Passa ai contenuti principali

Ribaltamento cadetto


Era un bel primato quello del Venezia, meglio di Palermo o Perugia ma anche di Inter o Juventus. 


Lo zero nella classifica nella colonna dei gol subiti però è durato fino al minuto ottantotto dell’anticipo di lunedì sera al Partenio di Avellino: 1-1. Primo gol subito in questo campionato ed ennesimo pareggio per i ragazzi di Inzaghi che conservano un ruolino di marcia comunque invidiabile per una neopromossa.
Al Renzo Barbera si affrontano Palermo e Perugia nel big match del quinto turno. Partita ricca di occasioni da rete con umbri molto pericolosi soprattutto in apertura. La partita rimane in equilibrio fino all’ottantesimo minuto fin quando ossia il perugino Colombatto intercetta con il braccio un tiro di Nestorovski: è rigore. Dal dischetto lo stesso Nestorovski realizza il gol che vale i tre punti.
Vittoria soffertissima quella ottenuta dal Frosinone ad Ascoli. 



I padroni di casa hanno tenuto il pallino dell’incontro per quasi tutta la durata del match ma non hanno saputo affondare il colpo decisivo per portare a casa l’intera posta in palio. Ma come capita sempre in queste storie di calcio l’occasione viene sfruttata da chi era parso meno meritevole nei novanta minuti. Infatti al quinto minuto di recupero, da calciod’angolo, Ciano pennella un pallone invitante che il centrale Terranova spedisce imparabilmente alle spalle del portiere ascolano Lanni. Per i ciociari è l’occasione per prendere il comando della classifica sfruttando il concomitante stop del Perugia e quello sorprendente del Carpi. La partita per il Carpi in realtà era iniziata nel migliori dei modi: al nono minuto lancio lungo a scavalcare il centrocampo, scivolone del difensore foggiano Camporese e per Mbakoku è un gioco da ragazzi mettere la palla in rete: Carpi-Foggia 1-0. Forse qualcuno già comincia a pensare alle copiose disfatte contro Pescara o Avellino ma questa volta dalla panchina arriva la sterzata decisiva. Stoppa durante l’intervallo richiama Fedato in panchina per dare spazio a Floriano e già al 51° i satanelli pareggiano in mischia. Lo stesso Floriano, un quarto d’ora dopo, serve l’assiste del 1 a 2 a Chirico (entrato un minuto prima). Il definitivo 1-3 è opera di Beretta appena subentrato a Mazzeo. Per il Foggia prima vittoria in serie B, per il Carpi battuta d’arresto che deve far riflettere.


Continua a regalare emozioni e clamorose rimonte il Pescara di mister Zeman e questa volta a trarne beneficio è l’Entella. Parte bene il delfino passando in vantaggio con un eurogol di Capone al 17° del primo tempo e raddoppio con una sassata dai venticinque metri di Brugman con la gara che pare messa in ghiaccio. Ma l’illusione dura poco e se ne accorgono i tifosi assiepati sulle tribune dell’Adriatico: in cinque minuti l’Entella riacciuffa la partita con Luppi e Diaw e vani risultano i successivi tentativi pescaresi di riportarsi in vantaggio.
Terzo stop per la neopromossa Parma, 1-2 contro un concreto Empoli che raggiunge in solitaria la seconda piazza della classifica mentre ancora con zero vittorie Salernitana e Pro Vercelli che non vanno oltre un 1-1 nello scontro che le ha viste avversarie. Calendario alla mano, sabato prossimo occhi puntati su Frosinone-Perugia ed Empoli-Cittadella con i veneti già saliti al sesto posto. Da queste parti già si sente profumo di serie A.

Popolari

La Finale: Francia-Croazia

| Francesco Lalopa |
Anche questa avventura mondiale giunge al termine. Un mese ricco di sorprese che ci ha tenuti incollati al televisore partita dopo partita e che ha consegnato ai posteri una finale che veramente in pochissimi avrebbero ipotizzato all'inizio della competizione, soprattutto a causa di clamorose eliminazioni ed assenze a questa fase finale.

Finalina: Belgio-Inghilterra

| rio_alve |

La prima finale della storia del mondiale, valevole per il terzo e quarto posto, venne giocata a Napoli nel giugno del 1934 tra Germania e Austria, in quello che potrebbe essere considerato tranquillamente un derby. Il teatro fu quello dello stadio “Giorgio Ascarelli”, dal nome del facoltoso presidente partenopeo che ne aveva finanziato la costruzione pochi anni prima, e il risultato fu di 3-2 per i tedeschi davanti a 40.000 spettatori. Nel 1942 l’Ascarelli venne raso al suolo da un bombardamento alleato e il terreno di gioco divenne un deposito di macerie nella ricostruzione post bellica. Ottantaquattro anni più tardi, questa volta in Russia, la finale per il terzo e quarto posto, sarà tra Belgio e Inghilterra.

Un "nuovo" Berisha per la Lazio

| Max Strati |
No, la Lazio non ha ricomprato il suo ex portiere, ma ha da poco acquistato un interessante profilo, Valon Berisha.

Semifinali: Francia-Belgio

| Emanuele Ciccarese |
Una semifinale d'oro, una finale anticipata.