Passa ai contenuti principali

Italiane, che amarezza. Ma "il pallone è rotondo"...


di Paolo Brescia

Due righe, a freddo, sui sorteggi #UCL e #UEL. Male, male. Le armate dal talento puro per Juve e Roma. Le calde-in-casa per le nostre in ex coppa Uefa.
Ma il pallone è rotondo, il campo è sovrano, bisogna farsi forza e credere in fondo al miracolo.
Almeno, con un po' di irrazionalità e anche un pizzico di logica, però.

Roma-Real In casa, qualcosa, si può costruire per Garcia e i suoi, che a febbraio ci immaginiamo o definitamente morti o totalmente risorti. Benitez è il "non gioco" fatto persona, ma Ronaldo-Bale-James-benzema-Isco (resta a gennaio?) sono il top, quasi il top del mondo. Dietro, l'anello debole, con la difesa larga e poco attenta.
In patria faticano perché Rafa li affossa, ma in Europa sono letali. E la Roma ad oggi non vale 1/10 del Psg, che pure è stato liquidato. Al Bernabeu i giallorossi non passano, per nulla. Il ritorno fuori è la "sfiga nella sfiga".

Juve-Bayern Qui, ancor meno da dire, ancor più da sperare. Eliminare il Bayern sarebbe libidine pura per, ricordiamolo, la squadra vice campione d'Europa, la Vecchia Signora. Al momento sembra impossibile, perché strappare un pareggio con gol a Torino (cosa possibile) significherebbe comunque avere una condanna pendente. A Monaco c'è poco da stare...Allegri. #Fiuu? No, stavolta no.

L'Europa League, infine.


Malino anche per la coppa minore. Lazio con i turchi, che da loro sono temibili, e due tre giocatori da tenere d'occhio  li hanno. Poi, poco altro. Non impossibile.
Meglio al Napoli, ma il sottomarino giallo spagnolo non va sottovalutato. Il passaggio è nei piedi dei partenopei, al S.Paolo bisognerà esagerare. Infine, ancora sfortunata la Fiorentina: Tottenham...lì è impossibile. Ma come dicevo, la palla è rotonda, il campo è sovrano.



Popolari

Di cosa abbiamo bisogno stasera

| Paolo Brescia |
Probabilmente di una benedizione. Con calma, senza vittimismi, personalismi, attacchi blandi, vediamo come potrebbe affrontare la Svezia questa sera l'Italia, nel giorno più importante degli ultimi 10 anni per la nostra Nazionale. Sapendo che bisogna ripartire dall'ABC(D).

Anno zero per il calcio femminile

| @rio_alve |
Da quel febbraio del 1933, ovvero quando venne fondato il Gruppo Femminile Calcistico, di acqua sotto ai ponti ne è passata tantissima. 

Ragionare dopo il disastro

| Emanuele Ciccarese |
Un disastro, annunciato. Come ripartire?

Voglia di riscatto: Marco Giampaolo

| Francesco Lalopa |
Con Faccia da Mister oggi andiamo a parlare di uno degli allenatori più controversi e sorprendenti delle ultime stagioni di Serie A, capace di passare in brevissimo tempo dalla guida di una squadra di Lega Pro a possibile candidato per la panchina della Nazionale Italiana, passando per le esaltanti esperienze di Empoli e Genova, sponda blucerchiata. 

La carriera da allenatore di Marco Giampaolo, come tante, ha avuto un inizio complicato fatto di esoneri, dimissioni, litigi con dirigenti e presidenti. Di tutte le squadre guidate, due sono state quelle che hanno fatto balzare gli onori della cronaca, in senso negativo, Giampaolo come allenatore: Cagliari e Brescia.  In Sardegna ci arriva nell'estate del 2006, ancora senza patentino da allenatore e con solo la breve esperienza di Ascoli come capo-allenatore, mentre la nostra Nazionale era intenta a giocare il Mondiale della rinascita dopo lo scandalo Calciopoli. Nonostante un avvio stentato ed un esonero d…