Passa ai contenuti principali

Due su quattro

| Andrea Piana |

Si chiude ai sedicesimi l'avventura in Europa League di Atalanta e Napoli, mentre Milan e Lazio passano agevolmente il turno; questo è il verdetto delle gare di ritorno giocate ieri sera.


Il Milan, già in una situazione molto favorevole dopo il 3-0 esterno dell'andata, schiera molte seconde linee e vince 1-0 a San Siro grazie al gol di Borini nel primo tempo, mantenendo il controllo della gara nella ripresa. Finora i rossoneri hanno avuto ben pochi problemi nel loro percorso europeo, anche se non hanno ancora affrontato squadre pericolose; la doppia sfida con l'Arsenal, l'avversario uscito dal sorteggio di oggi, da un lato renderà nuovamente San Siro teatro di un big match europeo e dall'altro potrà dire di più sulle possibilità del Milan di vincere la coppa.


La Lazio, che nonostante la sconfitta di misura dell'andata non era mai sembrata a rischio eliminazione, travolge 5-1 lo Steaua Bucarest all'Olimpico grazie alla tripletta di un impressionante Ciro Immobile (giunto a quota 31 gol stagionali) e alle reti di Bastos e Felipe Anderson; inutile, per gli ospiti, il gol della bandiera di Gnohéré. Anche i biancocelesti stanno disputando un ottimo torneo e il sorteggio degli ottavi ha riservato loro la Dinamo Kiev, un avversario da non sottovalutare ma sicuramente di gran lunga inferiore alla squadra di Inzaghi.



L'Atalanta esce a testa altissima dal doppio confronto con il Borussia Dortmund che, pur indebolita rispetto a 4-5 anni fa, rimane sempre una delle squadre più pericolose della competizione. Dopo il ko per 3-2 dell'andata, l'Atalanta gioca nuovamente un'ottima gara, va avanti con Toloi ma si fa raggiungere nei minuti finali dal gol di Schmelzer, che regala la qualificazione ai tedeschi. Va comunque segnalato l'ottimo atteggiamento della squadra bergamasca, che ha onorato la competizione passando un girone sulla carta abbastanza difficile e giocandosela fino alla fine con una squadra molto più esperta in campo internazionale.


Infine il Napoli, sconfitto 1-3 al San Paolo nella gara di andata, sfiora l'impresa vincendo 0-2 sul campo del Lipsia, grazie ai gol di Zielinski e Insigne, ma viene eliminato per la regola dei gol in trasferta. Da quello che si è visto nella gara di ritorno ci si sarebbe potuto aspettare molto di più dalla squadra di Sarri, che a livello tecnico era una delle più forti tra quelle presenti nei sedicesimi, anche se probabilmente questa competizione non era vista come una priorità dai partenopei.


Dopo i sedicesimi, sicuramente, il bilancio per le italiane non è positivo: in una competizione nettamente più alla portata del nostro calcio rispetto alla Champions, le due squadre ampiamente favorite sono passate, le due che erano in dubbio sono uscite entrambe. Ora restano due rappresentanti del nostro calcio tra le migliori sedici del torneo; gli ottavi, che si giocheranno l'8 e il 15 marzo, e in particolare la sfida tra Milan e Arsenal, saranno un buon test per il nostro calcio.

Popolari

Sansone e Soriano per salvare il Bologna

| rio_alve |
Classifica di Serie A alla mano, appare evidente che la lotta per la salvezza potrebbe coinvolgere squadre che alla vigilia avrebbero potuto puntare comodamente alla permanenza nella massima serie. Il Bologna, ad esempio non sta mantenendo le aspettative e questa breve sessione di mercato, incastrata tra la sosta invernale e l’inizio del girone di ritorno, è l’occasione da sfruttare per portare nomi nuovi a vestire la casacca felsinea. Dopo l’incoraggiante prova contro il Napoli, nell’ultimo turno di campionato prima della sosta, la società ha confermato la fiducia all’allenatore, quel mister Inzaghi che lo scorso anno aveva portato il neopromosso Venezia nei playoff di serie B, dando forza a questa sua scelta con l’innesto di due arrivi preziosi. Il Bologna ha infatti ufficializzato l’ingaggio di due pedine già note al campionato italiano, Roberto Soriano e Nicola Sansone, in prestito fino al 30 giugno, entrambi provenienti dal Villareal.

Roberto Soriano, già ingaggiato in a…

Proposte per il weekend

| Max Strati |
Due partite di cartello in Italia, una in Inghilterra e poi il derby di Barcellona.

La notte dei campioni

| Francesco Lalopa |
Una finale di Champions League un po' scarna e povera di emozioni regala agli annali il Liverpool come vincitrice di questo ambito trofeo, in un derby inglese ( il secondo in pochi giorni ), inaspettato ed impronosticabile a settembre. 

La stagione "europea" delle due finaliste non era iniziata nel migliore dei modi: entrambe sorteggiate in gironi ostici, hanno douto lottare fino all'ultima giornata ed all'ultimo minuto di gioco per potersi garantire l'accesso alla fase successiva della competizione, col Liverpool che ha avuto la meglio sul Napoli nello scontro diretto ed il Tottenham che invece ha scalzato l'Inter grazie ad un fortunoso intreccio di risultati.  Ma nessuna delle due squadre rivelatesi poi finaliste sembrava poter ripetere, almeno nella prima parte della competizione, il percorso della stagione passata: i "reds" non erano più la squadra divertente ed aggressiva che aveva raggiunto la finale di Kiev persa poi…

Capolavoro e costanza

| Emanuele Ciccarese |
Il capolavoro di Messi, l'inaspettata costanza dell'Ajax.