Passa ai contenuti principali

Roma, è davvero tutto finito?


di Paolo Brescia

Il patto americano ha fallito, la Nuova Roma è finita. Qualsiasi speranza s'affossa, si fa vana, dopo un 2-4 contro una mediocre squadretta di cadetteria, l'addio alla "via più breve per arrivare al titolo", la Coppa Italia, sconvolge, preoccupa, angoscia.
La Roma, questa Roma, non c'è, è completamente e totalmente estraniata dal gioco del calcio. E come appassionato e sportivo, non ci sto. Dobbiamo andare, con lucidità, alla radice dei problemi, e far valere l'opinione, nel mare delle tante voci, per poter recuperare un barlume di spettacolo e gioia che questa squadra nei decenni ha saputo regalare.

In queste pagine abbiamo ospitato le opinioni di tutti e di ciascuno. Anche in tema Roma. Sensiani, Pallottiani, Garciani, anti sistema, pro Gabrielli e pro Curva Sud. Insomma, la voce di tutti, come sempre. Ora siamo di fronte ad un oggettivo, un discorso che quasi non accetta dialogo. E' tutto finito. Siamo di fronte ad una società senza s-palle, una dirigenza incapace e feroce, incapace di tutelare i propri beniamini, che non hanno mai smesso- gli va dato atto- di incitare e sostenere in tutti i modi il proprio club. Il modello americano sembrava essere rivoluzionario, competente.

Ma la storia si ripete, le squadre hanno bisogno di passione, sentimento, gloria e attenzione. Vanno seguite passo passo, calandosi nella realtà, senza rimanere freddamente distanti perché impegnati in altre attività forse più redditizie. Già, il reddito. Unico interesse di un CDA poco attento alle richieste di giocatori e tifosi. Ma questo famoso reddito, a Roma, non è cambiato di molto. I soldi sono sempre pochi e spesi male.
Una società deve far sentire la propria voce, con chiarezza, dopo disastri come quello di ieri. Dare un segnale, ai giocatori e a chi li gestisce. Cacciare il mister spesso non risolve i problemi, ma altre volte è efficace perché dà la scossa giusta. Ieri, Rudi Garcia è definitivamente uscito dalla testa e dal cuore di tutti, tutti (anche quelli che, lavorando per vie ufficiali, non possono dirvelo...) i romani. Un presidente normale, acconsentendo anche alle ansie dei supporters, esonera senza appelli un incompleto come Garcia. E invece, il nulla. s-Fiducia rinnovata.

Per continuare il declino, per affossare la Roma.
Da sportivo, chiedo, ridateci la Roma, il calcio ne ha bisogno. 

Popolari

Milan in costruzione, cosa manca?

| Andrea Piana |
Dopo la pesante sconfitta con la Lazio, il Milan si è parzialmente riscattato con la larga vittoria in casa dell'Austria Vienna e nelle prossime due partite, sulla carta abbastanza semplici, contro Udinese e Spal, cercherà di confermarsi e di dimostrare che il crollo all'Olimpico è stato solo un incidente di percorso.

Ribaltamento cadetto

| rio_alve |
Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 

Solidità è vittoria

| Paolo Brescia |
La quarta di A ci mette di fronte al fatto compiuto: la solidità totale non esiste, ma la vittoria passa per forza attraverso la resistenza. Juve, Inter, Napoli, Roma e Lazio sono solide, non perchè invincibili o senza difetti (ognuna ha il suo, chiaro da tempo), ma per il fatto di avere e far vedere una netta superiorità di carattere, di articolazione unita in campo.

Serie Aperta, ma non a tutti

| Paolo Brescia |
Il gioco in Serie A, la roulette che mai si ferma ed è già alla quinta volata (superata), ci consegna altri verdetti, che ci lasciano un primo, importante, suggerimento: non c'è un diretto dominio a striscie bianconere, c'è una sostanziale apertura a due fronti, quello del vertice, composto dalla forma e dalla sostanza, ovvero dallo spettacolare Napoli coriaceo e ben impostato, e dalla Juve pur altalenante eppure sempre vincente e mai, davvero mai, in vera difficoltà all' (ex) Stadium, potere di un tempio che attrae e non lascia pane alle avversarie, evidentemente; e quello di insidia.