Passa ai contenuti principali

Il Liverpool sogna

| Luca Balbinetti |

Ritorno alle origini in Premier League, per un week-end il centro del calcio inglese è tornato a Liverpool, dove non molto tempo fa sembrava non potesse spostarsi più.


Il Liverpool di Klopp, può stupire, e perché no sognare, lo faranno tutti i tifosi dei Reds durante questa pausa per le nazionali, dopo la sorprendente prestazione contro l’Arsenal stravinta per 4-0. Sogneranno sicuramente il loro tridente, un Firmino che insegue gli avversari fino alla propria metà campo, un Salah che si è adattato benissimo al gioco di Klopp, non poteva essere altrimenti, e un Manè che è il giocatore chiave di questo Liverpool, semplicemente decisivo. Ma il vero reparto che può far sognare il Liverpool è il centrocampo, mai come quest’anno Henderson sembra essere il leader ed il trascinatore che tutti si aspettavano da tempo, Emre Can invece, giganteggia con irriverente facilità e questo può essere un fattore decisivo, i suoi inserimenti causeranno non pochi problemi alle difese avversarie. Il test contro l’Arsenal però non può essere esplicativo, quindi calma. 



La squadra di Wenger, di squadra non ha nulla. Non esiste organizzazione, non esistono movimenti di reparto e non esiste la voglia di far bene. Ozil non si muove, Sanchez è un leone in gabbia e Lacazette non riesce ad adattarsi al caos. Wenger deve andarsene, già da tempo, e quando lo farà, sarà troppo tardi. Tornando al Liverpool, mi hanno stupito non poco, sono stati convincenti, detto questo i tifosi dei Reds devono essere consapevoli che dopo una prestazione del genere, conoscendo la squadra di Klopp, nel prossimo turno possano perdere di misura e poi tornare ad una vittoria convincente tra circa un mese, questo è Klopp, questo è il Liverpool e va amato così, aspettando queste prestazioni.
Se dovessimo spiegare il concetto di opposto, forse useremmo Mourinho e Klopp. Lo United sembra essere diventata una di quelle macchine perfette, che hanno certamente un pulsante che le può far entrare in crisi, ma nessuno riesce a capire dove sia. L’equilibrio della squadra allenata dal portoghese è assolutamente fantastica, l’attacco è un compromesso perfetto tra fantasia e cinismo, il centrocampo con Matic e Pogba non può avere eguali e la difesa sembra essere finalmente quella richiesta da Mou, sarà difficile per tutti affrontare questo campionato, ma forse, per lo United lo sarà un po’ meno.


 Infine, parliamo del Chelsea di Conte. Come spesso accade, il tecnico italiano si lamenta, ma poi vince. Rilascia dichiarazioni su quanto sia stato scarso il suo mercato, ma poi Morata e Alonso, due acquisti chiesti da lui in questi due anni, risultano decisivi ad ogni match. Conte si sa, non vuole mollare mai, e vuole che le società lo seguano in tutto, ma molto spesso non può essere così, e allora testa bassa, pedalare e migliorare chi hai a disposizione, che poi tanto scarsa la rosa del Chelsea non mi sembra affatto, anzi. Per concludere, proprio facendo una riflessione sulla rosa dei Blues, sento il bisogno di ribadirlo: Kantè è il centrocampista più forte della Premier.

Popolari

Un titolo già vinto

| Paolo Brescia |
Per un po' abbiamo provato a definire aperta la lotta al titolo. C'era spazio, in Serie A, per l'inserimento di un Napoli interessante, c'era margine per l'insidia alla Juve. Poi, più niente, con i bianconeri che polverizzano ogni numero, ogni dato (37 punti su 39 nel '18); con i partenopei che scendono in qualità e rendimento, con le statistiche offensive che si fanno impietose, per un gruppo che fa dei gol l'arma migliore. La palla non entra, anche a San Siro, per un motivo o un altro, per un miracolo o un altro (con Donnarumma protagonista alla 100esima). La ruota non gira, non cambia il verdetto sul tricolore, che resta in casa bianconera, col cinismo del posticipo dello Stadium.

Verità d'aprile

| Paolo Brescia |
E dunque pare che le dispute proseguano, e che tutto si debba decidere con il fondamentale scontro diretto di domenica. Juve e Napoli, ancora protagoniste: la prima la dai per vincitrice perché decantata come cinica, solida, precisa; l'altra la dai come stanca, allentata. Poi si inverte la tendenza. Non cambia l'idea che proviamo a trasmettere: alla fine saranno i valori globali a decretare il titolo e questi valori la Juve li ha nel complesso del gruppo più alti di quelli Azzurri. Ma questo non toglie le importanti doti di Sarri e squadra. Sul turno infrasettimanale, per esempio, dove torna a farne 4 la squadra azzurra, ne fa uno solo (e non basta) la Juve a Crotone. 

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Oltre alla sfida scudetto tra Napoli e Juve ci sono quattro big match piuttosto interessanti.

Due opposti

| Emanuele Onofri |
Breve storia della forte rivalità tra Juventus e Napoli, due squadre opposte.