Passa ai contenuti principali

Due su quattro

| Andrea Piana |

Si chiude ai sedicesimi l'avventura in Europa League di Atalanta e Napoli, mentre Milan e Lazio passano agevolmente il turno; questo è il verdetto delle gare di ritorno giocate ieri sera.


Il Milan, già in una situazione molto favorevole dopo il 3-0 esterno dell'andata, schiera molte seconde linee e vince 1-0 a San Siro grazie al gol di Borini nel primo tempo, mantenendo il controllo della gara nella ripresa. Finora i rossoneri hanno avuto ben pochi problemi nel loro percorso europeo, anche se non hanno ancora affrontato squadre pericolose; la doppia sfida con l'Arsenal, l'avversario uscito dal sorteggio di oggi, da un lato renderà nuovamente San Siro teatro di un big match europeo e dall'altro potrà dire di più sulle possibilità del Milan di vincere la coppa.


La Lazio, che nonostante la sconfitta di misura dell'andata non era mai sembrata a rischio eliminazione, travolge 5-1 lo Steaua Bucarest all'Olimpico grazie alla tripletta di un impressionante Ciro Immobile (giunto a quota 31 gol stagionali) e alle reti di Bastos e Felipe Anderson; inutile, per gli ospiti, il gol della bandiera di Gnohéré. Anche i biancocelesti stanno disputando un ottimo torneo e il sorteggio degli ottavi ha riservato loro la Dinamo Kiev, un avversario da non sottovalutare ma sicuramente di gran lunga inferiore alla squadra di Inzaghi.



L'Atalanta esce a testa altissima dal doppio confronto con il Borussia Dortmund che, pur indebolita rispetto a 4-5 anni fa, rimane sempre una delle squadre più pericolose della competizione. Dopo il ko per 3-2 dell'andata, l'Atalanta gioca nuovamente un'ottima gara, va avanti con Toloi ma si fa raggiungere nei minuti finali dal gol di Schmelzer, che regala la qualificazione ai tedeschi. Va comunque segnalato l'ottimo atteggiamento della squadra bergamasca, che ha onorato la competizione passando un girone sulla carta abbastanza difficile e giocandosela fino alla fine con una squadra molto più esperta in campo internazionale.


Infine il Napoli, sconfitto 1-3 al San Paolo nella gara di andata, sfiora l'impresa vincendo 0-2 sul campo del Lipsia, grazie ai gol di Zielinski e Insigne, ma viene eliminato per la regola dei gol in trasferta. Da quello che si è visto nella gara di ritorno ci si sarebbe potuto aspettare molto di più dalla squadra di Sarri, che a livello tecnico era una delle più forti tra quelle presenti nei sedicesimi, anche se probabilmente questa competizione non era vista come una priorità dai partenopei.


Dopo i sedicesimi, sicuramente, il bilancio per le italiane non è positivo: in una competizione nettamente più alla portata del nostro calcio rispetto alla Champions, le due squadre ampiamente favorite sono passate, le due che erano in dubbio sono uscite entrambe. Ora restano due rappresentanti del nostro calcio tra le migliori sedici del torneo; gli ottavi, che si giocheranno l'8 e il 15 marzo, e in particolare la sfida tra Milan e Arsenal, saranno un buon test per il nostro calcio.

Popolari

Altri ottavi pazzeschi

| rio_alve | Sugli ottavi di finale di questa sorprendente edizione di Champions League è, infine, calato il sipario. Alla sua riapertura, a metà aprile, troveremo soltanto otto squadre, il meglio del calcio europeo in questo momento: Manchester City, Juventus, Manchester Utd, Tottenham, Barcellona, Porto, Ajax e Liverpool.

Nel secondo blocco di gare si è confermata la tendenza già evidenziata la scorsa settimana. In molti campi infatti ha dominato il tema della rimonta. La Juventus, ad esempio, si trovava davanti uno scoglio enorme: ribaltare il 2-0 subito al Wanda Metropolitano tre settimane fa contro una delle squadre, l’Atletico Madrid, considerate tra le più coriacee nel panorama europeo. Già dalle primissime battute di gioco si era però capito il canovaccio che la gara avrebbe preso. Forza fisica, tattica e testa hanno dato alla Juve la linfa necessaria per superare nettamente l’Atletico. Il 3-0 serviva ed il 3-0 è arrivato con una prova di forza che raramente avevamo visto. L’Atl…

L'utilizzo dei blocchi nel calcio

| Francesco Lalopa |
L'interscambio di idee e soluzioni tra uno sport ed un altro (ovviamente dove possibile) consente l'arricchimento del ventaglio di soluzioni a disposizione di un allenatore, rendendo sempre imprevedibile l'approccio della propria squadra alle varie situazioni di gioco. In questa sede andremo a parlare dei blocchi: soluzione che il calcio ha preso in "prestito" dalla pallacanestro per un loro utilizzo del tutto particolare.

Lottare per non rimpiangere

| Paolo Brescia |
Quando mancano solo due turni alla fine l'unica ambizione deve essere quella della lotta.  La lotta non ti fa rimpiangere nulla: lo sa chi lotta per ogni forma di Europa, lo sa l'Atalanta alla prova della gara finale di coppa Italia con la Lazio (che potrebbe fare lo stesso discorso, ma che per blasone poniamo un momento davanti alla Dea almeno nel diretto confronto di mercoledì), lo sanno in parte le milanesi e la Roma (che con la Juve ha mostrato ancora la sua anima: l'anima di complessità, l'anima di ribellione al destino), e lo sa l'Empoli che guarda dal fondo.

Febbre da Coppa Italia

| Francesco Lalopa |
Mentre in campionato si sta decidendo una combattutissima lotta per il quarto posto in classifica, 3 delle pretendenti si troveranno per contendersi la finale di Coppa Italia. Atalanta, Lazio, Milan e Fiorentina sono le quattro semifinaliste di una competizione che regala l'accesso diretto alla prossima Europa League. 

Milan-Lazio La prima semifinale vede contrapposte due compagini che nelle ultime settimane sono state al centro dell'attenzione dei media a causa degli attriti creatisi prima e dopo della sfida di campionato di San Siro e che proprio nella "Scala del calcio" si ritroverano per giocarsi l'accesso alla finale. Ovviamente, la sfida sarà giocata anche sulle scorie di quanto successo qualche settimana fa, per cui dovremo aspettarci una partita molto tesa, pronta a scoppiare anche al primo contrasto duro.

Si riparte dallo 0-0 della partita d'andata, di conseguenza nessuna delle due squadre potrà partire facendo calcoli, con entr…