Passa ai contenuti principali

L'ultima chiamata per Wenger



Un terzo e un secondo posto sembravano preannunciare una grande stagione per l'Arsenal ma quella conclusa è stata la peggiore dell'era Wenger: per la prima volta dal 1996 i Gunners si sono ritrovati dietro ai cugini del Tottenham e fuori dalla zona Champions, tuttavia la vittoria sul Chelsea nella finale di FA Cup ha risollevato la stagione permettendo a Wenger di firmare il rinnovo per due anni.


Wembley si è poi riconfermata la casa dell'Arsenal dopo la vittoria del Community Shield ai danni dei campioni del Chelsea: a decidere nei 90' è stato il nuovo acquisto Sead Kolasinac, arrivato a parametro zero dallo Schalke e destinato a prendere il posto di Gibbs, che intanto si sta cercando una nuova squadra. La novità che sembra aver risollevato le sorti Wenger è il nuovo assetto tattico: il tecnico alsaziano ha recuperato la difesa a tre che era solito usare nei suoi primi anni in Inghilterra portando buoni risultati soprattutto nel dare più solidità a un reparto, la difesa, che ultimamente era andato spesso in difficoltà.



Sul mercato Wenger è intervenuto in maniera contenuta ma comunque mirata: oltre al già citato Kolasinac, nel nord di Londra è arrivato, per la cifra record di 53 milioni di Euro, Alexandre Lacazette, autore di oltre 80 gol nelle ultime 4 stagioni con il Lione e chiamato a portare freschezza in un attacco che senza Sanchez ha faticato fin troppo.
Questione spinosa è proprio quella di Alexis Sanchez: il cileno ha apertamente espresso la volontà di andare a giocare la Champions League e su di lui è forte l'interesse di Manchester City e PSG, inoltre il contratto in scadenza nel giugno 2018 rende la situazione particolarmente rischiosa per il club; tuttavia Wenger è sempre stato un amante del rischio e ha dichiarato a più riprese che il ragazzo rimarrà all'Arsenal. In scadenza 2018 è anche il contratto di Mesut Ozil che però sembra essere intenzionato a continuare l'avventura a Londra in virtù del buonissimo rapporto con Wenger.
In uscita ci sono principalmente tre nomi: Debuchy e Gibbs, che per vari motivi sono ormai fuori dalle rotazioni del tecnico, e Lucas Perez, scontento per lo scarso minutaggio avuto nella scorsa stagione e a cui il club ha anche tolto il numero 9 per darlo a Lacazette, di cui abbiamo parlato qui.



L'Arsenal affronterà il Leicester alla prima ma dovrà farlo senza Koscielny, squalificato, e Sanchez, infortunato; è probabile che Wenger riproponga la formazione vista nel Community Shield ma con l'incognita di Özil che ancora è in dubbio per la partita. Probabilmente quella in arrivo è l'ultima chiamata per Wenger, che dovrà almeno tornare a rimettersi nelle prime quattro posizioni della classifica e cercare di fare il massimo in Europa League, dove la sua squadra è una delle principali candidate alla vittoria finale.

Popolari

Predatori, idoli

| Paolo Brescia |
I predatori d'area di questa settimana ad alta quota sono tutti con la I. Quelli che ti aspetti ma non con questo nerbo. Quelli che credi siano intensi, ma non per forza devastanti. Quanto meno, non incontrastati.

Cose per cui ricorderemo Pirlo

| Tobia Cimini |
Ha annunciato il suo addio al calcio Andrea Pirlo, un calciatore sul cui talento nessuno ha mai avuto qualcosa da ridire.


Eurosfidanti: Chelsea

| Emanuele Ciccarese |
La Roma stasera si prepara ad affrontare un avversario tostissimo ma un po' acciaccato. Non sarà poi la partita che ci saremmo aspettati un mese fa, un po' di cose sono cambiate.

Eurosfidanti: Aek Atene, Apollon, Nizza

| Lele Aglietti |
La voglia del Milan di rispondere alle critiche, l’entusiasmo di Bergamo e la sorpresa Lazio, che sembra non aver paura di volare: in tre con l’obiettivo comune di continuare a portare alta la bandiera italiana e di ripetere quanto di buono fatto finora nelle prime uscite Europee.  All’orizzonte della terza giornata di UEFA Europa League ci sono l’Aek di Atene, che farà visita al Milan e il Nizza di Mario Balotelli, che ospiterà la Lazio, mentre a Bergamo arrivano i ciprioti dell’Apollon.