Passa ai contenuti principali

Roma, è davvero tutto finito?


di Paolo Brescia

Il patto americano ha fallito, la Nuova Roma è finita. Qualsiasi speranza s'affossa, si fa vana, dopo un 2-4 contro una mediocre squadretta di cadetteria, l'addio alla "via più breve per arrivare al titolo", la Coppa Italia, sconvolge, preoccupa, angoscia.
La Roma, questa Roma, non c'è, è completamente e totalmente estraniata dal gioco del calcio. E come appassionato e sportivo, non ci sto. Dobbiamo andare, con lucidità, alla radice dei problemi, e far valere l'opinione, nel mare delle tante voci, per poter recuperare un barlume di spettacolo e gioia che questa squadra nei decenni ha saputo regalare.

In queste pagine abbiamo ospitato le opinioni di tutti e di ciascuno. Anche in tema Roma. Sensiani, Pallottiani, Garciani, anti sistema, pro Gabrielli e pro Curva Sud. Insomma, la voce di tutti, come sempre. Ora siamo di fronte ad un oggettivo, un discorso che quasi non accetta dialogo. E' tutto finito. Siamo di fronte ad una società senza s-palle, una dirigenza incapace e feroce, incapace di tutelare i propri beniamini, che non hanno mai smesso- gli va dato atto- di incitare e sostenere in tutti i modi il proprio club. Il modello americano sembrava essere rivoluzionario, competente.

Ma la storia si ripete, le squadre hanno bisogno di passione, sentimento, gloria e attenzione. Vanno seguite passo passo, calandosi nella realtà, senza rimanere freddamente distanti perché impegnati in altre attività forse più redditizie. Già, il reddito. Unico interesse di un CDA poco attento alle richieste di giocatori e tifosi. Ma questo famoso reddito, a Roma, non è cambiato di molto. I soldi sono sempre pochi e spesi male.
Una società deve far sentire la propria voce, con chiarezza, dopo disastri come quello di ieri. Dare un segnale, ai giocatori e a chi li gestisce. Cacciare il mister spesso non risolve i problemi, ma altre volte è efficace perché dà la scossa giusta. Ieri, Rudi Garcia è definitivamente uscito dalla testa e dal cuore di tutti, tutti (anche quelli che, lavorando per vie ufficiali, non possono dirvelo...) i romani. Un presidente normale, acconsentendo anche alle ansie dei supporters, esonera senza appelli un incompleto come Garcia. E invece, il nulla. s-Fiducia rinnovata.

Per continuare il declino, per affossare la Roma.
Da sportivo, chiedo, ridateci la Roma, il calcio ne ha bisogno. 

Popolari

Ripartenza: che campionato vedremo?

| Paolo Brescia |
Ripartiamo. Nonostante tutto, con un lutto che, no, non si cancella; con le novità, con i sapori vecchi e le speranze nuove, con la gioia e la rabbia, con la delusione (diritti tv, che caos!) e l'ambizione: si ritorna in sella, che alla fine è la cosa che conta. Torna la Serie A.

Quanto basta

| Paolo Brescia |
Spingere quanto basta, va bene, ma non sempre basta. Il primo -  mutilato - turno di Serie A ci consegna un messaggio da prendere con le dovute considerazioni. Spingere quanto vorresti alla prima è impossibile: ti manca il fiato (o i giocatori, talvolta), ti manca il rodaggio. I dettami sono da assimilare. E c'è il caldo d'agosto. Una settimana di cooling break farà benissimo a tutti, e dalla prossima, forse, vedremo già un po' più di calcio.

Serie A: valzer tra i pali!

| Francesco Lalopa | Si sa che quello del portiere non è mai un ruolo scontato, al pari di una punta infatti può farti vincere o perdere una partita grazie alle proprie gesta e nella stagione appena trascorsa numerose sono state le prove sopra livello dei portieri "nostrani".  La prima stagione di Serie A che non vedrà protagonista Gianluigi Buffon dopo 23 anni di lunga militanza, ha portato con sè numerosi avvicendamenti tra i pali di molte squadre del nostro campionato. Oggi noi proveremo ad analizzarne qualcuno, anche in chiave fantacalcistica.



Cristiano Ronaldo bianconero

| Luca Balbinetti |
Cristiano Ronaldo alla Juventus, uno dei due giocatori più forti del pianeta (viva la diplomazia) in serie a. Ormai ci siamo abituati a sentire tutto questo (o non ancora?). Dopo l’entusiasmo iniziale, dopo aver analizzato nel dettaglio la trattativa, che in molti hanno additato come quella del secolo, ora proveremo ad analizzare come il giocatore più determinante del pianeta si inserirà nel progetto tattico di Allegri.