Passa ai contenuti principali

Cambio in vetta, che Serie A!


di Paolo Brescia

Un campionato bellissimo. Dopo anni di domini solitari, la nostra Serie A si riaffaccia alla porta dello spettacolo europeo, imitando quella Premier League che tanto ammiriamo. Quest'anno, in Inghilterra, tutto è in gioco (Chelsea a parte), con il Leicester in vetta. Da noi, cambio al vertice, ma nella sostanza resta immutata l'incertezza e la competitività.
Inter davanti, subito dietro Fiorentina e Napoli. Accodate, ma speranzose, Roma e Juve (eccola di nuovo). Seguono con interesse, ma con pochissime speranze, Sassuolo, Atalanta(!), e Milan. Da sotto in poi, livello mediocre, con alcuni rari picchi. Lotta salvezza incerta, con un paio di squadre serie candidate a lasciare la massima serie (vedi Palermo, vedi Verona).

Inter in vetta, ancora con l'1-0 classico, ancora con quella cosa che a Roma, Milano, Palermo o Aosta si chiama allo stesso modo, ancora con una grande impostazione difensiva. Lo scudetto si costruisce anche con un gioco non esageratamente bello, splendente. Miglior difesa, con la forza data dal collettivo più che dai singoli. Segue a ruota la Viola, con un discorso quasi uguale. Qui il "singolo" a emergere è Kalinic. Una peste, una mina vagante pericolosissima. 32 punti a Firenze non erano previsti nemmeno dai sognatori incalliti. Campioni morali.

Cade il Napoli, senza perdere autostima. Un ottimo Bologna fa penare Sarri, ma nel secondo tempo esce fuori l'animo che spinge i partenopei così in alto in classifica. Non è una squadra triste, direbbe qualcuno. Il pipita c'ha provato, forse un po' tardi. Una sconfitta che non intacca, ripetiamo, la serenità dell'ambiente, stretto intorno al tatticismo di Sarri (che però ha confidato di credere anche "nel bambino che c'è in ogni calciatore": l'unico?). E Destro? E Lijaic? (ma insomma Sabatini ci fa o ci è?).
Torna la Juve, preoccupa la Roma. L'una si sbarazza della Lazio (Pioli resta, ma i 19 punti sono impietosi), l'altra si lascia impantanare dal Torino (squadra ben messa in campo, ma almeno un gradino tecnico sotto). Eccola, la squadra triste, che trova il gol nel finale su grazia di Padelli, ma si fa rimontare con un rigore visto solo da Damato, frutto però di ansie difensive da Eccellenza-Prima Categoria. Altro spreco, altra rabbia. Mercoledì c'è il BATE, spartiacque, ultima chiama, quello che volete, della stagione.
Eccola, Roma-Juve, a quasi 100 giorni da quella gara che sembrava poter dire tutto, molto.
Roma-Juve è "tristezza vs Joya", quella gioia di Dybala, il Paulo ritrovato. Un gol pauroso venerdì sera. Fenomeniño.
Guardano attente Sassuolo (perfetto ieri contro la Samp a pezzi dell'aeroplanino Montella), Milan(bloccato al Cabassi da un ottimo Carpi), Atalanta (Reja fa miracoli, la Dea vola).
Bene, infine, Chievo ed Empoli: salvezza alla mano.

Popolari

San Siro, la Scala del calcio

| Francesco Zamboni |
Nel lontano 1925 nasce lo Stadio San Siro, palcoscenico delle grandi imprese sia nazionali che europee del Milan e dell’Inter.

In Irlanda esiste un campionato?

| Giordano Pantosti |
“There is no league in Ireland”. Così affermò Giovanni Trapattoni il 9 settembre 2013, due giorni prima di rescindere il contratto che lo legava alla nazionale irlandese in qualità di ct. La situazione sta cambiando?

Inizio a singhiozzo

| Francesco Lalopa |

Quello che doveva essere il solito placito duopolio Barcellona - Real Madrid, sta dimostrando di essere qualcosa in più, con la cima della classifica che si è arricchita della presenza di Siviglia, Espanyol ed Alaves, mentre la classe "media" arranca e si attarda nella rincorsa alle posizioni europee della classifica. 

A guidare la testa della classifica, sorprendentemente soprattutto vista la passata stagione, c'è il Siviglia. La squadra guidata da Pablo Machin si sta imponendo in questo avvio di stagione grazie ad un mix tra solidità difensiva e bel gioco che sta permettendo di sfoderare prestazioni sempre più sorprendenti giornata dopo giornata come la netta vittoria per 3:0 contro il Real Madrid. Ad aver preso per mano la squadra in queste prime giornate sono state le due punte Andrè Silva e Wissam Ben Yedder, trascinando il gruppo grazie ai propri gol ed alle giocate. Ad attenderli ora ci sarà il Barcellona, squadra che sta attraversando una p…

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Dopo la sosta, torna il calcio europeo con tre big match niente male.