Passa ai contenuti principali

Pipita d'Oro!


di Paolo Brescia

sono 12 per il Pipita!
ROMA- Doveva succedere. La vetta tanto attesa è arrivata, e a Napoli si fa festa. Ritrovato il gioco, ritrovata la solidità, ritrovati i gol, ci sono gli ingredienti giusti per vivere un sogno che potrebbe superare la realtà.
Il Napoli c'è e non fallisce, anche se stavolta pecca un po' in gestione del gioco, soprattutto nel secondo tempo. Una gara, quella contro l'ottima Inter di Mancini, che ci regala tanti dati. Non sarà decisiva, lo ha detto bene Sarri, ma il Napoli da solo, davanti, dopo 25 anni, è un segnale forte al calcio nostrano, rivoluzionato dal quel semplice impiegato toscano, inventatosi allenatore. Non diamogli gloria totale, perché i successi si devono ancora toccare con mano, ma possiamo concedergli il grande merito di star mostrando quel Gioco che da anni aspettavano a Napoli, senza pensare a gestire i campioni, come invece erano troppo impegnati a fare i suoi predecessori. E poi, davanti, c'è il numero uno al mondo, senza tema di eresia: IL PIPITA. Con lui sono la forza, la classe, la concretezza, il tiro, lo scatto: tutto. E’ stato impressionante il primo gol, una legnata sul primo palo, con Handanovic immobile. Una dimostrazione di forza, di intelligenza, di qualità la seconda rete, con i difensori nerazzurri che hanno provato inutilmente a spostarlo. Higuain ha resistito e poi è andato a colpire con precisione. Due gol pazzeschi.

Mancio, sorridi-E poi c'è l'Inter. Può davvero essere contento, Mancini. Una squadra brillante, soprattutto nel secondo tempo, quello giocato in 10 uomini, vista l'espulsione dubbia di Nagatomo. Il finale è epico, con Reina (altro leader) a salvare il Napoli (due pali in una azione, il destino dice Napoli?), ma la grinta dimostrata, può tranquillizzare. L'Inter ha confermato la sua crescita proprio nel mezzo di due sconfitte, quella di San Siro contro la Fiorentina, dove non era matura e dove ha peccato, e quella di ieri sera, dove finalmente ha impostato un modulo che la rende offensiva e compatta anche in situazioni difficili. Il pareggio sarebbe stato più giusto.


Gli altri dati del match sono lo scheletro pauroso che ha il Napoli a centrocampo, con Hamsik-Jorginho-Allan impressionanti e il talento inaspettato che ha trovato l'Inter in Lijaic.


Nell'altra gara del lunedì, pareggio esaltante al Mapei stadium, tra Sassuolo e Fiorentina. 1-1 deciso da Valero e Floccari, ma risultato a parte abbiamo visto un altra bella gara, tra due squadre che non hanno paura di giocare senza aspettare l'avversario, che si schierano equilibrate in mezzo al campo. In questo, il Sassuolo riesce meglio a mettere paura, e la classifica parla chiara. Complimenti a Di Francesco.

Ieri parlavamo dei dati della domenica, li riassumiamo in poche frasi-lampo, chi vuole può leggere l'editoriale completo qui: http://calciovistodame.blogspot.it/2015/11/cacciateli-garcia-e-pioli-toccano-il.html. Intanto:
-tristezza Capitale
-rinascita Milan
-rincorsa Juve
-tracolli Verona, Samp e Genoa
-ansie salvezza Carpi e Bologna
-Fortino Matusa

Popolari

Miracoli, disastri: la A cala il sipario

| Paolo Brescia |
Rinascere da una partita. E' possibile quando è l'epilogo della Serie A, quando tutto è proteso verso direzioni oscure, quando le emozioni stanno per terminare. L'Inter strappa il pass Champions ad una Lazio che piomba nella disperazione. L'unica squadra della A insieme alla Juve praticamente sempre sul pezzo, cade con errori indifendibili, di maturità, mentalità e ragionevolezza. L'Inter torna a respirare la Champions, come compete a chi questo trofeo è l'ultima ad averlo vinto delle nostre. I verdetti della A, ai saluti.

Atletico campione, nel segno di Simeone e Griezmann

| Andrea Piana | 
Alla fine è andata secondo le previsioni. L'Atletico Madrid, battendo con un netto 3-0 il Marsiglia, si è portato a casa la terza Europa League della sua storia, la seconda da quando Simeone siede sulla panchina biancorossa. Non è bastato un Marsiglia coraggioso (e forse anche un po' sfortunato) a colmare il netto divario tra le due squadre, ma comunque bisogna riconoscere l'ottimo percorso compiuto dalla squadra di Garcia in questo torneo, che per i francesi resta un sogno: ieri è arrivata la terza sconfitta su tre finali disputate.

Il protagonista assoluto della partita è stato Griezmann, autore dei primi due gol: con il primo ha indirizzato la gara in favore degli spagnoli dopo un avvio abbastanza complicato, in cui il Marsiglia aveva anche sfiorato il gol; con il secondo, a inizio ripresa, ha praticamente eliminato ogni speranza di rimonta da parte dei francesi, chiudendo di fatto la partita. Il terzo gol dell'Atletico, arrivato nel finale, porta la …

Ultime lotte

| Emanuele Onofri |
Questo weekend si chiuderanno ufficialmente gli ultimi campionati maggiori ancora in corso e i riflettori mediatici si sposteranno sull’imminente Mondiale, al via il 14 giugno. Ci sono però ancora alcuni verdetti da scrivere per la prossima stagione, che riguardano qualificazione a competizioni europee o rischio di retrocessione in categorie cadette, fino ad arrivare a finali di coppe nazionali.

Il tortuoso percorso verso la A

| rio_vela |
Nello sport esiste una particolare difficoltà nel perseguire la vittoria che nel tennis trova la sua rappresentazione più alta e che, proprio in questa disciplina, viene chiamato “braccino”. Nella settimana degli Internazionali d’Italia che si sono appena conclusi, il richiamo appare quanto meno appropriato. Già perché mentre nella Capitale si disputava la semifinale del singolare tra Cilic e Zverev a pochi chilometri di distanza si consumava un piccolo dramma sportivo: il Frosinone, ad un passo dalla serie A, vedeva soffiarsi la promozione a vantaggio del Parma.
La contemporaneità dell’ultimo turno della stagione regolare di B ci ha regalato 90 minuti intensi ed emozionanti. Al Frosinone serviva un successo contro il tranquillo Foggia, già salvo e matematicamente fuori dal discorso playoff ed invece si è ritrovato a rincorrere una squadra che, evidentemente giocando senza l’assillo del risultato, ha sfoggiato (mai termine più indovinato) un’ottima performance. Vantaggio de…