Passa ai contenuti principali

Il City alla ricerca del riscatto



Una stagione iniziata nel migliore dei modi, 10 vittorie in 10 partite, e poi finita con un deludente terzo posto ha portato Guardiola e il suo Manchester a intervenire prepotentemente sul mercato.



Con una cifra vicina ai 140 milioni il manager catalano si è assicurato Mendy, Walker e Danilo: tre terzini (due destri e uno sinistro) che saranno vitali visto l'esodo che ha portato via da Manchester Zabaleta, Sagna, Kolarov e Clichy. Mendy e Walker in particolare sono reduci da due stagioni importanti con Monaco e Tottenham, in cui hanno messo in mostra grandi qualità in entrambe le fasi tanto da portare i Citizens a sborsare 57 milioni per il primo e 50 per il secondo, rendendoli di fatto il primo e il secondo difensore più costosi della storia del calcio. Meno esaltante è stato il rendimento di Danilo nelle ultime due stagioni, in cui ha visto pochissimo il campo e anche quando impiegato non ha mai convinto fino in fondo il Real che infatti lo ha ceduto senza troppi rimpianti.


Altri due sono i rinforzi degni di nota: con un esborso di circa 40 milioni di Euro, Guardiola ha provveduto a blindare la porta per gli anni a venire con l'acquisto di Ederson, chiamato a prendere il posto di un Claudio Bravo arrivato per giocare ma finito per diventare il secondo dell'argentino Caballero, ora al Chelsea. A rinforzare la trequarti invece è arrivato, per circa 50 milioni, il portoghese Bernardo Silva, protagonista della cavalcata del Monaco verso il titolo in Francia e le semifinali di Champions League con 10 gol e 12 assist; numeri importanti per un giocatore di 22 anni.

Nonstante le numerose uscite, in gran parte a parametro zero, la rosa del City rimane molto lunga ed è plausibile che molti altri verranno piazzati nelle ultime settimane del mercato, su tutti Bony, Mangala e Nasri, già ceduti in prestito nella scorsa stagione e ancora fuori dai piani del club, che ha detto loro di cercarsi una nuova sistemazione.



Ipotizzare la formazione che potrebbe scendere in campo a Brighton nella partita d'esordio della stagione è abbastanza difficile dati i numerosi ballottaggi presenti nei vari ruoli e l'incredibile creatività di Guardiola nel schierare formazioni sempre diverse tra loro. Di certo rimane che quella del City è la rosa ad oggi più dotata tecnicamente e, con un po' di continuità in più, potrebbe essere la principale candidata ad alzare la coppa a fine stagione.

Popolari

La Finale: Francia-Croazia

| Francesco Lalopa |
Anche questa avventura mondiale giunge al termine. Un mese ricco di sorprese che ci ha tenuti incollati al televisore partita dopo partita e che ha consegnato ai posteri una finale che veramente in pochissimi avrebbero ipotizzato all'inizio della competizione, soprattutto a causa di clamorose eliminazioni ed assenze a questa fase finale.

Finalina: Belgio-Inghilterra

| rio_alve |

La prima finale della storia del mondiale, valevole per il terzo e quarto posto, venne giocata a Napoli nel giugno del 1934 tra Germania e Austria, in quello che potrebbe essere considerato tranquillamente un derby. Il teatro fu quello dello stadio “Giorgio Ascarelli”, dal nome del facoltoso presidente partenopeo che ne aveva finanziato la costruzione pochi anni prima, e il risultato fu di 3-2 per i tedeschi davanti a 40.000 spettatori. Nel 1942 l’Ascarelli venne raso al suolo da un bombardamento alleato e il terreno di gioco divenne un deposito di macerie nella ricostruzione post bellica. Ottantaquattro anni più tardi, questa volta in Russia, la finale per il terzo e quarto posto, sarà tra Belgio e Inghilterra.

Un "nuovo" Berisha per la Lazio

| Max Strati |
No, la Lazio non ha ricomprato il suo ex portiere, ma ha da poco acquistato un interessante profilo, Valon Berisha.

Semifinali: Francia-Belgio

| Emanuele Ciccarese |
Una semifinale d'oro, una finale anticipata.