Passa ai contenuti principali

Crotone e Cagliari, Serie B accesa

 di M.Strati


B-el duello. Crotone e Cagliari continuano a darsele di santa ragione, anche a Natale. 
La squadra di Juric occupa per il momento il primo posto con 41 punti, dopo il 2-2 sul campo del Latina con la squadra di casa che ha acciuffato il pari nei minuti finali grazie ad Acosty dopo che Ricci e Budimir avevano ribaltato l’iniziale vantaggio della squadra di Somma firmato da Esposito. La squadra di Rastelli, invece, occupa il secondo posto con 40 punti dopo aver battuto una diretta concorrente, il Bari per 2-1 grazie a Melchiorri e Sau che rendono inutile la rete di Rosina. 
Alle spalle di Crotone e Cagliari c’è un super Novara che vince anche sul campo dell’Ascoli con un secco 3-1 e si prenota per un campionato da vertice. Restando in zona play off da evidenziare il sonoro 4-0 con cui il Cesena supera la Ternana, il 3-1 dell’Entella sul Vicenza e anche l’importantissima vittoria del Pescara nel derby d’Abruzzo contro il Lanciano. Bene anche il Perugia che, in rimonta, batte il Livorno con un netto 4-1. In chiave salvezza, invece, detto delle sconfitte di Ascoli e Lanciano da sottolineare la preziosissima vittoria del Modena sulla Salernitana e la pesantissima vittoria esterna dell’Avellino sul campo di un sempre più ultimo Como. Termina, invece, in parità la gara tra Trapani e Pro Vercelli con Beretta (Pro) che risponde al momentaneo vantaggio della squadra di Cosmi realizzato da Coronado.







Popolari

Milan in costruzione, cosa manca?

| Andrea Piana |
Dopo la pesante sconfitta con la Lazio, il Milan si è parzialmente riscattato con la larga vittoria in casa dell'Austria Vienna e nelle prossime due partite, sulla carta abbastanza semplici, contro Udinese e Spal, cercherà di confermarsi e di dimostrare che il crollo all'Olimpico è stato solo un incidente di percorso.

Ribaltamento cadetto

| rio_alve |
Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 

Solidità è vittoria

| Paolo Brescia |
La quarta di A ci mette di fronte al fatto compiuto: la solidità totale non esiste, ma la vittoria passa per forza attraverso la resistenza. Juve, Inter, Napoli, Roma e Lazio sono solide, non perchè invincibili o senza difetti (ognuna ha il suo, chiaro da tempo), ma per il fatto di avere e far vedere una netta superiorità di carattere, di articolazione unita in campo.

Serie Aperta, ma non a tutti

| Paolo Brescia |
Il gioco in Serie A, la roulette che mai si ferma ed è già alla quinta volata (superata), ci consegna altri verdetti, che ci lasciano un primo, importante, suggerimento: non c'è un diretto dominio a striscie bianconere, c'è una sostanziale apertura a due fronti, quello del vertice, composto dalla forma e dalla sostanza, ovvero dallo spettacolare Napoli coriaceo e ben impostato, e dalla Juve pur altalenante eppure sempre vincente e mai, davvero mai, in vera difficoltà all' (ex) Stadium, potere di un tempio che attrae e non lascia pane alle avversarie, evidentemente; e quello di insidia.