Passa ai contenuti principali

Eurosfidanti: Shakhtar Donetsk


Una Roma apparentemente ritrovata si prepara ad affrontare una delle sue bestie nere, che viene da un periodo di alti e bassi.


Lo Shakhtar Donetsk attualmente è primo nella Premier ucraina, con un vantaggio di tre lunghezze sulla Dinamo Kiev. Viene da un periodo di amichevoli di certo non esaltante e da una cinquina rifilata alla decima e penultima forza della classifica Chornomorets.
Se parlare del valore dimostrato in un campionato non di alto livello lascia il tempo che trova, il rendimento in Champions è stato molto positivo. Due vittorie con Napoli e City hanno permesso una qualificazione sulla carta molto difficile, ma conquistata con cinismo e astuzia.
Attualmente lo Shakhtar gioca le partite a Kharkiv, nel Metalist Stadium in attesa di un ritorno alla normalità in seguito agli scontri tra filo-russi e esercito ucraino

Il tecnico Fonseca predilige il 4-2-3-1, con tutte le variazioni che questo modulo può offrire. Interessante, ad esempio, che a volte si formi in fase offensiva un 3-4-3 a rombo o che in fase di pressing siano tanti gli elementi a spingere davanti. Proprio come Di Francesco, il portoghese ricerca lo sviluppo del gioco verticale, inoltre fa variare spesso posizione agli elementi offensivi, abili negli inserimenti e nella rapidità di esecuzione delle giocate. È importante il ruolo dei terzini che spingono molto in fase offensiva e in difensiva chiudono sempre bene gli spazi.


Asso nella manica i contropiedi, in cui per esempio le ali hanno movimenti piuttosto precisi: ad alternanza una resta con il centravanti per il contropiede, l'altra resta in posizione di mezzala o aiuta dietro, per poi ripartire. Importante sarà la solita pressione della difesa alta della Roma di questa stagione, e che la mediana resti sempre al centro, collegando bene i due blocchi in fase di possesso. Davanti importante costruire a pochi tocchi come più o meno i giallorossi hanno fatto nelle ultime partite, e poi spazio ad un Cengiz che completa finalmente l'assetto offensivo desiderato sin dall'inizio della stagione.

Popolari

Sansone e Soriano per salvare il Bologna

| rio_alve |
Classifica di Serie A alla mano, appare evidente che la lotta per la salvezza potrebbe coinvolgere squadre che alla vigilia avrebbero potuto puntare comodamente alla permanenza nella massima serie. Il Bologna, ad esempio non sta mantenendo le aspettative e questa breve sessione di mercato, incastrata tra la sosta invernale e l’inizio del girone di ritorno, è l’occasione da sfruttare per portare nomi nuovi a vestire la casacca felsinea. Dopo l’incoraggiante prova contro il Napoli, nell’ultimo turno di campionato prima della sosta, la società ha confermato la fiducia all’allenatore, quel mister Inzaghi che lo scorso anno aveva portato il neopromosso Venezia nei playoff di serie B, dando forza a questa sua scelta con l’innesto di due arrivi preziosi. Il Bologna ha infatti ufficializzato l’ingaggio di due pedine già note al campionato italiano, Roberto Soriano e Nicola Sansone, in prestito fino al 30 giugno, entrambi provenienti dal Villareal.

Roberto Soriano, già ingaggiato in a…

Sull'addio di Marekiaro Hamsik

| rio_alve |
La letteratura romantica ha già visto scrivere pagine e pagine sugli addii tra amati. Stazioni ferroviarie con immancabili e ottocenteschi sibili di vapore, porti del nord Europa con grandi transatlantici e poi fermate d’autobus, ascensori, pianerottoli e traslochi. La nostra storia invece parte da un campo di calcio e dal suo epilogo: Marek Hamsik non è più un giocatore del Napoli.

La Champions della freschezza

| Paolo Brescia |
Si chiude il primo blocco di ottavi Champions, che danno il la alle ultime 4 sfide attese per la prossima settimana. Si chiude la due giorni e il report ci racconta di due vittorie casalinghe e due corsare, fondamentali vittorie esterne.


Gerarchie emergenti e polemiche inutili

| Emanuele Ciccarese
La zona Champions inizia ad essere una questione per due, si riscalda la lotta per la salvezza.