Passa ai contenuti principali

Un Liverpool più forte



A Liverpool è tornato il grande calcio: dopo la grande rincorsa al titolo con Brendan Rodgers fermata solo dallo sciagurato scivolone di Gerrard, i tifosi dei Reds sono tornati a sognare grazie al genio tattico di Jurgen Klopp.



Dopo il quarto posto dell'ultima stagione, i Reds sono intervenuti sul mercato per consegnare al manager tedesco una rosa ancora più forte grazie ad acquisti mirati per rinforzare ruoli importanti, ecco che quindi sono arrivati Momo Salah per l'attacco e Andy Robertson nel ruolo di terzino sinistro.



L'attaccante egiziano non necessita di grandi presentazioni, 34 gol e 24 assist in 83 partite con la Roma, mortifero in contropiede e dalla grande tecnica, le sue prestazioni hanno fruttato al club capitolino 42 milioni di Euro; mai nessuno era stato ceduto a una cifra così alta.
Robertson invece arriva dal retrocesso Hull City ed è un interessante talento per la fascia sinistra dove si sono alternati Milner e Alberto Moreno con il primo che si ritrova fuori ruolo e il secondo che sembra destinato alla cessione visto il terribile rendimento che ha avuto nelle ultime due stagioni.





Altri due dovevano essere i colpi del Liverpool ma per vari motivi non si sono concretizzati: il centrale Virgil Van Dijk e il centrocampista Naby Keita rispettivamente giocatori di Southampton e Lipsia. Il primo sembrava vicinissimo al trasferimento ma un'irregolarità nella trattativa dei Reds, rei di aver contattato il giocatore senza il permesso del club, li ha costretti a dover fare un passo indietro. Per quanto riguarda Keita, invece, a spegnere i desideri di Klopp è intervenuto il Lipsia, che ha deciso di non voler cedere il ragazzo in nessun caso, nonostante un'offerta che sembrava essere superiore ai 60 milioni di Euro. Da segnalare inoltre è la probabile uscita di Coutinho, il brasiliano è vicino al Barcelona e il club catalano sembra pronto a sborsare una cifra intorno ai 100 milioni per ricongiungerlo al suo ex compagno Luis Suarez.





All'esordio in Premier il Liverpool affronterà il Watford di Marco Silva ma non ci sarà Lallana, che non tornerà in campo prima di ottobre, mentre probabilmente partirà dal primo minuto Salah, autore già di importanti prestazioni nel precampionato. L'obiettivo dei Reds dovrebbe essere un piazzamento nelle prime quattro posizioni che, ricordiamo, da questa stagione garantiranno l'accesso diretto in Champions League.

Champions che il Liverpool dovrà conquistarsi attraverso un difficile play-off contro l'Hoffenheim, con Firmino che affronterà la sua ex squadra in una partita che promette tanto spettacolo, non una novità quando in campo scendono i Reds.




Popolari

La Finale: Francia-Croazia

| Francesco Lalopa |
Anche questa avventura mondiale giunge al termine. Un mese ricco di sorprese che ci ha tenuti incollati al televisore partita dopo partita e che ha consegnato ai posteri una finale che veramente in pochissimi avrebbero ipotizzato all'inizio della competizione, soprattutto a causa di clamorose eliminazioni ed assenze a questa fase finale.

Finalina: Belgio-Inghilterra

| rio_alve |

La prima finale della storia del mondiale, valevole per il terzo e quarto posto, venne giocata a Napoli nel giugno del 1934 tra Germania e Austria, in quello che potrebbe essere considerato tranquillamente un derby. Il teatro fu quello dello stadio “Giorgio Ascarelli”, dal nome del facoltoso presidente partenopeo che ne aveva finanziato la costruzione pochi anni prima, e il risultato fu di 3-2 per i tedeschi davanti a 40.000 spettatori. Nel 1942 l’Ascarelli venne raso al suolo da un bombardamento alleato e il terreno di gioco divenne un deposito di macerie nella ricostruzione post bellica. Ottantaquattro anni più tardi, questa volta in Russia, la finale per il terzo e quarto posto, sarà tra Belgio e Inghilterra.

Un "nuovo" Berisha per la Lazio

| Max Strati |
No, la Lazio non ha ricomprato il suo ex portiere, ma ha da poco acquistato un interessante profilo, Valon Berisha.

Semifinali: Francia-Belgio

| Emanuele Ciccarese |
Una semifinale d'oro, una finale anticipata.