Passa ai contenuti principali

Favola Leicester!


di Luca Balbinetti


Il Leicester non ha ceduto neanche questa volta.
In casa dello Swansea ha smentito ancora chi la dipinge come una squadra “meteora”. Non segna Vardy(e questa è di certo una notizia)ma non importa, ci pensa Mahrez che sigla una tripletta; regala tre punti ai suoi e permette a Claudio Ranieri di guardare tutti dall’alto della cldopo quindici giornate. Primato meritato, per costanza e per identità di gioco. Questa squadra è simbolo di sacrificio;tutti corrono per lo stesso obiettivo;da prendere ad esempio, da chi a volte si scorda che solo con l’impegno si raggiungono obiettivi importanti (vedi Chelsea, in cui è evidente non manca la qualità ma le giuste motivazioni). L’allenatore italiano, criticato in patria per un gioco ormai ritenuto “antico”, ha avuto il notevole merito di rivedere le sue idee di gioco, aggiungendo ad una sempre ottima fase difensiva anche l’organizzazione giusta nel reparto offensivo, notevolmente aiutato da Jamie Vardy. Non è dato sapere quanto questo sogno durerà, ma vi prego non svegliate Claudio Ranieri.
Il Leicester comunque allunga a +due dall’Arsenal, che vince in casa a fatica, e +3 dal Manchester city che viene battuto 2-0 da un’ottimo Stoke city, guidato da due ex interisti, Shaqiri ed Arnautovic.


Atletico Madrid, nessuno ne parla, ma è a due punti dal Barca!
Si sa,in Spagna i media sono propensi a concetrare l’attenzione sul Barcellona o del Real Madrid, questioni di potere e di soldi. Ma c’è un protagonista da qualche anno in Europa e in patria, l’Atletico del “cholo” Simeone. La squadra dell’allenatore argentino, capace due anni fa di essere a 2 minuti dal tetto d’Europa, sta tenendo il passo di questo Barcellona, da molti considerata una delle squadre più forti di sempre, la seconda squadra di Madrid dista soltanto due lunghezze dai campioni d’Europa, dopo che il Barcellona ha pareggiato,inaspettatamente in casa del Valencia. Nello scontro diretto, giocatosi a Settembre, l’Atletico affrontrò i campioni Blaugrana a testa alta e con la consapevolezza di potersela giocare, andò in vantaggio , ma cadde nel secondo tempo sotto due colpi straordinari dei due calciatori più forti del mondo, Messi e Neymar. La grinta messa in campo da tutti i componenti della formazione, è sempre stato il segno distintivo delle squadre del Cholo; che aggiunge a questo un’attenzione straordinaria riservata alla fase difensiva. In attacco,dopo l’addio di Diego Costa, che non sta rendendo ai livelli esibiti sotto la guida dell’argentino, ha “scoperto” un fenomeno, Antoine Griezmann. L’attaccante francese sta facendo la differenza;usa il destro ed il sinistro indifferentemente,si sacrifica e sopratutto gonfia le reti con una media da far invidia a mezza Europa. Due anni fa il Cholo vinceva la Liga proprio al Camp Nou,sotto gli occhi stupiti del mondo,riuscirà a replicare l’impresa?


Infine in Germania, arriva il primo k.o per il Bayern Monaco, che subisce un sonoro 3-1 in casa del Borussia Monchengladbach, la squadra di casa, è assolutamente rinata dopo l’arrivo in panchina di Andrè Schubert, capace di vincere 8 match su 10 in Bundesliga; la domanda che si pone tutta Europa è: cosa sarebbe accaduto se il tecnico tedesco fosse stato sulla panchina del Borussia sin dall’inizio?

Popolari

Di cosa abbiamo bisogno stasera

| Paolo Brescia |
Probabilmente di una benedizione. Con calma, senza vittimismi, personalismi, attacchi blandi, vediamo come potrebbe affrontare la Svezia questa sera l'Italia, nel giorno più importante degli ultimi 10 anni per la nostra Nazionale. Sapendo che bisogna ripartire dall'ABC(D).

Anno zero per il calcio femminile

| @rio_alve |
Da quel febbraio del 1933, ovvero quando venne fondato il Gruppo Femminile Calcistico, di acqua sotto ai ponti ne è passata tantissima. 

Ragionare dopo il disastro

| Emanuele Ciccarese |
Un disastro, annunciato. Come ripartire?

Voglia di riscatto: Marco Giampaolo

| Francesco Lalopa |
Con Faccia da Mister oggi andiamo a parlare di uno degli allenatori più controversi e sorprendenti delle ultime stagioni di Serie A, capace di passare in brevissimo tempo dalla guida di una squadra di Lega Pro a possibile candidato per la panchina della Nazionale Italiana, passando per le esaltanti esperienze di Empoli e Genova, sponda blucerchiata. 

La carriera da allenatore di Marco Giampaolo, come tante, ha avuto un inizio complicato fatto di esoneri, dimissioni, litigi con dirigenti e presidenti. Di tutte le squadre guidate, due sono state quelle che hanno fatto balzare gli onori della cronaca, in senso negativo, Giampaolo come allenatore: Cagliari e Brescia.  In Sardegna ci arriva nell'estate del 2006, ancora senza patentino da allenatore e con solo la breve esperienza di Ascoli come capo-allenatore, mentre la nostra Nazionale era intenta a giocare il Mondiale della rinascita dopo lo scandalo Calciopoli. Nonostante un avvio stentato ed un esonero d…