Passa ai contenuti principali

A vele spiegate o bocciate

Andrea Bugno |





Tra conferme e sorprese va in archivio la tre giorni di ottavi di finale di Coppa Italia. Quella che si presumeva essere una semplice formalità si rivela una Caporetto, soprattutto a livello mentale e di entusiasmo, per le squadre che sono cadute in maniera rovinosa e del tutto inaspettata. Le battute d'arresto di Fiorentina e Romaacuiscono i problemi di due squadre che, per motivi ben differenti, sembrano lasciare il passo nell'ipotetico quintetto alla guida del campionato, a Inter, Napoli e Juventus (in rigoroso ordine cronologico di successi) che hanno dimostrato invece solide basi per quanto riguarda struttura, gioco e soprattutto mentalità vincente.

Miglior viatico in vista dell'ultimo impegno dell'anno solare 2015, e per l'inizio dell'anno nuovo, non poteva esserci per le squadre diMancini, Sarri ed Allegri, che potevano soltanto sperare in delle pratiche archiviate nei primissimi minuti delle rispettive sfide. Detto, fatto: le tre affermazioni hanno denotato una fortissima consapevolezza dei propri mezzi (aspetto ampiamente messo in mostra nei primi mesi di campionato) oltre a confermare la forza di una squadra che spesso si misura dagli impegni infrasettimanali, termometro ultimo che definisce spesso le velleità e la costruzione, mentale quanto tecnica e numerica, delle rose che vogliono puntare a degli obiettivi a lungo termine.

E' il caso delle suddette, che tra turnover più o meno ampio ed avversari blasonati o no, riescono a mettere una pietra tombale sulla qualificazione già nei primi attimi del match. Il Napoli di Sarri è, delle tre, quella che riesce ad archiviare la pratica nel più breve intervallo possibile: tramortisce in un quarto d'ora la sommessa resistenza del giovane Verona, sceso al San Paolo col pensiero rivolto agli impegni di campionato e di salvezza. Discorso diverso, ma piuttosto simile per risultato e dimostrazione di forza e mentalità vincente quello che lega Inter e Juve: gara sotto controllo nelle fasi iniziali, dove Cagliari e Torino mettono la testa fuori dal guscio, prima di ritrarla alla mezz'ora quando Palacio e Zaza sbloccano le sfide, prima di ipotecarle nella ripresa rimpinguando il bottino.

Tutto facile, soltanto in apparenza, perché se Sparta piange, stavolta Atene si fa grosse risate riguardo le beffe subita dalle rivali, che crollano davanti ad ostacoli tutt'altro che insormontabili. Le motivazioni alla base del crollo di Roma e Fiorentina, rovinose entrambe per proporzioni soprattutto delle rivali, è da ricercarsi nella eccessiva fragilità mentale delle due squadre. I capitolini, oramai è risaputo, sono vittime di uno stato mentale che imbriglia e condiziona oltremodo gioco e fiducia: lo Spezia presentatosi all'Olimpico è un fantasma che prende corpo con il passare dei minuti, quando lo 0-0 penetra nelle menti dei calciatori giallorossi che non riescono a sbloccare la gara. Garcia appare svuotato, i calciatori sono lo specchio dell'allentore: i rigori di Pjanic e Dzekol'emblema di una tranquillità mentale oramai perduta.

Di tutt'altra matrice la sconfitta della Fiorentina, che si presenta al cospetto del Carpi di Castori tutt'altro che umile. Sousa sottolineerà, con enorme ed encomiabile sincerità tutte le lacune della sua squadra, che una volta approcciata la gara nel modo giusto si scioglie davanti ad un'eccessiva sicurezza, che però si tramuta in un boomerang tagliente. Superbia ed arroganza, due caratteristiche che la giovane squadra del portoghese mai aveva mostrato, escono alla distanza nel corso della sfida, lasciando spazio ad eccessivi individualismi ed alla modesta squadra emiliana che in poche mosse manda nel baratro i viola. Una sconfitta ed una eliminazione salutari, perché è da questo tipo di errori e figuracce, che si deve costruire la mentalità vincente che deve trascinare la viola nel definitivo processo di consacrazione.

Tre giorni di Coppa che dovevano confermare le velleità di alta classifica del quintetto di testa, ma che rischiano seriamente di spaccare in due il gruppetto, dando forza, fiducia ed ulteriori certezze al terzetto vincente e lasciando dubbi e lacune nelle menti di coloro che sono cadute.

Popolari

Di cosa abbiamo bisogno stasera

| Paolo Brescia |
Probabilmente di una benedizione. Con calma, senza vittimismi, personalismi, attacchi blandi, vediamo come potrebbe affrontare la Svezia questa sera l'Italia, nel giorno più importante degli ultimi 10 anni per la nostra Nazionale. Sapendo che bisogna ripartire dall'ABC(D).

Anno zero per il calcio femminile

| @rio_alve |
Da quel febbraio del 1933, ovvero quando venne fondato il Gruppo Femminile Calcistico, di acqua sotto ai ponti ne è passata tantissima. 

Ragionare dopo il disastro

| Emanuele Ciccarese |
Un disastro, annunciato. Come ripartire?

Voglia di riscatto: Marco Giampaolo

| Francesco Lalopa |
Con Faccia da Mister oggi andiamo a parlare di uno degli allenatori più controversi e sorprendenti delle ultime stagioni di Serie A, capace di passare in brevissimo tempo dalla guida di una squadra di Lega Pro a possibile candidato per la panchina della Nazionale Italiana, passando per le esaltanti esperienze di Empoli e Genova, sponda blucerchiata. 

La carriera da allenatore di Marco Giampaolo, come tante, ha avuto un inizio complicato fatto di esoneri, dimissioni, litigi con dirigenti e presidenti. Di tutte le squadre guidate, due sono state quelle che hanno fatto balzare gli onori della cronaca, in senso negativo, Giampaolo come allenatore: Cagliari e Brescia.  In Sardegna ci arriva nell'estate del 2006, ancora senza patentino da allenatore e con solo la breve esperienza di Ascoli come capo-allenatore, mentre la nostra Nazionale era intenta a giocare il Mondiale della rinascita dopo lo scandalo Calciopoli. Nonostante un avvio stentato ed un esonero d…