Passa ai contenuti principali

Mancini padrone, Allegri genio


di Paolo Brescia

Inter. Juve. Rieccole, che Serie A.

due geni, non due maghi.
Trionfi nel giorno dei verdetti, a -10 dal Natale. Inter col cinismo delle big d'Europa al Friuli, anche grazie ai regali "Di Natale" dell'Udinese. Doppio Icardi, Jovetic e Brozovic, il drink d'auguri è pronto. Juve precisa davanti, non senza soffrire, ma con la sesta che entra. Cuadrado, Mandzukic, Dybala, ansie sparite, rincorsa in completamento (sulla Roma, il sorpasso è servito, il 30 agosto è lontano). 36 punti Inter, 30 Juve, la sfida (non troppo) a distanza è solo iniziata.

Sfida a due? Forse, ma non sicuramente, perché se è vero che escono ridimensionate dal turno le altre- Napoli-Roma e Fiorentina- è anche vero che i punti persi alla fine non son troppi.
7 punti per 5 squadre, ma almeno in casa Roma si guarda al recente passato e si fa, si deve fare, mea culpa. Il 5 posto è ingiustificabile, lenito solo dalla consapevolezza che le altre sono molto più forti, molto più pronte, delle ultime battute. E non solo, anche la consapevolezza, odierna, che 1 punto a Napoli non si butta (solo la Samp c'è riuscita, quest'anno, ed era un altro Napoli). Con umiltà infatti il gioco della Roma è riuscito a chiudere e ingabbiare le idee plurioffensive del Napoli, che non ha trovato spazi e risorse vitali. Quando lo ha fatto, Szczesny era pronto. Un portiere, finalmente. Ma andrà via. Costruire, quando?
Piccola polemica il gol annullato alla Roma, il fermo immagine è sotto, basta cliccare.
Deluso il Napoli, che perde un po' il treno, ma ancora molto, molto davvero, c'è da scrivere in questa Serie A.

Un po' deluso anche Sousa, che stava per agguantare un pareggio d'oro allo Stadium (come ci riuscì il buon Frosinone, sembrano passati anni luce, la Juve di prima non c'è più, la Juve è, e basta).
Errori nel finale, frittata fatta, incartata e consegnata gratis ai mastini, alle volpi, le solite volpi: Mandzukic-Dybala. Per il resto, altro che delusione. Gioco e possesso palla da grande, per l'Europa tenete d'occhio la Viola.
box "polemico": è dentro? A voi le opinioni...
Male, il Milan. Pareggiotto strano e forse un po' regalato al Verona (rigore scaligero e rosso a De Jong, però, netti), che accende la contestazione, l'ennesima, del disperato popolo rossonero. 1-1 con gli ultimissimi.
Aspettando la sfida disperata Lazio-Samp, squadre nel vortice Serie B, vincono e convincono Empoli, Chievo e Bologna (salvezze alla mano per tutte). Si risveglia il Palermo, e Ballardini respira. Fumi di nebbia, invece, per le vogliose d'Europa, Sassuolo e Torino.

Popolari

La provincia davanti significa molto

| Paolo Brescia |
Stare davanti, piazzarsi al terzo posto è più di un'immagine, è ben più di un simbolo. Mettersi dietro quelle che si definiscono più grande e più potenti di te significa molto.
L'Atalanta blinda la Champions con un punto d'oro allo Stadium e prosegue la sua strepitosa costruzione. Nell'ultimo (probabilmente) scorcio dell'esperienza del Gasp sulla panchina orobica, la Dea non improvvisa nulla, non vive l'ansia da prestazione. Tutte qualità impresse col fuoco, che resteranno ormai nel percorso atalantino, e che soprattutto l'uomo dei giovani Gasperini ha saputo apportare al club di Zingonia. 

Playoff Serie B: Ne restano quattro

| rio_alve |
Nel pieno dello scandalo che ha travolto la Serie B ha preso il via il playoff promozione. Nel turbinio post stagione regolare si è formata una nuova griglia ed, escluso il Palermo per le note vicissitudini giuridico finanziarie, si è aperta improvvisamente la strada per altre interessanti pretendenti. Da questo imbuto uscirà la squadra con cui comporre il trittico di promosse alla massima serie e il primo turno, un setaccio posto a filtro delle semifinali, ha già tolto dalla corsa il ripescato Perugia (pelle comunque venduta a caro prezzo) ed il deludente Spezia superato in casa dal sorprendente Cittadella per 2-1.

Bayern ist Bayern

| Emanuele Ciccarese |
Dopo una Bundesliga rimasta per lungo tempo apertissima, alla fine l'ha spuntata il Bayern.

Con un occhio al presente ed uno al futuro

| Francesco Lalopa |
Giunti finalmente alla conclusione di questa annata calcistica, in Spagna si possono iniziare a tirare le prime conclusioni, pensando agli errori commessi ed alle possibili soluzioni in vista della prossima stagione. 

Per il secondo anno consecutivo il Barcellona ha conquistato il titolo di Campione di Spagna. Non ci sarebbe nulla di anormale se non fosse che anche quest'anno il titolo è stato messo in cascina ben prima della fine del campionato, con la vetta conquistata sin dalle prime giornate e mantenuta per tutto l'arco del torneo. Ben poche le critiche che si possono muovere a questa società sui risultati raggiunti nei propri confini, diversamente da quanto fatto vedere in Europa con la clamorosa eliminazione di Anfield. Di certo però i catalani comunque non resteranno fermi ed infatti già hanno iniziato a muoversi sul mercato con l'arrivo di De Jong dall'Ajax. E questo sembra non essere l'unico arrivo di una estate che si promette caldis…