Passa ai contenuti principali

Favola Leicester!


di Luca Balbinetti


Il Leicester non ha ceduto neanche questa volta.
In casa dello Swansea ha smentito ancora chi la dipinge come una squadra “meteora”. Non segna Vardy(e questa è di certo una notizia)ma non importa, ci pensa Mahrez che sigla una tripletta; regala tre punti ai suoi e permette a Claudio Ranieri di guardare tutti dall’alto della cldopo quindici giornate. Primato meritato, per costanza e per identità di gioco. Questa squadra è simbolo di sacrificio;tutti corrono per lo stesso obiettivo;da prendere ad esempio, da chi a volte si scorda che solo con l’impegno si raggiungono obiettivi importanti (vedi Chelsea, in cui è evidente non manca la qualità ma le giuste motivazioni). L’allenatore italiano, criticato in patria per un gioco ormai ritenuto “antico”, ha avuto il notevole merito di rivedere le sue idee di gioco, aggiungendo ad una sempre ottima fase difensiva anche l’organizzazione giusta nel reparto offensivo, notevolmente aiutato da Jamie Vardy. Non è dato sapere quanto questo sogno durerà, ma vi prego non svegliate Claudio Ranieri.
Il Leicester comunque allunga a +due dall’Arsenal, che vince in casa a fatica, e +3 dal Manchester city che viene battuto 2-0 da un’ottimo Stoke city, guidato da due ex interisti, Shaqiri ed Arnautovic.


Atletico Madrid, nessuno ne parla, ma è a due punti dal Barca!
Si sa,in Spagna i media sono propensi a concetrare l’attenzione sul Barcellona o del Real Madrid, questioni di potere e di soldi. Ma c’è un protagonista da qualche anno in Europa e in patria, l’Atletico del “cholo” Simeone. La squadra dell’allenatore argentino, capace due anni fa di essere a 2 minuti dal tetto d’Europa, sta tenendo il passo di questo Barcellona, da molti considerata una delle squadre più forti di sempre, la seconda squadra di Madrid dista soltanto due lunghezze dai campioni d’Europa, dopo che il Barcellona ha pareggiato,inaspettatamente in casa del Valencia. Nello scontro diretto, giocatosi a Settembre, l’Atletico affrontrò i campioni Blaugrana a testa alta e con la consapevolezza di potersela giocare, andò in vantaggio , ma cadde nel secondo tempo sotto due colpi straordinari dei due calciatori più forti del mondo, Messi e Neymar. La grinta messa in campo da tutti i componenti della formazione, è sempre stato il segno distintivo delle squadre del Cholo; che aggiunge a questo un’attenzione straordinaria riservata alla fase difensiva. In attacco,dopo l’addio di Diego Costa, che non sta rendendo ai livelli esibiti sotto la guida dell’argentino, ha “scoperto” un fenomeno, Antoine Griezmann. L’attaccante francese sta facendo la differenza;usa il destro ed il sinistro indifferentemente,si sacrifica e sopratutto gonfia le reti con una media da far invidia a mezza Europa. Due anni fa il Cholo vinceva la Liga proprio al Camp Nou,sotto gli occhi stupiti del mondo,riuscirà a replicare l’impresa?


Infine in Germania, arriva il primo k.o per il Bayern Monaco, che subisce un sonoro 3-1 in casa del Borussia Monchengladbach, la squadra di casa, è assolutamente rinata dopo l’arrivo in panchina di Andrè Schubert, capace di vincere 8 match su 10 in Bundesliga; la domanda che si pone tutta Europa è: cosa sarebbe accaduto se il tecnico tedesco fosse stato sulla panchina del Borussia sin dall’inizio?

Popolari

La provincia davanti significa molto

| Paolo Brescia |
Stare davanti, piazzarsi al terzo posto è più di un'immagine, è ben più di un simbolo. Mettersi dietro quelle che si definiscono più grande e più potenti di te significa molto.
L'Atalanta blinda la Champions con un punto d'oro allo Stadium e prosegue la sua strepitosa costruzione. Nell'ultimo (probabilmente) scorcio dell'esperienza del Gasp sulla panchina orobica, la Dea non improvvisa nulla, non vive l'ansia da prestazione. Tutte qualità impresse col fuoco, che resteranno ormai nel percorso atalantino, e che soprattutto l'uomo dei giovani Gasperini ha saputo apportare al club di Zingonia. 

Playoff Serie B: Ne restano quattro

| rio_alve |
Nel pieno dello scandalo che ha travolto la Serie B ha preso il via il playoff promozione. Nel turbinio post stagione regolare si è formata una nuova griglia ed, escluso il Palermo per le note vicissitudini giuridico finanziarie, si è aperta improvvisamente la strada per altre interessanti pretendenti. Da questo imbuto uscirà la squadra con cui comporre il trittico di promosse alla massima serie e il primo turno, un setaccio posto a filtro delle semifinali, ha già tolto dalla corsa il ripescato Perugia (pelle comunque venduta a caro prezzo) ed il deludente Spezia superato in casa dal sorprendente Cittadella per 2-1.

Bayern ist Bayern

| Emanuele Ciccarese |
Dopo una Bundesliga rimasta per lungo tempo apertissima, alla fine l'ha spuntata il Bayern.

Con un occhio al presente ed uno al futuro

| Francesco Lalopa |
Giunti finalmente alla conclusione di questa annata calcistica, in Spagna si possono iniziare a tirare le prime conclusioni, pensando agli errori commessi ed alle possibili soluzioni in vista della prossima stagione. 

Per il secondo anno consecutivo il Barcellona ha conquistato il titolo di Campione di Spagna. Non ci sarebbe nulla di anormale se non fosse che anche quest'anno il titolo è stato messo in cascina ben prima della fine del campionato, con la vetta conquistata sin dalle prime giornate e mantenuta per tutto l'arco del torneo. Ben poche le critiche che si possono muovere a questa società sui risultati raggiunti nei propri confini, diversamente da quanto fatto vedere in Europa con la clamorosa eliminazione di Anfield. Di certo però i catalani comunque non resteranno fermi ed infatti già hanno iniziato a muoversi sul mercato con l'arrivo di De Jong dall'Ajax. E questo sembra non essere l'unico arrivo di una estate che si promette caldis…