Passa ai contenuti principali

Come funziona il VAR

| Emanuele Onofri |

Nella prossima stagione di Serie A sarà introdotto il VAR (Video Assistant Referee). Come funziona? Ci sono svantaggi?


L’Italia, insieme a Germania ed Olanda, sarà tra le prime nazioni ad usufruire di questa nuova tecnologia, pronta a sbarcare in tutti i campionati europei in caso di buona riuscita della sua sperimentazione. È importante sottolineare che la tecnologia VAR non è assolutamente una moviola in campo, come l’occhio di falco nel tennis, per intenderci, ma soltanto un aiuto al servizio del direttore di gara. L’arbitro, dopo un rapido consulto con i suoi assistenti, potrà infatti richiedere di rivedere le immagini a bordo campo per poi valutare quale sia la decisione più corretta da prendere. Questo protocollo potrà essere avviato solo in alcune situazioni: assegnazione di un gol, espulsioni, assegnazione di calci di rigore o scambio di persona oggetta a sanzionamento disciplinare. Né le due squadre in campo né i componenti delle due panchine potranno quindi richiedere all’arbitro di rivedere la propria decisione, il solo compito del direttore di gara sarà scegliere secondo propria coscienza se utilizzare il supporto tecnologico o meno.



Il VAR è già stato sperimentato in ambito internazionale, durante la Confederations Cup tenutasi in Russia, e da questa esperienza possiamo già dedurne quali possano essere i pregi e quali i difetti: sicuramente il più grande ostacolo al VAR è lo spettacolo, il suo utilizzo implicherebbe l’interrompersi del gioco per un tempo superiore alle interruzioni standard, spezzando il ritmo della partita. Di contro a questo il suo utilizzo permetterebbe all’arbitro di prendere la decisione giusta e questo metterebbe in numerosi casi a tacere le polemiche a fine partita, in quanto gli errori arbitrali diminuirebbero a dismisura. L’unico messaggio che non dovrebbe passare nel mondo arbitrale è quello che abbina un arbitro che utlilizza il VAR ad un arbitro poco capace: il direttore di gara non deve prendere l’uso della tecnologia come correzione ad un suo errore, ma semplicemente come un supporto alla sua prestazione, usufruendone ogni volta che sarà necessario. 



Questo è quanto accaduto in Confederations Cup durante la semifinale tra Cile e Portogallo: al Cile non solo è stato negato un rigore solare, ma né l’arbitro né l’assistente a bordo campo hanno ritenuto necessario l’intervento del VAR, ritenendo presuntuosamente di aver preso la decisione corretta anche in una situazione complicata, come il fallo commesso da Fonte.
Questo episodio isolato è solo un piccolo allarme, che potrebbe decisamente rientrare a fine stagione, quando i benefici dell’utilizzo del VAR saranno più visibili dopo la prova in un lungo periodo.

Seguici su Facebook e Twitter

Popolari

La conferma del patrimonio Guardiola

| Luca Balbinetti |
Questo Manchester City è qualcosa che va oltre una semplice squadra, è la conferma che un allenatore con le sue idee e l'ambiente giusto attorno può portare avanti un'idea di gioco che qualche anno fa aveva del rivoluzionario, ora è semplicemente estasi, e merita di essere lodato, fin quando non risulterà estremamente banale farlo. 


Stöger, la strana scelta del Borussia Dortmund

| Emanuele Ciccarese |
Identikit e probabile sistema del nuovo allenatore del Borussia Dortmund.

Delusione in alta quota

| Paolo Brescia |
Difficile stabilire chi esce più deluso e chi più "contento" dai 3 pareggi 0-0 delle prime 4 del campionato. In valori tecnici la Roma, seguita a ruota dal Napoli, perché più forti delle avversarie. In valori di stagione la Juve, perché probabilmente meritevole di vittoria contro l'Inter. In valori di prospettiva l'Inter perché avrebbe potuto imprimere tutt'altra forza alla gara e dunque alla stagione, vista l'impressione che si aveva di spartiacque. Dunque delusione, eppure tutte e 4 a modo loro hanno gioito del pari delle altre.

Proposte per il WeekEnd

| Max Strati | Due big match all'estero, più una finale per il Real Madrid victor omnium.