Passa ai contenuti principali

Roma, è davvero tutto finito?


di Paolo Brescia

Il patto americano ha fallito, la Nuova Roma è finita. Qualsiasi speranza s'affossa, si fa vana, dopo un 2-4 contro una mediocre squadretta di cadetteria, l'addio alla "via più breve per arrivare al titolo", la Coppa Italia, sconvolge, preoccupa, angoscia.
La Roma, questa Roma, non c'è, è completamente e totalmente estraniata dal gioco del calcio. E come appassionato e sportivo, non ci sto. Dobbiamo andare, con lucidità, alla radice dei problemi, e far valere l'opinione, nel mare delle tante voci, per poter recuperare un barlume di spettacolo e gioia che questa squadra nei decenni ha saputo regalare.

In queste pagine abbiamo ospitato le opinioni di tutti e di ciascuno. Anche in tema Roma. Sensiani, Pallottiani, Garciani, anti sistema, pro Gabrielli e pro Curva Sud. Insomma, la voce di tutti, come sempre. Ora siamo di fronte ad un oggettivo, un discorso che quasi non accetta dialogo. E' tutto finito. Siamo di fronte ad una società senza s-palle, una dirigenza incapace e feroce, incapace di tutelare i propri beniamini, che non hanno mai smesso- gli va dato atto- di incitare e sostenere in tutti i modi il proprio club. Il modello americano sembrava essere rivoluzionario, competente.

Ma la storia si ripete, le squadre hanno bisogno di passione, sentimento, gloria e attenzione. Vanno seguite passo passo, calandosi nella realtà, senza rimanere freddamente distanti perché impegnati in altre attività forse più redditizie. Già, il reddito. Unico interesse di un CDA poco attento alle richieste di giocatori e tifosi. Ma questo famoso reddito, a Roma, non è cambiato di molto. I soldi sono sempre pochi e spesi male.
Una società deve far sentire la propria voce, con chiarezza, dopo disastri come quello di ieri. Dare un segnale, ai giocatori e a chi li gestisce. Cacciare il mister spesso non risolve i problemi, ma altre volte è efficace perché dà la scossa giusta. Ieri, Rudi Garcia è definitivamente uscito dalla testa e dal cuore di tutti, tutti (anche quelli che, lavorando per vie ufficiali, non possono dirvelo...) i romani. Un presidente normale, acconsentendo anche alle ansie dei supporters, esonera senza appelli un incompleto come Garcia. E invece, il nulla. s-Fiducia rinnovata.

Per continuare il declino, per affossare la Roma.
Da sportivo, chiedo, ridateci la Roma, il calcio ne ha bisogno. 

Popolari

La provincia davanti significa molto

| Paolo Brescia |
Stare davanti, piazzarsi al terzo posto è più di un'immagine, è ben più di un simbolo. Mettersi dietro quelle che si definiscono più grande e più potenti di te significa molto.
L'Atalanta blinda la Champions con un punto d'oro allo Stadium e prosegue la sua strepitosa costruzione. Nell'ultimo (probabilmente) scorcio dell'esperienza del Gasp sulla panchina orobica, la Dea non improvvisa nulla, non vive l'ansia da prestazione. Tutte qualità impresse col fuoco, che resteranno ormai nel percorso atalantino, e che soprattutto l'uomo dei giovani Gasperini ha saputo apportare al club di Zingonia. 

Playoff Serie B: Ne restano quattro

| rio_alve |
Nel pieno dello scandalo che ha travolto la Serie B ha preso il via il playoff promozione. Nel turbinio post stagione regolare si è formata una nuova griglia ed, escluso il Palermo per le note vicissitudini giuridico finanziarie, si è aperta improvvisamente la strada per altre interessanti pretendenti. Da questo imbuto uscirà la squadra con cui comporre il trittico di promosse alla massima serie e il primo turno, un setaccio posto a filtro delle semifinali, ha già tolto dalla corsa il ripescato Perugia (pelle comunque venduta a caro prezzo) ed il deludente Spezia superato in casa dal sorprendente Cittadella per 2-1.

Bayern ist Bayern

| Emanuele Ciccarese |
Dopo una Bundesliga rimasta per lungo tempo apertissima, alla fine l'ha spuntata il Bayern.

Con un occhio al presente ed uno al futuro

| Francesco Lalopa |
Giunti finalmente alla conclusione di questa annata calcistica, in Spagna si possono iniziare a tirare le prime conclusioni, pensando agli errori commessi ed alle possibili soluzioni in vista della prossima stagione. 

Per il secondo anno consecutivo il Barcellona ha conquistato il titolo di Campione di Spagna. Non ci sarebbe nulla di anormale se non fosse che anche quest'anno il titolo è stato messo in cascina ben prima della fine del campionato, con la vetta conquistata sin dalle prime giornate e mantenuta per tutto l'arco del torneo. Ben poche le critiche che si possono muovere a questa società sui risultati raggiunti nei propri confini, diversamente da quanto fatto vedere in Europa con la clamorosa eliminazione di Anfield. Di certo però i catalani comunque non resteranno fermi ed infatti già hanno iniziato a muoversi sul mercato con l'arrivo di De Jong dall'Ajax. E questo sembra non essere l'unico arrivo di una estate che si promette caldis…