Passa ai contenuti principali

Dembélé il salvatore


Dembélé è l'acquisto giusto per la rinascita del Barcellona?

Tutti si sono chiesti se per la chiusura dell'operazione 150 milioni siano stati eccessivi, ma una risposta possiamo darla: Il Psg ha dato più di 200 milioni al Barça per prendere Neymar, allora il Barça ha chiesto informazioni per Dembélé del Dortmund, la società giallonera ha approfittato della somma incassata dai blaugrana per fare una richiesta di 150 milioni, inevitabile. Tedeschi accontentati, il talento francese si è trasferito alla corte di Valverde e forse l'effetto domino economico è finito, dato che il Borussia ha preso Yarmolenko per due soldi.


Questi gli highlights dell'ultima partita del talentino francese con la maglia del BvB

Dal punto di vista tecnico-tattico non è sbagliato dire che Dembélé sia il più forte giovane talento del mondo, è un classe 97 che ama i dribbling nello stretto, gli strappi e gli assist. Il bilancio con il Dortmund parla di 10 reti e 22 assist in 50 partite e rispecchia le sue predilezioni tattiche: non è un bomber di razza, ma ama giocare sulla trequarti o sulla fascia sinistra per spaziare negli ultimi trenta metri avversari, liberare spazi e saltare i difensori; in questo senso potremmo definirlo fantasista, un pochino come Neymar, ma meno avanzato.


Proprio per le sue caratteritiche, l'acquisto di Dembélé è in linea con il leggero cambiamento tattico di Valverde. Potremmo vedere infatti schierato un 4-2-3-1, che varierebbe i movimenti dei trequartisti e concentrerebbe la squadra sulla fase offensiva. In panchina sono presenti molte alternative in questa direzione, come Deulofeu e Alcacer, giocatori duttili che fanno al caso degli schemi blaugrana. Molto dipenderà quindi dal nuovo organico, e non c'è da escludere che ci vorrà tempo per vedere un grande Barcellona.

Popolari

Amaro in bocca

| Lele Aglietti |
Un "Arrivederci" con l'amaro in bocca. Il 2018 delle italiane in Champions ha l'epilogo forse peggiore, tra gli innumerevoli ed ipotizzabili: Inter e Napoli beffardamente fatte fuori, Roma e Juventus cadono, seppur con il pass degli ottavi tra i denti.

Superclasico: tra goduria e amarezza

| rio_alve |
In Italia abbiamo visto da vicino Juan Ferdinando Quintero per una stagione intera, diciassette presenze ed un gol, contro il Bologna, nella stagione 2012/13. Lo abbiamo visto con la maglia a strisce azzurre verticali del Pescara indossata un tempo da giocatori come Gasperini, Junior, Allegri e Rebonato. Ma se nel 2013 la sua presenza nelle fila degli abruzzesi non ha evitato la retrocessione in Serie B, domenica sera, un suo gol nel pieno dei tempi supplementari, ha spianato la conquista della quarta Copa Libertadores al River Plate in quello che è stato il derby infinito contro il Boca Juniors.

Crolli e conferme

| Paolo Brescia |
Conferme che sono valori, conferme che sono crolli: è una giornata - pazza - ma di conferme: servono a delineare prospettive di classifica, a ormai pochi turni dalla fine d'anno e girone d'Andata. E quindi al prezioso giro di boa in Serie A.

Proposte per il WeekEnd

| Max Strati |
Il derby della mole e due big match in Premier.