Passa ai contenuti principali

Bosz cambia tutto


Il Borussia Dortmund cambierà faccia nella prossima stagione.


Con Tuchel il Dortmund era diventata una squadra troppo sperimentale, meno cinica di quanto lo era sotto la guida di Klopp e meno stabile tatticamente. Un modulo diverso quasi ogni settimana, ricerca fino alla fine di ruoli che non dessero punti di riferimento e schemi particolari: alla fine era diventato un sistema fine a sé stesso, che non dava garanzie e non vinceva, fino a rischiare di arrivare in quarta posizione, dietro l'Hoffenheim.


Dopo l'addio di Tuchel a fine stagione, serviva un tecnico abile nella crescita dei giovani (merito che va dato all'ex tecnico), più cinico e più esperto in ambito europeo. La scelta è ricaduta su Peter Bosz, che nella scorsa stagione ha condotto l'Ajax orfano di De Boer al secondo posto e in finale di Europa League, persa contro lo United. Risultati soddisfacenti dato che la rosa aveva un'età media tra i 22 e i 23 anni, formata principalmente da giocatori cresciuti nella cantera.


Highlights dell'Ajax della scorsa stagione

Bosz nella scorsa stagione ha preferito non cambiare troppo gli schemi in campo, facendo della specificità dei ruoli un sistema per giocare meglio e per far crescere meglio i giovani (cosa mancata troppo con Tuchel). Se utilizzerà questo sistema dovremmo vedere un 4-3-3 con spinta forte delle mezzali e dei terzini. Proprio sui terzini Tuchel aveva lavorato molto: questi si accentravano alle spalle dei centrocampisti (sulla linea mediana in fase di costruzione e sulla trequarti in fase offensiva) e rappresentavano il fulcro dell'imprevedibilità, caratteristica fondamentale del Dortmund 2016/17: l'utilizzo di questo sistema resta un'incognita.


Nelle prime uscite di agosto questo tipo di gioco si è messo subito in mostra con ordine e compattezza, come possiamo notare in questo grafico di @11tegen11 riguardante la gara di supercoppa contro il Bayern: linea di passaggi ottima, posizione media delle mezzali che dimostra quanto questo ruolo sarà fondamentale.

Nella gara di Supercoppa si sono visti sprazzi di buon calcio e il goal (contropiede eccezionale, occhio al cronometro) del 2-1 di Aubameyang ne è la conferma:


A Dortmund le premesse per fare una buona stagione ci sono, ora parlerà il campo: risultati o ennesimo cambio di allenatore?


Seguici su Facebook e Twitter

Popolari

Predatori, idoli

| Paolo Brescia |
I predatori d'area di questa settimana ad alta quota sono tutti con la I. Quelli che ti aspetti ma non con questo nerbo. Quelli che credi siano intensi, ma non per forza devastanti. Quanto meno, non incontrastati.

Cose per cui ricorderemo Pirlo

| Tobia Cimini |
Ha annunciato il suo addio al calcio Andrea Pirlo, un calciatore sul cui talento nessuno ha mai avuto qualcosa da ridire.


Eurosfidanti: Chelsea

| Emanuele Ciccarese |
La Roma stasera si prepara ad affrontare un avversario tostissimo ma un po' acciaccato. Non sarà poi la partita che ci saremmo aspettati un mese fa, un po' di cose sono cambiate.

Eurosfidanti: Aek Atene, Apollon, Nizza

| Lele Aglietti |
La voglia del Milan di rispondere alle critiche, l’entusiasmo di Bergamo e la sorpresa Lazio, che sembra non aver paura di volare: in tre con l’obiettivo comune di continuare a portare alta la bandiera italiana e di ripetere quanto di buono fatto finora nelle prime uscite Europee.  All’orizzonte della terza giornata di UEFA Europa League ci sono l’Aek di Atene, che farà visita al Milan e il Nizza di Mario Balotelli, che ospiterà la Lazio, mentre a Bergamo arrivano i ciprioti dell’Apollon.