Passa ai contenuti principali

Dembélé il salvatore


Dembélé è l'acquisto giusto per la rinascita del Barcellona?

Tutti si sono chiesti se per la chiusura dell'operazione 150 milioni siano stati eccessivi, ma una risposta possiamo darla: Il Psg ha dato più di 200 milioni al Barça per prendere Neymar, allora il Barça ha chiesto informazioni per Dembélé del Dortmund, la società giallonera ha approfittato della somma incassata dai blaugrana per fare una richiesta di 150 milioni, inevitabile. Tedeschi accontentati, il talento francese si è trasferito alla corte di Valverde e forse l'effetto domino economico è finito, dato che il Borussia ha preso Yarmolenko per due soldi.


Questi gli highlights dell'ultima partita del talentino francese con la maglia del BvB

Dal punto di vista tecnico-tattico non è sbagliato dire che Dembélé sia il più forte giovane talento del mondo, è un classe 97 che ama i dribbling nello stretto, gli strappi e gli assist. Il bilancio con il Dortmund parla di 10 reti e 22 assist in 50 partite e rispecchia le sue predilezioni tattiche: non è un bomber di razza, ma ama giocare sulla trequarti o sulla fascia sinistra per spaziare negli ultimi trenta metri avversari, liberare spazi e saltare i difensori; in questo senso potremmo definirlo fantasista, un pochino come Neymar, ma meno avanzato.


Proprio per le sue caratteritiche, l'acquisto di Dembélé è in linea con il leggero cambiamento tattico di Valverde. Potremmo vedere infatti schierato un 4-2-3-1, che varierebbe i movimenti dei trequartisti e concentrerebbe la squadra sulla fase offensiva. In panchina sono presenti molte alternative in questa direzione, come Deulofeu e Alcacer, giocatori duttili che fanno al caso degli schemi blaugrana. Molto dipenderà quindi dal nuovo organico, e non c'è da escludere che ci vorrà tempo per vedere un grande Barcellona.

Popolari

Eurosfidanti: Valencia

| Emanuele Onofri |
Come sta e come gioca il Valencia, avversaria della Juventus.

Eurosfidanti: Real Madrid

| Francesco Lalopa |
Dopo la trionfale cavalcata dello scorso anno, culminata in una storica semifinale di Champions League, la Roma di Eusebio Di Francesco comincia questa nuova avventura europea ritrovando una squadra di Madrid, in questo caso però ad attendere i giallorossi ci sono i campioni in carica del Real Madrid. 

Luci e ombre

| Emanuele Ciccarese |
L'editoriale sulla prima delle italiane in Champions.

Eurosfidanti: Stella Rossa

| rio_alve |
In questa storia si parla di Marakana ma non c’entra nulla il Brasile, al quale però con un po’ di presunzione si è evidentemente strizzato l’occhio. Non è una storia ambientata negli anni ’50 ma è attuale, proprio di questi giorni. Il Marakana è lo stadio della Stella Rossa, la squadra di Belgrado, inserita, con l’ottima compagnia di Napoli, PSG e Liverpool nel gruppo C della Champions League 2018/19.