Passa ai contenuti principali

Sempre BU-DI-MIR!!

di Max Strati


Sempre lui, ancora loro. In Serie B al termine del diciottesimo turno di campionato si conferma in vetta alla classifica il Crotone di Juric che, nel posticipo, batte di misura (1-0) il Modena grazie all'ennesimo gol in campionato di Ante Budimir, già noto per i fatti di Milano (il pareggio nei 90' regolamentari di Coppa con il Milan è opera sua). Calabria avanti +3 sulla prima inseguitrice, il Cagliari, che non va oltre l’1-1 sul campo del Livorno.
Alle spalle di Crotone e Cagliari troviamo il Bari che con una prodezza di Sabelli batte il Perugia (1-0) ed il Novara che grazie al terzo 4-1 consecutivo supera il Trapani di Serse Cosmi. In zona play off ci sono anche il Brescia che vince 2-1 a Vicenza grazie ad una doppietta dell’”Airone” Caracciolo, il Pescara che con le reti di Memushaj e del solito Lapadula (10 centri in B) supera l’Entella (che occupa ancora l’ottavo posto) ed il Cesena che, però, cade a Vercelli (2-0). In chiave salvezza, invece, detto della sconfitta del Modena, preziose sono le vittorie della Salernitana che con le reti di Pestrin e Coda batte l’Ascoli 2-0 e, soprattutto, dell’Avellino che batte, in rimonta, il Lanciano per 3-2 dopo essere stato sotto per quasi tutta la partita. Molto bene anche la Ternana che, senza troppi problemi, liquida il Como con un sonoro 4-0, condannando la squadra di Festa all’ultimo posto con 10 punti, lontano altrettanti 10 dalla zona salvezza.

Popolari

La Finale: Francia-Croazia

| Francesco Lalopa |
Anche questa avventura mondiale giunge al termine. Un mese ricco di sorprese che ci ha tenuti incollati al televisore partita dopo partita e che ha consegnato ai posteri una finale che veramente in pochissimi avrebbero ipotizzato all'inizio della competizione, soprattutto a causa di clamorose eliminazioni ed assenze a questa fase finale.

Finalina: Belgio-Inghilterra

| rio_alve |

La prima finale della storia del mondiale, valevole per il terzo e quarto posto, venne giocata a Napoli nel giugno del 1934 tra Germania e Austria, in quello che potrebbe essere considerato tranquillamente un derby. Il teatro fu quello dello stadio “Giorgio Ascarelli”, dal nome del facoltoso presidente partenopeo che ne aveva finanziato la costruzione pochi anni prima, e il risultato fu di 3-2 per i tedeschi davanti a 40.000 spettatori. Nel 1942 l’Ascarelli venne raso al suolo da un bombardamento alleato e il terreno di gioco divenne un deposito di macerie nella ricostruzione post bellica. Ottantaquattro anni più tardi, questa volta in Russia, la finale per il terzo e quarto posto, sarà tra Belgio e Inghilterra.

Un "nuovo" Berisha per la Lazio

| Max Strati |
No, la Lazio non ha ricomprato il suo ex portiere, ma ha da poco acquistato un interessante profilo, Valon Berisha.

Semifinali: Francia-Belgio

| Emanuele Ciccarese |
Una semifinale d'oro, una finale anticipata.