Passa ai contenuti principali

L'Inter che verrà


Riuscirà Spalletti a far spiccare il volo ai nerazzurri? Le premesse ci sono.

Se volessimo riassumere il nuovo progetto dell'Inter potremmo dire: stessa base, qualcosa di diverso.
Quella stessa base che ha rappresentato delusione e fallimento per i tifosi, ma che qualcosa di positivo ha. Sabatini infatti non ha stravolto la rosa (come era solito fare in casa Roma), ma l'ha prevalentemente mantenuta e rinforzata con degli innesti interessanti. Skriniar, Dalbert, Vecino ma soprattutto Borja Valero rappresentano degli acquisti mirati, adatti al gioco di Spalletti per caratteristiche tattiche e tecniche, insomma tasselli che si inseriscono perfettamente nel 4-2-3-1 ideale.


Nella prima esperienza a Roma, Spalletti adottò il 4-2-3-1 falso 9 per l'assenza di punte pure, schierando Totti falso 9 e Perrotta sulla trequarti per via della sua eccellente capacità di inserimento. Gli esterni erano Mancini e Taddei, ali fantasiose ma allo stesso tempo prolifiche o utili tatticamente per strappi e inserimenti. Sulla linea mediana un centrocampista roccioso che potesse garantire soprattutto la fase difensiva come De Rossi, affiancato dal playmaker Pizarro, abile nella costruzione dal basso e fare da metronomo nelle azioni con massimo due tocchi. Nella seconda esperienza a Roma possiamo riconoscere due fasi: la prima rappresenta la seconda parte di stagione 2015/16, in cui ripropose lo stesso schema, la seconda rappresenta invece la stagione 2016/17, quando cambiò qualcosa. Innanzitutto con la cessione di Pjanic e il ritiro di Keita la Roma si privò di due elementi fondamentali per proporre lo stesso schema, poi c'era un Dzeko da rilanciare e, terzo, con il ritorno di Paredes e il rientro dall'infortunio di Strootman le caratteristiche dei centrocampisti cambiarono totalmente. Poi, quarto, piccolo particolare, mancavano proprio i terzini per disporre una difesa a 4.
La soluzione fu il 3-4-1-2, venne dato più spazio al ruolo dell'esterno basso e alla fisicità dei giocatori.



Ora presumibilmente Spalletti adotterà il 4-2-3-1 (illustrato sopra), e lo farà grazie a dei giocatori che fondono le idee tattiche che ha adottato negli ultimi due anni. Un ruolo fondamentale ovviamente lo avrà Icardi (Schick riserva ideale), che non si limiterà ad attaccare lo spazio in area ma dovrà anche abbassarsi per prendersi il pallone e farsi seguire dai marcatori, farà tanto lavoro sporco. Interessante sarà poi l'utilizzo di Joao Mario, elogiato ampiamente dal tecnico di Certaldo. Anche il centrocampista portoghese dovrà giocare attivamente, inserirsi alle spalle dei difensori, liberare lo spazio per la punta o per gli esterni, dialogare con i mediani. Anche se per il ruolo di trequartista sarebbe stato meglio un incontrista più fisico, alla Nainggolan, per intenderci. Sulla linea mediana poi ci sarà Borja Valero, classico giocatore dotato di un'ottima tecnica e in grado di costruire l'azione con rapidità. Al suo fianco il giocatore che si avvicina maggiormente all'idea del ruolo che ha Spalletti è Gagliardini, capace di supportare abilmente la fase difensiva così come quella offensiva, è un giocatore che potrebbe crescere molto in questa stagione, dato anche che ci sono i mondiali in vista e Ventura stravede per lui.


La difesa a 4 poi potrà contare sui nuovi arrivati Dalbert e Skriniar. Il primo rappresenta il classico terzino brasiliano, agile e veloce nell'attaccare gli spazi, sul secondo abbiamo scritto qui, elogiandone la possanza fisica e l'intelligenza tattica tipica del difensore che imposta. Con Miranda e D'Ambrosio (se arriverà un nuovo terzino destro come Aurier tanto meglio) poi vanno a completare un quartetto di tutto rispetto.

Qui una delle migliori partite di Dalbert con la maglia del Nizza.

La situazione degli esterni non è poi così chiara. Perisic, nonostante le tante voci che lo volevano in partenza, è un giocatore per cui Spalletti stravede perché ha velocità, tecnica e cinismo. Il problema riguarda l'esterno destro, perchè Candreva, per quanto si è visto nel calcio d'agosto, non appare in forma fisica smagliante ed Emre Mor (in dirittura d'arrivo) non sembra un profilo all'altezza per competere ad alti livelli. Possibili sorprese? Occhio a Jovetic e Eder.

Popolari

La Finale: Francia-Croazia

| Francesco Lalopa |
Anche questa avventura mondiale giunge al termine. Un mese ricco di sorprese che ci ha tenuti incollati al televisore partita dopo partita e che ha consegnato ai posteri una finale che veramente in pochissimi avrebbero ipotizzato all'inizio della competizione, soprattutto a causa di clamorose eliminazioni ed assenze a questa fase finale.

Finalina: Belgio-Inghilterra

| rio_alve |

La prima finale della storia del mondiale, valevole per il terzo e quarto posto, venne giocata a Napoli nel giugno del 1934 tra Germania e Austria, in quello che potrebbe essere considerato tranquillamente un derby. Il teatro fu quello dello stadio “Giorgio Ascarelli”, dal nome del facoltoso presidente partenopeo che ne aveva finanziato la costruzione pochi anni prima, e il risultato fu di 3-2 per i tedeschi davanti a 40.000 spettatori. Nel 1942 l’Ascarelli venne raso al suolo da un bombardamento alleato e il terreno di gioco divenne un deposito di macerie nella ricostruzione post bellica. Ottantaquattro anni più tardi, questa volta in Russia, la finale per il terzo e quarto posto, sarà tra Belgio e Inghilterra.

Un "nuovo" Berisha per la Lazio

| Max Strati |
No, la Lazio non ha ricomprato il suo ex portiere, ma ha da poco acquistato un interessante profilo, Valon Berisha.

Semifinali: Francia-Belgio

| Emanuele Ciccarese |
Una semifinale d'oro, una finale anticipata.