Passa ai contenuti principali

Quell' (inaccettabile) obiettivo centrato


di Giovanni Azzaro

È stata una serata triste, sciapa, contradditoria, nella quale sono emersi tutti i punti deboli di una squadra sempre più senza anima e senza gioco. È una Roma irriconoscibile quella che impatta 0-0 con il Bate Borisov, in una gara pervasa da un forte senso di tensione, nella cornice di un Olimpico ancora orfano del suo cuore pulsante, la Curva Sud. I giallorossi nel primo tempo fanno i conti con un avversario estremamente chiuso e pronto alla ripartenza, rendendosi pericolosi quasi esclusivamente sui calci da fermo. Nel secondo tempo le due squadre si allungano e la palla della qualificazione finisce a turno sui piedi di Dzeko, Pjanic e Florenzi, ma si conferma la recente scarsa vena realizzativa dei giallorossi, poco lucidi in avanti e in totale confusione dietro.
L'ingresso di Salah sembra l'ultima scialuppa di salvataggio per Garcia, ma la Roma continua a imbarcare acqua e per poco non va a fondo: due parate miracolose di un ritrovato Sczeszny tengono a galla i suoi,che nel finale vanno in apnea preferendo mantenere il pareggio e sperare nel risultato di
Leverkusen piuttosto che fare il gol qualificazione.


L'Opinione- Il risultato aspettato arriva,come i fischi e il malcontento per una qualificazione che ha "solo" 13 milioni di buoni motivi. Una squadra sfilacciata, senza carattere, con uno spogliatoio disunito nel quale Rudi Garcia ormai conta poco, aggrappato alla dipendenza da Salah e Gervinho, non merita niente. Una società fantasma che si fa viva solo ogni tanto senza difendere i propri tifosi ma criticandoli perché fischiano dopo uno scempio del genere, non merita Roma. Non il contrario. Hai capito James?

Gli altri risultati: Chelsea-Porto 2-0 Dinamo K.-Maccabi 1-0 Bayer L.-Barcellona 1-1 Olympiacos-Arsenal 0-3 Dinamo Z.-Bayern 0-2 Gent-Zenit 2-1 Valencia-Lione 0-2

Popolari

San Siro, la Scala del calcio

| Francesco Zamboni |
Nel lontano 1925 nasce lo Stadio San Siro, palcoscenico delle grandi imprese sia nazionali che europee del Milan e dell’Inter.

In Irlanda esiste un campionato?

| Giordano Pantosti |
“There is no league in Ireland”. Così affermò Giovanni Trapattoni il 9 settembre 2013, due giorni prima di rescindere il contratto che lo legava alla nazionale irlandese in qualità di ct. La situazione sta cambiando?

Inizio a singhiozzo

| Francesco Lalopa |

Quello che doveva essere il solito placito duopolio Barcellona - Real Madrid, sta dimostrando di essere qualcosa in più, con la cima della classifica che si è arricchita della presenza di Siviglia, Espanyol ed Alaves, mentre la classe "media" arranca e si attarda nella rincorsa alle posizioni europee della classifica. 

A guidare la testa della classifica, sorprendentemente soprattutto vista la passata stagione, c'è il Siviglia. La squadra guidata da Pablo Machin si sta imponendo in questo avvio di stagione grazie ad un mix tra solidità difensiva e bel gioco che sta permettendo di sfoderare prestazioni sempre più sorprendenti giornata dopo giornata come la netta vittoria per 3:0 contro il Real Madrid. Ad aver preso per mano la squadra in queste prime giornate sono state le due punte Andrè Silva e Wissam Ben Yedder, trascinando il gruppo grazie ai propri gol ed alle giocate. Ad attenderli ora ci sarà il Barcellona, squadra che sta attraversando una p…

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Dopo la sosta, torna il calcio europeo con tre big match niente male.