Passa ai contenuti principali

Neymar è il colpo del secolo?


Partiamo da un dato. Anzi due. Neymar è il colpo del secolo. A livello economico (col record dei 222 milioni sborsati per la clausola), ma forse ancora di più a livello mediatico. Il mondo, sportivo e no, si è fermato di fronte a questo trasferimento record, dando pareri e giudizi contrastanti.


 Il Psg si è assicurato il giocatore più forte dei prossimi 5-6 anni, visto che le parabole di Cristiano Ronaldo e Messi, carta d'identità alla mano, sono per forza di cose destinate a prendere una direzione discendente. L'investimento tecnico, dunque, non si discute. 



Che poi il suo arrivo basti al Paris per vincere la Champions League, questa è un'altra storia. Può succedere, ma quest'anno sembra ancora improbabile. Il brand Psg aumenterà di riflesso la sua aura in tutto il mondo,di pari passo con quello dell'icona-Neymar. Ci sarà quindi anche un ritorno economico, seppur non ai livelli di quello che è stato speso. A tutto questo va sommata la crescita del prodotto Ligue 1, che però rischia di ricreare un fossato notevole fra la squadra della capitale e il resto della compagnia, visto che il Monaco vende i suoi gioielli facendo plusvalenze da urlo (sensate, ma discutibili sul piano tecnico).


Fin qui la parte bella. La parte brutta, si fa per dire, riguarda il discorso etico e le ripercussioni del "neymarismo", come ha suggerito il solito e geniale Josè Mourinho. Il problema morale lo possiamo denunciare, ma la società, purtroppo, lo scavalca quasi come se niente fosse. Qualche indignazione, qualche parere discordante, ma alla fine ci si dimentica abbastanza in fretta e presto torniamo a parlare di gol e numeri che il giocatore sa fare in campo. Ovvio, servirebbe un tetto. Perchè nessun giocatore al mondo può valere questa cifra. Così come non ne valeva 110 Pogba o non ne può valere 200 Mbappè che ha fatto 5 mesi da titolare. Il mercato e il mondo cambia e si trasforma, certo, ma qui abbiamo passato il confine.



Poi c'è il neymarismo. Nei prossimi anni, ma in realtà già ne abbiamo visti degli sprazzi di recente, ci sarà il rischio che giocatori mediocri vengano pagati 70, 80 o 100 milioni di euro, perchè l'asticella, inevitabilmente, si alzerà. Ovviamente peserà ancora il valore del giocatore, ma la sensazione, come sta accadendo ora per i prezzi folli di alcuni difensori, è che alcune cose possano finire fuori controllo.
La vicenda Neymar ha quindi segnato un nuovo spartiacque nella storia delle trattative. Per qualcuno è un bene. Per qualcuno è un male. Solo il tempo ci dirà, effettivamente, chi aveva ragione...

Seguici su Facebook e Twitter


Popolari

Neopromosse: Spal

| Valerio Frezza |
"Il sogno da confermare"
Un anno intero ad inseguire un sogno ed il sogno diventa realtà. La Spal tra poche ore scenderà in campo per la sua diciassettesima stagione in serie A dalla creazione del girone unico. Il destino si è divertito a fare uno scherzo davvero simpatico agli spallini: uno dei cori più gettonati durante i festeggiamenti per la promozione era un "Tanto lo so, l'anno prossimo gioco all'Olimpico" ed evidentemente qualcuno li ha ascoltati tant’è che la prima di campionato sarà proprio Lazio-Spal con lo stadio Olimpico come inevitabile location.

L'anno della verità per Ciciretti

| Emanuele Onofri |
Come ogni anno l’avvento del nuovo campionato porta agli occhi del grande pubblico una serie di talenti, prima sconosciuti, poi elementi cardine. Uno di questi è Amato Ciciretti, centrocampista offensivo in forza al Benevento neo promosso in Serie A.

Pensieri Orobici

| Paolo Brescia |
Un mercato in altalena, cessioni importanti, voglie nuove, tre trofei in cui competere. Eccola l’Atalanta, tra provincia e solida realtà, in tutto. 

Proposte per il weekend

| Paolo Brescia |
Rieccoli i weekend pieni come piacciono a noi. A voi. Proviamo a fare ordine per proporvi un fine settimana estivo condito (finalmente) dal calcio che conta.