Passa ai contenuti principali

Roma, è davvero tutto finito?


di Paolo Brescia

Il patto americano ha fallito, la Nuova Roma è finita. Qualsiasi speranza s'affossa, si fa vana, dopo un 2-4 contro una mediocre squadretta di cadetteria, l'addio alla "via più breve per arrivare al titolo", la Coppa Italia, sconvolge, preoccupa, angoscia.
La Roma, questa Roma, non c'è, è completamente e totalmente estraniata dal gioco del calcio. E come appassionato e sportivo, non ci sto. Dobbiamo andare, con lucidità, alla radice dei problemi, e far valere l'opinione, nel mare delle tante voci, per poter recuperare un barlume di spettacolo e gioia che questa squadra nei decenni ha saputo regalare.

In queste pagine abbiamo ospitato le opinioni di tutti e di ciascuno. Anche in tema Roma. Sensiani, Pallottiani, Garciani, anti sistema, pro Gabrielli e pro Curva Sud. Insomma, la voce di tutti, come sempre. Ora siamo di fronte ad un oggettivo, un discorso che quasi non accetta dialogo. E' tutto finito. Siamo di fronte ad una società senza s-palle, una dirigenza incapace e feroce, incapace di tutelare i propri beniamini, che non hanno mai smesso- gli va dato atto- di incitare e sostenere in tutti i modi il proprio club. Il modello americano sembrava essere rivoluzionario, competente.

Ma la storia si ripete, le squadre hanno bisogno di passione, sentimento, gloria e attenzione. Vanno seguite passo passo, calandosi nella realtà, senza rimanere freddamente distanti perché impegnati in altre attività forse più redditizie. Già, il reddito. Unico interesse di un CDA poco attento alle richieste di giocatori e tifosi. Ma questo famoso reddito, a Roma, non è cambiato di molto. I soldi sono sempre pochi e spesi male.
Una società deve far sentire la propria voce, con chiarezza, dopo disastri come quello di ieri. Dare un segnale, ai giocatori e a chi li gestisce. Cacciare il mister spesso non risolve i problemi, ma altre volte è efficace perché dà la scossa giusta. Ieri, Rudi Garcia è definitivamente uscito dalla testa e dal cuore di tutti, tutti (anche quelli che, lavorando per vie ufficiali, non possono dirvelo...) i romani. Un presidente normale, acconsentendo anche alle ansie dei supporters, esonera senza appelli un incompleto come Garcia. E invece, il nulla. s-Fiducia rinnovata.

Per continuare il declino, per affossare la Roma.
Da sportivo, chiedo, ridateci la Roma, il calcio ne ha bisogno. 

Popolari

San Siro, la Scala del calcio

| Francesco Zamboni |
Nel lontano 1925 nasce lo Stadio San Siro, palcoscenico delle grandi imprese sia nazionali che europee del Milan e dell’Inter.

In Irlanda esiste un campionato?

| Giordano Pantosti |
“There is no league in Ireland”. Così affermò Giovanni Trapattoni il 9 settembre 2013, due giorni prima di rescindere il contratto che lo legava alla nazionale irlandese in qualità di ct. La situazione sta cambiando?

Inizio a singhiozzo

| Francesco Lalopa |

Quello che doveva essere il solito placito duopolio Barcellona - Real Madrid, sta dimostrando di essere qualcosa in più, con la cima della classifica che si è arricchita della presenza di Siviglia, Espanyol ed Alaves, mentre la classe "media" arranca e si attarda nella rincorsa alle posizioni europee della classifica. 

A guidare la testa della classifica, sorprendentemente soprattutto vista la passata stagione, c'è il Siviglia. La squadra guidata da Pablo Machin si sta imponendo in questo avvio di stagione grazie ad un mix tra solidità difensiva e bel gioco che sta permettendo di sfoderare prestazioni sempre più sorprendenti giornata dopo giornata come la netta vittoria per 3:0 contro il Real Madrid. Ad aver preso per mano la squadra in queste prime giornate sono state le due punte Andrè Silva e Wissam Ben Yedder, trascinando il gruppo grazie ai propri gol ed alle giocate. Ad attenderli ora ci sarà il Barcellona, squadra che sta attraversando una p…

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Dopo la sosta, torna il calcio europeo con tre big match niente male.