del girone, mentre il Siviglia per arrivare al terzo posto e retrocedere in Europa League aveva bisogno di una vittoria e di un contemporaneo passo falso del Borussia, impegnato a Manchester. L’11 bianconero è sceso in campo con le idee chiare, arrivando a dominare per lunghi spezzoni la gara senza sfruttare, però, le numerose e clamorose occasioni create; poi, a metà ripresa, ecco la beffa: su azione di calcio d’angolo l’ex più atteso, Llorente, anticipa Barzagli, batte Buffon, trascina i suoi al terzo posto e condanna la Juventus al secondo posto, data la contemporanea vittoria del City che, in rimonta, batte il Borussia per 4-2. Ora Allegri non può fare altro che sperare in un’urna benevola che possa risparmiargli squadre come Barcellona, Bayern e Real.
Negli altri gironi sono parecchie le cose che saltano all’occhio; il verdetto più clamoroso arriva dalla Germania dove lo United cade 3-2 sul campo del Wolfsburg e dice addio alla massima competizione europea lasciando il posto al Psv che supera 2-1 il Cska e si piazza secondo alle spalle del Wolfsburg. Il day after per la squadra di Manchester è tremendo, soprattutto per Van Gaal, primo colpevole di questa debacle dopo che la presidenza in estate ha spesa la bellezza di 120 mln per acquistare giocatori come Depay e Martial. Nelle altre gare da evidenziare assolutamente l’8-0 con cui il Real supera il Malmo con un super Ronaldo che con 4 reti realizzate diventa il giocatore con il maggior numero di reti segnate nella fase a gironi della CL (11) superando sé stesso e Luiz Adriano, mentre, nello stesso girone, il Psg grazie a Lucas e Ibra supera lo S.Donetsk che, nonostante la sconfitta, accede all’Europa League. Infine da notare il 2-1 dell’Atletico sul campo del Benfica e l’1-1 tra Galatasaray ed Astana; in questo gruppo l’Atletico passa come prima, il Benfica come seconda, mentre il Galatasaray va in Europa League.

Popolari

Milan in costruzione, cosa manca?

| Andrea Piana |
Dopo la pesante sconfitta con la Lazio, il Milan si è parzialmente riscattato con la larga vittoria in casa dell'Austria Vienna e nelle prossime due partite, sulla carta abbastanza semplici, contro Udinese e Spal, cercherà di confermarsi e di dimostrare che il crollo all'Olimpico è stato solo un incidente di percorso.

Ribaltamento cadetto

| rio_alve |
Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 

Solidità è vittoria

| Paolo Brescia |
La quarta di A ci mette di fronte al fatto compiuto: la solidità totale non esiste, ma la vittoria passa per forza attraverso la resistenza. Juve, Inter, Napoli, Roma e Lazio sono solide, non perchè invincibili o senza difetti (ognuna ha il suo, chiaro da tempo), ma per il fatto di avere e far vedere una netta superiorità di carattere, di articolazione unita in campo.

Serie Aperta, ma non a tutti

| Paolo Brescia |
Il gioco in Serie A, la roulette che mai si ferma ed è già alla quinta volata (superata), ci consegna altri verdetti, che ci lasciano un primo, importante, suggerimento: non c'è un diretto dominio a striscie bianconere, c'è una sostanziale apertura a due fronti, quello del vertice, composto dalla forma e dalla sostanza, ovvero dallo spettacolare Napoli coriaceo e ben impostato, e dalla Juve pur altalenante eppure sempre vincente e mai, davvero mai, in vera difficoltà all' (ex) Stadium, potere di un tempio che attrae e non lascia pane alle avversarie, evidentemente; e quello di insidia.