Passa ai contenuti principali

Italiane, che amarezza. Ma "il pallone è rotondo"...


di Paolo Brescia

Due righe, a freddo, sui sorteggi #UCL e #UEL. Male, male. Le armate dal talento puro per Juve e Roma. Le calde-in-casa per le nostre in ex coppa Uefa.
Ma il pallone è rotondo, il campo è sovrano, bisogna farsi forza e credere in fondo al miracolo.
Almeno, con un po' di irrazionalità e anche un pizzico di logica, però.

Roma-Real In casa, qualcosa, si può costruire per Garcia e i suoi, che a febbraio ci immaginiamo o definitamente morti o totalmente risorti. Benitez è il "non gioco" fatto persona, ma Ronaldo-Bale-James-benzema-Isco (resta a gennaio?) sono il top, quasi il top del mondo. Dietro, l'anello debole, con la difesa larga e poco attenta.
In patria faticano perché Rafa li affossa, ma in Europa sono letali. E la Roma ad oggi non vale 1/10 del Psg, che pure è stato liquidato. Al Bernabeu i giallorossi non passano, per nulla. Il ritorno fuori è la "sfiga nella sfiga".

Juve-Bayern Qui, ancor meno da dire, ancor più da sperare. Eliminare il Bayern sarebbe libidine pura per, ricordiamolo, la squadra vice campione d'Europa, la Vecchia Signora. Al momento sembra impossibile, perché strappare un pareggio con gol a Torino (cosa possibile) significherebbe comunque avere una condanna pendente. A Monaco c'è poco da stare...Allegri. #Fiuu? No, stavolta no.

L'Europa League, infine.


Malino anche per la coppa minore. Lazio con i turchi, che da loro sono temibili, e due tre giocatori da tenere d'occhio  li hanno. Poi, poco altro. Non impossibile.
Meglio al Napoli, ma il sottomarino giallo spagnolo non va sottovalutato. Il passaggio è nei piedi dei partenopei, al S.Paolo bisognerà esagerare. Infine, ancora sfortunata la Fiorentina: Tottenham...lì è impossibile. Ma come dicevo, la palla è rotonda, il campo è sovrano.



Popolari

Milan in costruzione, cosa manca?

| Andrea Piana |
Dopo la pesante sconfitta con la Lazio, il Milan si è parzialmente riscattato con la larga vittoria in casa dell'Austria Vienna e nelle prossime due partite, sulla carta abbastanza semplici, contro Udinese e Spal, cercherà di confermarsi e di dimostrare che il crollo all'Olimpico è stato solo un incidente di percorso.

Ribaltamento cadetto

| rio_alve |
Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 

Solidità è vittoria

| Paolo Brescia |
La quarta di A ci mette di fronte al fatto compiuto: la solidità totale non esiste, ma la vittoria passa per forza attraverso la resistenza. Juve, Inter, Napoli, Roma e Lazio sono solide, non perchè invincibili o senza difetti (ognuna ha il suo, chiaro da tempo), ma per il fatto di avere e far vedere una netta superiorità di carattere, di articolazione unita in campo.

Serie Aperta, ma non a tutti

| Paolo Brescia |
Il gioco in Serie A, la roulette che mai si ferma ed è già alla quinta volata (superata), ci consegna altri verdetti, che ci lasciano un primo, importante, suggerimento: non c'è un diretto dominio a striscie bianconere, c'è una sostanziale apertura a due fronti, quello del vertice, composto dalla forma e dalla sostanza, ovvero dallo spettacolare Napoli coriaceo e ben impostato, e dalla Juve pur altalenante eppure sempre vincente e mai, davvero mai, in vera difficoltà all' (ex) Stadium, potere di un tempio che attrae e non lascia pane alle avversarie, evidentemente; e quello di insidia.