Passa ai contenuti principali

Pipita d'Oro!


di Paolo Brescia

sono 12 per il Pipita!
ROMA- Doveva succedere. La vetta tanto attesa è arrivata, e a Napoli si fa festa. Ritrovato il gioco, ritrovata la solidità, ritrovati i gol, ci sono gli ingredienti giusti per vivere un sogno che potrebbe superare la realtà.
Il Napoli c'è e non fallisce, anche se stavolta pecca un po' in gestione del gioco, soprattutto nel secondo tempo. Una gara, quella contro l'ottima Inter di Mancini, che ci regala tanti dati. Non sarà decisiva, lo ha detto bene Sarri, ma il Napoli da solo, davanti, dopo 25 anni, è un segnale forte al calcio nostrano, rivoluzionato dal quel semplice impiegato toscano, inventatosi allenatore. Non diamogli gloria totale, perché i successi si devono ancora toccare con mano, ma possiamo concedergli il grande merito di star mostrando quel Gioco che da anni aspettavano a Napoli, senza pensare a gestire i campioni, come invece erano troppo impegnati a fare i suoi predecessori. E poi, davanti, c'è il numero uno al mondo, senza tema di eresia: IL PIPITA. Con lui sono la forza, la classe, la concretezza, il tiro, lo scatto: tutto. E’ stato impressionante il primo gol, una legnata sul primo palo, con Handanovic immobile. Una dimostrazione di forza, di intelligenza, di qualità la seconda rete, con i difensori nerazzurri che hanno provato inutilmente a spostarlo. Higuain ha resistito e poi è andato a colpire con precisione. Due gol pazzeschi.

Mancio, sorridi-E poi c'è l'Inter. Può davvero essere contento, Mancini. Una squadra brillante, soprattutto nel secondo tempo, quello giocato in 10 uomini, vista l'espulsione dubbia di Nagatomo. Il finale è epico, con Reina (altro leader) a salvare il Napoli (due pali in una azione, il destino dice Napoli?), ma la grinta dimostrata, può tranquillizzare. L'Inter ha confermato la sua crescita proprio nel mezzo di due sconfitte, quella di San Siro contro la Fiorentina, dove non era matura e dove ha peccato, e quella di ieri sera, dove finalmente ha impostato un modulo che la rende offensiva e compatta anche in situazioni difficili. Il pareggio sarebbe stato più giusto.


Gli altri dati del match sono lo scheletro pauroso che ha il Napoli a centrocampo, con Hamsik-Jorginho-Allan impressionanti e il talento inaspettato che ha trovato l'Inter in Lijaic.


Nell'altra gara del lunedì, pareggio esaltante al Mapei stadium, tra Sassuolo e Fiorentina. 1-1 deciso da Valero e Floccari, ma risultato a parte abbiamo visto un altra bella gara, tra due squadre che non hanno paura di giocare senza aspettare l'avversario, che si schierano equilibrate in mezzo al campo. In questo, il Sassuolo riesce meglio a mettere paura, e la classifica parla chiara. Complimenti a Di Francesco.

Ieri parlavamo dei dati della domenica, li riassumiamo in poche frasi-lampo, chi vuole può leggere l'editoriale completo qui: http://calciovistodame.blogspot.it/2015/11/cacciateli-garcia-e-pioli-toccano-il.html. Intanto:
-tristezza Capitale
-rinascita Milan
-rincorsa Juve
-tracolli Verona, Samp e Genoa
-ansie salvezza Carpi e Bologna
-Fortino Matusa

Popolari

Milan in costruzione, cosa manca?

| Andrea Piana |
Dopo la pesante sconfitta con la Lazio, il Milan si è parzialmente riscattato con la larga vittoria in casa dell'Austria Vienna e nelle prossime due partite, sulla carta abbastanza semplici, contro Udinese e Spal, cercherà di confermarsi e di dimostrare che il crollo all'Olimpico è stato solo un incidente di percorso.

Ribaltamento cadetto

| rio_alve |
Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 

Solidità è vittoria

| Paolo Brescia |
La quarta di A ci mette di fronte al fatto compiuto: la solidità totale non esiste, ma la vittoria passa per forza attraverso la resistenza. Juve, Inter, Napoli, Roma e Lazio sono solide, non perchè invincibili o senza difetti (ognuna ha il suo, chiaro da tempo), ma per il fatto di avere e far vedere una netta superiorità di carattere, di articolazione unita in campo.

Serie Aperta, ma non a tutti

| Paolo Brescia |
Il gioco in Serie A, la roulette che mai si ferma ed è già alla quinta volata (superata), ci consegna altri verdetti, che ci lasciano un primo, importante, suggerimento: non c'è un diretto dominio a striscie bianconere, c'è una sostanziale apertura a due fronti, quello del vertice, composto dalla forma e dalla sostanza, ovvero dallo spettacolare Napoli coriaceo e ben impostato, e dalla Juve pur altalenante eppure sempre vincente e mai, davvero mai, in vera difficoltà all' (ex) Stadium, potere di un tempio che attrae e non lascia pane alle avversarie, evidentemente; e quello di insidia.