Passa ai contenuti principali

Europei 2016, Istruzioni per l'uso

Grafiche a cura di Il Calcio Visto Da Me ®

Ecco i gironi sorteggiati ieri pomeriggio SALVA L'IMMAGINE



Il calendario dell'Italia SALVA L'IMMAGINE


attenzione: la gara con l'Eire sarà il 22/6, non il 13/6.
Qui sotto tutte le info



ORGANIZZAZIONE
Sono 10 le città ospitanti (Lilla, Lens, Saint-Denis, Parigi, Lione, Saint-Etienne, Bordeaux, Nizza, Tolosa e Marsiglia). Il torneo si aprirà il 10 giugno 2016 con i gironi eliminatori, gli ottavi di finale si giocheranno il 25-26-27 Giugno, i Quarti il 30 Giugno e il 1-2-3 Luglio, le semifinali il 6 e il 7 Luglio, la finalissima si giocherà allo Stade De France il 10 Luglio.

NUOVO REGOLAMENTO
24 squadre e non più 16: questi saranno i primi europei con 6 Gironi da 4 squadre, si qualificheranno infatti non solo le prime due di ogni gruppo, ma anche le quattro migliori terze classificate (in base ai punti in classifica, e nel difficile caso in cui avessero gli stessi punti, si conterà la differenza reti).
Non sarà inoltre giocata la finalina del III-IV posto.

Popolari

Milan in costruzione, cosa manca?

| Andrea Piana |
Dopo la pesante sconfitta con la Lazio, il Milan si è parzialmente riscattato con la larga vittoria in casa dell'Austria Vienna e nelle prossime due partite, sulla carta abbastanza semplici, contro Udinese e Spal, cercherà di confermarsi e di dimostrare che il crollo all'Olimpico è stato solo un incidente di percorso.

Ribaltamento cadetto

| rio_alve |
Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 

Solidità è vittoria

| Paolo Brescia |
La quarta di A ci mette di fronte al fatto compiuto: la solidità totale non esiste, ma la vittoria passa per forza attraverso la resistenza. Juve, Inter, Napoli, Roma e Lazio sono solide, non perchè invincibili o senza difetti (ognuna ha il suo, chiaro da tempo), ma per il fatto di avere e far vedere una netta superiorità di carattere, di articolazione unita in campo.

Serie Aperta, ma non a tutti

| Paolo Brescia |
Il gioco in Serie A, la roulette che mai si ferma ed è già alla quinta volata (superata), ci consegna altri verdetti, che ci lasciano un primo, importante, suggerimento: non c'è un diretto dominio a striscie bianconere, c'è una sostanziale apertura a due fronti, quello del vertice, composto dalla forma e dalla sostanza, ovvero dallo spettacolare Napoli coriaceo e ben impostato, e dalla Juve pur altalenante eppure sempre vincente e mai, davvero mai, in vera difficoltà all' (ex) Stadium, potere di un tempio che attrae e non lascia pane alle avversarie, evidentemente; e quello di insidia.